Home / Economia / Boast.ai raccoglie 23 milioni di dollari per aiutare le aziende ad ottenere crediti d’imposta governativi

Boast.ai raccoglie 23 milioni di dollari per aiutare le aziende ad ottenere crediti d’imposta governativi

Ogni anno, i governi federali degli Stati Uniti e del Canada forniscono più di 15 miliardi di dollari in incentivi all’innovazione alle aziende private. In effetti, si stima che quasi un terzo dei brevetti statunitensi si basi direttamente sulla ricerca finanziata dal governo statunitense. Ma compilare le domande per ricevere questi finanziamenti è spesso un processo complicato e un altro ostacolo per le aziende schiacciate dalla pandemia mentre i venture capitalist ritirano gli investimenti nella fase iniziale.

Boast.ai, che ha uffici a Vancouver, Toronto e Calgary, oltre alla sede centrale di San Francisco, è stata cofondata nel 2011 da Alex Popa e Lloyed Lobo. Popa in precedenza gestiva le pratiche fiscali di ricerca e sviluppo per grandi società di contabilità, mentre Lobo in precedenza gestiva prodotti e crescita per una serie di startup tecnologiche sostenute da venture capital.

“Per ottenere un credito d’imposta governativo per la R&S, un’azienda deve sostenere un anno di spese di ricerca e sviluppo , compilare tutte le informazioni da archiviare con le tasse e quindi attendere i tempi di elaborazione del governo”, ha detto Lobo a VentureBeat via e-mail. “Il tempo è una risorsa costosa per le start-up e le piccole imprese, in particolare durante una pandemia, quando c’è molta incertezza e le aziende devono gestire critiche”.

Boast.ai mira ad automatizzare il processo di richiesta di sovvenzione governativa con una piattaforma di credito d’imposta basata sull’apprendimento automatico. Il software dell’azienda e i team di contabili raccolgono dati dai sistemi tecnici e finanziari esistenti per aiutare a identificare, classificare e tenere traccia dei progetti idonei, con l’obiettivo di reclami più grandi, minori rischi e meno tempo investito dai team. Tra le fonti di dati su cui Boast.ai attinge ci sono i salari, le piattaforme di sviluppo come GitHub e Jira e la contabilità, che i suoi sistemi sfruttano per produrre documenti di registrazione del tempo e moduli fiscali, insieme a prove di audit, tempistiche e bilanci.

“Utilizzando algoritmi proprietari, diamo un senso ai dati non strutturati”, ha detto Lobo. “Boast.ai aiuta a identificare, classificare, monitorare i tempi di progetti e costi ammissibili al credito d’imposta di R&S e automatizzare il processo di richiesta.”

Boast.ai si rivolge specificamente a tre tipi di crediti d’imposta: il credito d’imposta per la ricerca e la sperimentazione degli Stati Uniti (credito d’imposta R&D), i crediti d’imposta SR&ED del governo canadese (SR&ED) e i crediti d’imposta sui media digitali interattivi (IDMTC). Il credito d’imposta per la ricerca e lo sviluppo, che è stato reso permanente nel 2015, è un credito d’imposta generale per le aziende che sostengono costi di ricerca e sviluppo relativi agli stipendi, alle spese relative ai subappaltatori e ai materiali negli Stati Uniti. SR&ED è un programma che copre fino al 70% Spese di ricerca e sviluppo per la creazione o il miglioramento di prodotti, processi, principi, metodologie e materiali esistenti in Canada. Per quanto riguarda l’IDMTC, fornisce un credito d’imposta rimborsabile del 17,5% su stipendi e salari idonei per i dipendenti canadesi coinvolti nella produzione di videogiochi, software educativo, software di intrattenimento e simulatori.

Boast.ai afferma di aver contribuito a garantire oltre $ 200 milioni di finanziamenti in ricerca e sviluppo per oltre 1.000 clienti fino ad oggi, tra cui Lendesk, Oral4D e Policy Works. La startup afferma inoltre di aver raddoppiato la crescita anno su anno dal lancio, con entrate annuali ricorrenti in “otto cifre” e un margine lordo superiore all’80%.

“La pandemia ha accelerato la necessità di capitale con milioni di imprenditori in difficoltà, ma l’accesso agli incentivi statali rimane ancora un processo laborioso”, ha detto Popa. “Stiamo democratizzando l’accesso al capitale in modo che gli imprenditori possano far crescere la loro attività senza dover affrontare la burocrazia”.

Radian Capital ha guidato la serie A round annunciata oggi. Boast.ai ha attualmente 35 dipendenti.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi