Home / Economia / Avremo proteste sociali e popolari contro i posti di lavoro rubati dalla AI Intelligenza Artificiale ?

Avremo proteste sociali e popolari contro i posti di lavoro rubati dalla AI Intelligenza Artificiale ?

Dove potrebbero avere origine le proteste contro la quarta rivoluzione industriale?

Una delle caratteristiche distintive della rivoluzione industriale è stata la ribellione luddista contro le macchine che la gente pensava stessero prendendo il loro lavoro e il loro sostentamento.

Naturalmente, quando guardiamo a quella situazione attraverso la lente lunghissima della storia, possiamo vedere che questi timori erano infondati, e alla fine furono creati posti di lavoro per sostituire quelli persi, e il reddito generalmente aumentò con l’aumento della produttività. Nonostante ciò, tuttavia, la pausa di Engels mette in luce il significativo periodo di tempo durante il quale la sorte dei lavoratori è stata indubbiamente influenzata dalle nuove tecnologie contro cui erano in competizione.

Con l’ascesa delle varie tecnologie che compongono la cosiddetta 4a rivoluzione industriale, molti hanno riflettuto se un’analoga ribellione contro la macchina potesse incombere su vasta scala. Questo argomento è stato trattato in modo approfondito, ma una nuova ricerca dell’Università di Zurigo esplora l’argomento da una nuova angolazione esaminando se alcune parti del Regno Unito fossero più inclini a protestare rispetto ad altre.

Infuria contro la macchina
I ricercatori esaminano i cosiddetti “Swing Riots”, che hanno avuto luogo in Inghilterra tra il 1830 e il 1832. Era all’epoca la più grande ondata di proteste nella storia del paese, con i lavoratori che chiedevano in modo aggressivo migliori condizioni di lavoro e salari più alti tramite l’uccisione del bestiame, l’incendio di fienili e la distruzione di macchinari che hanno incarnato l’era.

Proprio come la ribellione luddista dell’inizio del XIX secolo è stata forgiata attorno al personaggio immaginario di Ned Ludd, gli Swing Riots hanno creato il Capitano Swing come voce anonima per il loro movimento. Il suo nome avrebbe adornato minacce di violenza e incendio doloso e ha agito da punto di raccolta per la causa.

Si ritiene che gli Swing Riots siano emersi per una serie di ragioni, tra cui l’ondata di immigrazione dall’Irlanda, le prime carenze nel fiorente sistema di welfare, una serie di cattivi raccolti e l’indignazione generale per la distruzione dei posti di lavoro agricoli. Mentre la ribellione luddista era molto concentrata sull’industria tessile, gli Swing Riots erano di origine più agricola.

Una delle nuove macchine introdotte in quel periodo era la trebbiatrice, che separa i chicchi di cereali dalle loro bucce. Quando viene eseguito manualmente, questo è un lavoro massacrante, ma era un ruolo comune per gli uomini nel 1800, che erano spesso impiegati per tutto l’inverno in questo compito. Le nuove macchine erano in grado di risparmiare lavoro fino a 10 volte, quindi erano di notevole beneficio per gli agricoltori, ma ovviamente rappresentavano una notevole minaccia per i lavoratori.

Minaccia per i posti di lavoro
I ricercatori hanno quindi tentato di capire dove venivano dispiegate le trebbiatrici per vedere se le rivolte si stavano svolgendo nei luoghi in cui l’adozione della nuova tecnologia era più alta. A prima vista, questo sembrava effettivamente essere il caso, con rivolte e violenze che tendevano a riunirsi in aree dove sembrava esserci una forte domanda per la nuova tecnologia.

La situazione era così causale e semplice come sembra? Le trebbiatrici dell’epoca erano in grado di funzionare solo sul grano, che nonostante le somiglianze con altri grandi cereali, non era comune nelle fattorie inglesi dell’epoca a causa del terreno argilloso che spesso portava gli agricoltori a coltivare cereali come orzo e segale.

I dati suggeriscono che anche le aziende agricole che producevano questi altri cereali, e quindi utilizzavano meno trebbiatrici, sembravano avere meno rivolte, il che suggerisce che il legame tra il dispiegamento di trebbiatrici e le rivolte era effettivamente causale.

Nessuna garanzia di disordini
Va detto che la presenza delle nuove trebbiatrici non era garanzia di disordini violenti. Ad esempio, quando le fattorie erano situate relativamente vicino alle città in rapida crescita che erano al centro della rivoluzione industriale, queste aree non vedevano nemmeno lontanamente tanti problemi. Ciò era quasi certamente dovuto alla pronta disponibilità di posti di lavoro in queste fiorenti città.

Invece, tendevano ad essere le aree relativamente lontane da queste nuove città industriali a subire disordini significativi perché queste aree avevano così poche forme alternative di occupazione disponibili.

I risultati supportano effettivamente l’opinione che se i mezzi di sussistenza delle persone sono minacciati dalle nuove tecnologie, è improbabile che restino a guardare e soffrano in silenzio. Abbiamo già assistito a un crescente malcontento per la diminuzione della quota di ricchezza destinata al lavoro in gran parte del mondo sviluppato, nonostante ci troviamo in una fase relativamente precoce di qualsiasi interruzione di massa del mercato del lavoro.

Lo studio evidenzia anche chiaramente quanto sia importante fornire alle persone anche forme alternative di lavoro a cui possono accedere. Questo è stato un po ‘più difficile, specialmente tra i lavori di routine meno qualificati per i quali l’unico vero porto nella tempesta è stato il tipo di gig economy altamente insicuro e il lavoro a zero ore che fa poco per fornire alle persone stabilità nella loro vita. Sono finiti in gran parte i giorni in cui le persone scarsamente qualificate potevano trovare prontamente un lavoro nelle fabbriche di tutto il paese, e quindi se la società vuole evitare i violenti disordini del vecchio, senti che è necessario fare molto di più per migliorare le capacità della popolazione di crescere la catena del valore. È una sfida che la società ha in gran parte trascurato di affrontare finora, ma è una sfida che non può continuare a trascurare.

Nel frattempo, se vogliamo sapere dove potrebbero svolgersi i disordini durante la quarta rivoluzione industriale, potremmo ora avere alcuni suggerimenti su dove guardare.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi