Home / Società / Mark Kelly ha utilizzato l’intelligenza artificiale conversazionale per ottenere un seggio al Senato Americano

Mark Kelly ha utilizzato l’intelligenza artificiale conversazionale per ottenere un seggio al Senato Americano

Come Mark Kelly ha utilizzato l’intelligenza artificiale conversazionale per ottenere un seggio al Senato

L’intelligenza artificiale conversazionale si è rapidamente potenziata e ridimensionata da quando i chatbot sono entrati per la prima volta sui social media nel 2016. Le prime iterazioni dei chatbot su Facebook Messenger erano semplici, consentendo prenotazioni di ristoranti, consegne di fiori e altri inviti all’azione strutturati. Ora, più o meno un mandato presidenziale degli Stati Uniti dopo, le esperienze di conversazione sono sempre più intuitive. Le tecnologie di intelligenza artificiale dietro di loro possono gestire ulteriore complessità individuale, contestualizzare il linguaggio più facilmente e simulare meglio la realtà umana, anche quando si parla di politica.

Amplify.ai , una piattaforma di intelligenza artificiale conversazionale a livello aziendale, ha aiutato le campagne senatoriali del 2020 a promuovere il coinvolgimento con i componenti locali. Utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) e l’apprendimento automatico per collegarsi alle pagine dei social media esistenti, analizzare il sentimento e l’intenzione del pubblico e rispondere alle singole domande attraverso interazioni umane con i chatbot AI.

Molteplici campagne di candidati democratici hanno incorporato la piattaforma nella loro strategia digitale esistente, anche se il CEO di Amplify.ai Mahi de Silva ha dichiarato a VentureBeat che gli obblighi contrattuali gli hanno impedito di condividere un elenco completo dei clienti. I senatori eletti Mark Kelly (D-AZ) e John Hickenlooper (D-CO), tuttavia, hanno collaborato pubblicamente con l’azienda. Jaime Harrison (D-SC), presidente associato del Comitato nazionale democratico e recente sfidante del senatore in carica Lindsey Graham (R-SC), lo ha anche fatto.

Mark Kelly non era un tipico candidato: prima di candidarsi alle elezioni, ha servito come capitano della Marina degli Stati Uniti, ha completato le missioni come astronauta della NASA e ha lanciato un comitato di azione politica con sua moglie, l’ex senatrice Gabrielle Giffords. Anche l’elezione si è rivelata atipica. Dopo la morte di John McCain nel 2018, il suo seggio al senato è stato detenuto da due diversi nominati repubblicani arizoniani – Jon Kyl, poi Martha McSally – in un periodo di due anni. Kelly ha sfidato l’incumbent McSally per il restante mandato di McCain. La campagna di Kelly doveva anche tenere conto di fattori come le restrizioni COVID-19 e la storia dell’Arizona come stato oscillante.

In una dichiarazione , Justin Jenkins, il direttore digitale della campagna di Kelly, ha commentato l’adozione dell’IA conversazionale da parte del suo team. “Quando la pandemia ha colpito, la campagna ha iniziato rapidamente a esplorare modi nuovi e creativi per replicare le conversazioni di persona che tradizionalmente tenevamo alle porte. Abbiamo scelto di testare l’IA conversazionale di Amplify per la sua capacità di scalare e personalizzare l’esperienza utente in base alla cronologia dell’utente con la campagna “.

La campagna di Kelly non poteva rischiare di diffondere COVID-19 visitando gli elettori. Ma, in un certo senso, l’accessibilità dei chatbot e la leggera personalizzazione sono parallele al sondaggio porta a porta, di persona su cui si basavano le campagne per l’educazione e il coinvolgimento degli elettori prima della pandemia.

I chatbot più vecchi erano principalmente basati su input e output rigorosi. Ad esempio, se un utente ha digitato “qual è la capitale dell’Arizona” in un bot su Facebook Messenger quattro anni fa, il bot avrebbe potuto rispondere “Phoenix”. L’IA conversazionale utilizzata nelle elezioni più recenti va oltre, lavorando per interpretare l’intento dell’utente o le diverse frasi che le persone possono usare per porre domande su un argomento. Quindi cerca di raccogliere una risposta utile, amichevole e pertinente e rispecchiare lo scambio avanti e indietro di una conversazione umana.

Come una chiamata a domicilio, i singoli messaggi di un chatbot potrebbero connettere più fortemente gli utenti alla piattaforma di un candidato e consentire a una campagna di reclutarli come donatori, volontari ed elettori. La campagna di Mark Kelly ha riferito di aver coinvolto oltre 180.000 elettori tramite Facebook Messenger nel primo mese del suo programma di intelligenza artificiale conversazionale.

De Silva differenzia queste conversazioni di chatbot da quelle che le persone hanno con assistenti vocali virtuali come Siri o Alexa, in cui l’utente riceve informazioni precise che il prodotto ha accumulato da un database. In un’intervista con VentureBeat, de Silva ha affermato che la messaggistica AI crea “una conversazione tra consumatori o organizzazioni da cittadino a marchio … quindi è altamente dinamica, non sta cercando di mettere tutte le risorse in un unico sistema”. Queste dinamiche sono amplificate dall’apprendimento automatico che tiene traccia del comportamento degli utenti.

Ad esempio, la piattaforma potrebbe decifrare un commento sulla falsariga di “Mark Kelly Rocks” sulla pagina Facebook pubblica della campagna e raggiungere autonomamente il poster su Messenger. Il chatbot ringrazia l’utente per il coinvolgimento con la campagna di Kelly e si appoggia al sentimento positivo chiedendo se è disponibile a parlare. Se la piattaforma analizza un commento meno positivo, può esprimere interesse a comprendere diversi punti di vista.

Amplify.ai tabula anche commenti e reazioni che fluiscono all’account Facebook di una campagna. La piattaforma esegue quindi l’analisi del sentiment e dell’intenzione su ogni punto dati e lo visualizza su un dashboard in modo che i membri del team possano monitorare da vicino le interazioni del pubblico mentre si svolge una campagna. “Potresti immaginare che una faccina sorridente sia abbastanza facile da trovare, sai, a cui associare un sentimento positivo”, ha detto de Silva. “Ma se ricevi un commento, dobbiamo effettivamente elaborarlo nel contesto di ciò che il post stava cercando di ottenere.”

Oltre agli approfondimenti acquisiti dai lavoratori della campagna attraverso l’analisi di Amplify.ai, l’IA conversazionale può interagire con le persone a una velocità e una scala senza pari per i team umani. Se, ad esempio, una campagna ha ricevuto oltre 100.000 impegni scritti in un mese, ciò si tradurrebbe in oltre 3.000 messaggi o commenti individuali al giorno, il che richiederebbe almeno sei volontari a tempo pieno o membri del personale per rispondere a una media di un messaggio un minuto. L’IA giusta potrebbe, in teoria, ridurre e gestire questo compito coinvolgendo i componenti e ispirandoli a fare volontariato, votare e donare. Secondo de Silva, Amplify.ai ha creato oltre 10 miliardi di impegni con oltre 500 milioni di consumatori dal suo lancio.

L’IA conversazionale vedrà probabilmente miglioramenti in intelligenza, credibilità, adozione e velocità di distribuzione nei prossimi anni. Startup come Hyro , Pypestream e Orbita stanno anche lavorando per fornire alle aziende soluzioni di intelligenza artificiale conversazionale per il coinvolgimento dei clienti. I clienti di Hyro includono agenzie governative e il responsabile del marketing Aaron Bours ha dichiarato a VentureBeat che “se l’intelligenza artificiale è intelligente, veloce e abbastanza umana, potresti effettivamente avere una discussione con essa su questioni chiave [come] i programmi fiscali o la politica estera”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi