Home / Economia / Bluecore raccoglie 125 milioni di dollari

Bluecore raccoglie 125 milioni di dollari

Bluecore raccoglie 125 milioni di dollari per favorire la fidelizzazione dei clienti al dettaglio con i big data 

Bluecore , un’azienda di tecnologia di marketing che aiuta alcuni dei più grandi rivenditori del mondo a “trasformare gli acquirenti occasionali in clienti a vita”, ha raccolto 125 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie E con una valutazione di 1 miliardo di dollari.

Fondata nel 2013, Bluecore aiuta i rivenditori direct-to-consumer (D2C) ad abbinare i dati degli acquirenti proprietari con le interazioni dei prodotti, consentendo loro di progettare comunicazioni di marketing di massa personalizzate tramite e-mail, piattaforme di e-commerce e altri canali pubblicitari digitali. L’azienda con sede a New York lavora con centinaia di rivenditori di livello aziendale, tra cui Gap, Nike, Teleflora, Tommy Hilfiger e CVS Pharmacy.

 
Il problema che Bluecore si propone di risolvere è l’annoso enigma di come le aziende e i marchi possono migliorare le metriche dei clienti abituali.

“Ci sono una serie di sfide per la vendita al dettaglio, ma se togli gli strati e guardi al nucleo, il problema principale è che l’80% dei clienti acquista da un rivenditore solo una volta”, ha detto il CEO di Bluecore Fayez Mohamood a VentureBeat. “Questo è un problema in particolare per i rivenditori aziendali, perché più grande diventa un rivenditore, maggiore è il potenziale di guadagno che risiede nella fidelizzazione”.

Mentre i rivenditori di tutte le dimensioni desiderano naturalmente clienti fedeli, Mohamood sostiene che la posta in gioco è più alta per quelli più grandi, come Nike, Gap, Foot Locker, Lululemon e Jockey, che hanno resistito alla prova del tempo e si sono evoluti.

“Se guardi i marchi che hanno resistito, ti renderai conto che sono quelli da cui le persone continuano a comprare”, ha detto Mohamood. “Non è casuale: hanno reso la fidelizzazione e la fedeltà degli acquirenti una strategia chiave per la crescita dei ricavi”.

I dati sono il nuovo petrolio
La tecnologia svolge un ruolo importante nell’aiutare le aziende non solo a “passare al digitale”, ma a scalare sfruttando vaste aree di dati. Bluecore mira a incrementare le entrate aumentando “la frequenza degli acquisti, le dimensioni del carrello e le conversioni attraverso la personalizzazione”, secondo Mohamood. Ciò comporta la combinazione dei dati degli acquirenti in tempo reale con i dati dei prodotti in un unico sistema.

Bluecore acquisisce l’attività degli acquirenti, ad esempio ciò che stanno cercando, facendo clic, aggiungendo ai carrelli, abbandonando e così via, e combina questo con le transazioni in negozio e altri dati. Ciò culmina nella fusione di set di dati disparati in un’unica vista unificata che abbraccia l’identità e il comportamento dell’acquirente e il catalogo dei prodotti.

“Utilizzando questo set di dati, possiamo automatizzare immediatamente le azioni attraverso i canali con l’obiettivo di creare continuamente corrispondenze tra ogni singolo acquirente e i prodotti che adoreranno”, ha affermato Mahmood.

La piattaforma di Bluecore costituisce tre elementi principali: Bluecore Communicate , che si occupa di automatizzare le comunicazioni personalizzate con i clienti; Bluecore Advertise , che utilizza la modellazione predittiva per indirizzare segmenti di clienti nuovi ed esistenti su canali di media a pagamento come Facebook, Instagram e Google Ads; e Bluecore Site , che utilizza segnali predittivi per fornire campagne di marketing personalizzate.

Al centro di questi prodotti ci sono i dati, che sono stati spesso descritti come la risorsa più preziosa di oggi, più del petrolio , dato il ruolo che svolgono nel guidare ogni tipo di decisione aziendale.

“Quando i rivenditori tradizionali passano al digitale e i marchi digitali scalano, devono concentrarsi tanto sulla fidelizzazione dei clienti quanto sull’acquisizione”, ha continuato Mohamood. “Fortunatamente, il digitale offre un ambiente ricco di dati per connettere gli acquirenti al prodotto migliore che li spinge a comprare ancora e ancora”.

 
Bluecore aveva precedentemente raccolto circa $ 113 milioni e con altri $ 125 milioni da investitori tra cui Georgian, FirstMark, Norwest e Silver Lake Waterman, la società ha affermato che ora è ben finanziata per investire in un ulteriore sviluppo di prodotti di e-commerce e in intelligenza artificiale e analisi.

Ancora più importante, Bluecore è anche in una posizione migliore per sfidare i cloud di marketing legacy come Oracle, Adobe e Salesforce con un’offerta più mirata creata appositamente per i rivenditori direct-to-consumer (D2C).

“Abbiamo costruito la nostra tecnologia per il mondo dello shopping online e, più specificamente, per i casi d’uso unici della vendita al dettaglio, come la necessità di creare acquisti ripetuti, preservare i margini e guidare gli acquirenti attraverso la scoperta del prodotto”, ha affermato Mohamood.

Inoltre, la pandemia globale è stata un importante motore della trasformazione digitale, con innumerevoli rivenditori tradizionali costretti a dichiarare bancarotta o a ridimensionare la loro presenza fisica : ora si tratta di e-commerce.

“Nel 2020, il mondo intero è passato allo shopping digitale”, ha aggiunto Mohamood. “Questo è stato un grande campanello d’allarme per quei rivenditori omnicanale e aziendali che ancora effettuavano la maggior parte delle loro vendite in negozio e non consideravano i loro siti di e-commerce come generatori di entrate principali”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi