Home / medicina / Come la robotica ha preso il controllo degli interventi chirurgici in mezzo al coronavirus COVID

Come la robotica ha preso il controllo degli interventi chirurgici in mezzo al coronavirus COVID


Senza le linee guida adeguate emesse dal Consiglio indiano della ricerca medica in mezzo a COVID sugli interventi chirurgici elettivi, ha creato molta ambiguità tra la confraternita sanitaria . Non solo ha creato una mancanza di chiarezza tra gli ospedali, ma ha anche imposto l’insicurezza tra i pazienti. I medici di Manipal Hospitals, Bangalore hanno affrontato una sfida simile in quanto erano molto stressati a causa della mancanza di istruzioni adeguate sul fatto che gli interventi chirurgici elettivi come gli interventi chirurgici sul cancro saranno interrotti o meno, durante la crisi.

“Il tasso di mortalità del COVID è solo dello 0,5% e quello del cancro non trattato è del 30%; quindi, eravamo sotto stress a causa della mancanza di adeguate linee guida in atto “, ha detto il dottor Somashekhar , un oncologo presso gli ospedali Manipal. E così, per superarlo, l’ospedale ha deciso di optare per la chirurgia mininvasiva con robotica.

Spiegando ulteriormente, il dottor Somashekhar, il presidente e l’oncologia chirurgica HOD, il consulente chirurgico e il ginec. onco e chirurgo robotico, ha detto il super specialista HIPEC – i pazienti precedenti erano preoccupati di ricevere cure durante il blocco , e anche altri ospedali del paese si trovavano in un dilemma se riavviare le procedure elettive. Mentre la pandemia si evolveva e il blocco continuava, il dilemma persisteva, senza una linea guida uniforme in atto. Il dottor Somashekhar è stato contattato dall’Associazione dei chirurghi dell’India per contribuire alla conoscenza e sviluppare una guida sulle modifiche OT richieste per l’esecuzione di interventi chirurgici robotici.

Tradizionalmente, insieme ai trattamenti COVID, il Manipal Hospital era in grado di eseguire solo uno o due interventi chirurgici utilizzando un trattamento di chirurgia aperta, “nonostante l’estensione dell’orario di lavoro del personale OT”. Ciò, a sua volta, aumentò il numero di operazioni in sospeso e aumentò il rischio per il paziente di non ricevere cure tempestive. Ed è per questo che l’ospedale ha richiesto in modo critico il coinvolgimento della chirurgia robotica per eseguire il processo minimamente invasivo nel trattamento del cancro.

La tecnologia dietro il sistema robotico di Manipal
Con un design sopraelevato, il sistema robotico da Vinci sviluppato da Intuitive è stata la scelta perfetta per Manipal Hospital, poiché non solo viene fornito con una configurazione flessibile ma anche con un’architettura aggiornabile in base alle esigenze dell’ospedale. I robot sono progettati con un’ampia gamma di movimento, massima profondità di inserimento e accesso multi-quadrante che consente una varietà di approcci chirurgici, compresi quelli complessi come il cancro.

Spiegando il sistema robotico, vicepresidente e direttore generale del paese presso Intuitive India, Mandeep Singh Kumar ha affermato che il sistema robotico è dotato di tre componenti di rete: una console per chirurgo ergonomico, un carrello lato paziente con quattro bracci robotici e un sistema di visione 3DHD. Il chirurgo dalla sua console può ora eseguire l’intervento senza alcun tipo di contatto fisico con il paziente.


“Il robot è stato sviluppato su una base profonda della fisica del movimento e dei materiali, che consente al sistema computerizzato e agli algoritmi addestrati di imitare completamente i movimenti della mano dei chirurghi”, ha detto Singh. “Il robot è dotato di un giunto completamente articolato che consente movimenti liberi anche con il più piccolo degli strumenti in modo preciso.” Il sistema avanzato è stato anche addestrato per controllare i movimenti della mano sul braccio robotico per omettere i tremori naturali per movimenti più precisi.

Il robot è ulteriormente migliorato con l’aiuto dei dati di apprendimento automatico profondo raccolti dalla visione di video chirurgici. Con l’aiuto degli algoritmi ML, il robot può migliorare le sue pratiche sul controllo dell’accuratezza alla precisione submillimetrica. Inoltre è stato addestrato con due impugnature in una pinza, che gli consente di rimanere concentrata sull’area chirurgica, invece di spostare la pinza in base alle esigenze. Questo, insieme a 70 gradi di articolazione del polso, aiuta a omettere la necessità di cambiare lo strumento che può, a sua volta, ridurre al minimo le interruzioni nel processo operativo.


Servizi di analisi

Inoltre, la società ha sfruttato l’analisi dei dati combinata con tecniche di apprendimento automatico per ottenere una migliore comprensione del costo sanitario e del valore che i sistemi robotici possono portare al tavolo. Ciò aiuta l’azienda a fornire analisi personalizzate all’ospedale per comprendere i costi e i risparmi complessivi del progetto. Con l’aiuto dell’analisi del deep learning, i dati vengono utilizzati per migliorare le tecniche e ottenere risultati migliori con complicazioni ridotte, ha affermato Singh.

Vantaggi della chirurgia robotica in mezzo a COVID
A Manipal Hospitals, abbiamo formato una squadra e mantenuto sei sale operatorie in funzione in un giorno, a differenza dell’AIIMS, che aveva interrotto tutti gli interventi chirurgici elettivi e chiuso le sale operatorie per due mesi “, ha affermato il dott. Somashekhar. E con l’aiuto della chirurgia robotica, l’ospedale è stato in grado di eseguire circa quattro interventi chirurgici per sala operatoria in un giorno.

Non solo ha aiutato i medici a eseguire più interventi chirurgici, nonostante il blocco COVID, ma ha anche aiutato i pazienti a riprendersi solo in tre giorni, il che a sua volta ha aumentato notevolmente il turnover dei pazienti, il mese scorso. “Questo ha aiutato l’ospedale a eliminare il ritardo degli interventi chirurgici entro giugno e luglio e ha persino condotto interventi chirurgici robotici la domenica, se necessario”.

Secondo il medico, la chirurgia robotica diventerà la nuova normalità nel settore sanitario durante e dopo il mondo della pandemia. Il dottor Somashekhar ritiene che presto ospedali e pazienti considereranno gli interventi chirurgici robotici come l’opzione preferita, con contatti minimi o nulli. Inoltre, i pazienti beneficiano di meno dolore, minore perdita di sangue, minori complicazioni, recuperi più rapidi e degenza ospedaliera più breve, il che è fondamentale durante il COVID.

“Questo è un risultato personale per il nostro ospedale che fino ad oggi nessun paziente sottoposto a chirurgia robotica è risultato positivo al COVID. Ho eseguito circa 368 interventi chirurgici negli ultimi cinque mesi, con una percentuale di successo del 100%. E, attualmente, eseguendo complessi interventi chirurgici robotici ogni giorno alternativo “, ha concluso il dott. Somashekhar.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi