Home / Economia / Come l’Arabia Saudita vuole diventare protagonista nella AI intelligenza artificiale

Come l’Arabia Saudita vuole diventare protagonista nella AI intelligenza artificiale

Conclusioni chiave dallo storico vertice globale sull’IA del 2020, AI per il bene dell’umanità: la strategia innovativa dell’Arabia Saudita per diventare un leader globale nell’intelligenza artificiale

Recentemente, ho partecipato al Global AI Summit , organizzato dalla Saudi Data & AI Authority ( SDAIA ) e ancorato nell’anno della presidenza dell’Arabia Saudita al G20 come un imperativo della sua agenda dell’economia digitale. Il Regno dell’Arabia Saudita si sta attualmente reinventando come pioniere globale nell’Industria 4.0, sfruttando l’IA per un futuro completamente sostenibile e guidato dal digitale. Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz, il Principe Ereditario, Ha affermato nelle osservazioni di apertura del Summit “L’anno 2020, senza dubbio, è stato un anno straordinario per testare il potenziale dell’IA, mentre assistiamo alla formazione di una nuova normalità globale che sta ridefinendo i nostri modi di vivere, lavorare e apprendere … Con la presente invito tutti i sognatori, innovatori, investitori e pensatori a unirsi a noi, qui nel Regno, per realizzare insieme le nostre ambizioni e per costruire un modello pionieristico; sbloccare il valore dei dati e dell’intelligenza artificiale al fine di costruire economie basate sulla conoscenza e far avanzare le nostre generazioni presenti e future “. Questo articolo riassume i punti chiave del Summit e come il Regno dell’Arabia Saudita sta guidando come attore globale nell’IA.


La KSA si sta posizionando come la nuova e innovativa piattaforma per la collaborazione internazionale sull’intelligenza artificiale, con il lancio del suo fiore all’occhiello Global AI Summit e una serie di iniziative di sensibilizzazione internazionale con la Banca mondiale, l’ITU e le Nazioni Unite. Il significato di questo Summit non può essere sottovalutato: ha impostato un tono nuovo e positivo per i dialoghi sull’IA che si concentrano sulla possibilità di sbloccare “AI per il bene dell’umanità”, che era il tema ufficiale del Summit. È stato chiaro durante il Summit che la scena internazionale dell’IA si sta affollando di importanti organizzazioni internazionali che cercano di risolvere problemi simili nell’IA, tra cui ITU, UNESCO, OCSE e persino le stesse Nazioni Unite. Secondo il dottor Akram Awad, Preside di BCG, Emirati Arabi Uniti, e Visiting Professor e IE Business School, che ha partecipato al Summit, “Il tono dominante del Summit era una cauta speranza – dialoghi prevalentemente positivi tra nazioni avanzate e in via di sviluppo, tra giganti della tecnologia e imprenditori sociali, e tra leader di governo e organizzazioni che detengono gli equilibri di potere nel mondo. “

A causa del significato del messaggio globale “AI for good”, hanno partecipato numerose figure rinomate, tra cui 7 leader di organismi internazionali e 8 ministri dell’IA e del digitale, e alcuni dei più grandi leader aziendali, leader di pensiero e filantropi del mondo.

Al vertice hanno partecipato il segretario generale dell’ITU Houlin Zhao, il vicepresidente della Banca mondiale per le infrastrutture, Makhtar Diop, il consigliere speciale del segretario generale delle Nazioni Unite Fabrizio Hochschild e il direttore della scienza, tecnologia e innovazione dell’OCSE Andrew Wyckoff. Inoltre, hanno partecipato anche il Ministro di Stato per l’intelligenza artificiale, l’economia digitale e le applicazioni di lavoro a distanza degli Emirati Arabi Uniti, Omar Al-Olama, Primo ministro di Stato di Singapore presso il Ministero delle comunicazioni e dell’informazione, il dott. Tecnologie digitali Stella Ndabeni-Abrahams, Masayoshi Son, fondatore e CEO di Softbank, Stephen Schwarzman Presidente e CEO di The Blackstone Group, e il dottor Peter Diamandis, fondatore e presidente della X Prize Foundation.

Approccio alle strategie nazionali di IA

Un certo numero di paesi sono emersi anche nel vertice come potenze dell’innovazione AI futuri potenzialmente forti con piani e iniziative concrete per guidare l’argomento in modo olistico come Singapore, Estonia e Emirati Arabi Uniti, insieme alla nazione ospitante KSA, che ha lanciato la sua strategia nazionale completa per i dati e AI in apertura del vertice. C’è stato anche un forte riconoscimento tra i rappresentanti dell’Africa e dell’America Latina che le loro nazioni devono fare di più sull’IA per colmare il divario e avere una parte dei suoi benefici e del suo impatto.

Inoltre, Covid è stato un argomento e una questione chiave durante il Summit, che ha accelerato la dipendenza dall’IA per supportare gli sforzi di lotta contro la pandemia. Inoltre, l’intelligenza artificiale e la digitalizzazione giocheranno probabilmente un ruolo più importante nella nuova normalità post-pandemica e oltre, poiché il mondo può aspettarsi di affrontare altre grandi interruzioni in futuro.

Approccio onnicomprensivo su fiducia, etica ed equità

Molte discussioni guardano ben oltre la pandemia ed esplorano un nuovo futuro per l’IA incentrato su un’innovazione responsabile e aperta con la giusta armonia ed equilibrio tra IA affidabile e uso improprio dell’IA. Un altro tema importante trattato è il futuro del lavoro e dei posti di lavoro. Date le recenti stime del WEF, che sono state pubblicate contemporaneamente al Summit, 85 milioni di posti di lavoro saranno eliminati a livello globale entro il 2025 mentre 97 milioni saranno creati, principalmente nello spazio di AI, automazione, IoT e sicurezza informatica.

Sul nuovo futuro, Sua Eccellenza il Dr. Abdullah Al-Ghamdi, Presidente della SDAIA Saudi Authority for Data and Artificial Intelligence al Summit , ha dichiarato: “Noi in KSA vediamo un’opportunità per una prospettiva fresca e positiva che eleva la collaborazione internazionale alla concorrenza e sottolinea i potenziali benefici con l’applicazione responsabile dell’IA, nella scienza, nelle imprese, nei governi e persino nell’arte … Ci siamo presi la responsabilità di essere il miglior esempio a livello globale nell’uso dell’IA per lo sviluppo di una nazione … La strategia nazionale per i dati e l’AI stabilisce la direzione e le basi su cui sbloccheremo il potenziale dei dati e dell’intelligenza artificiale per soddisfare le nostre priorità di trasformazione nazionali e stabilire l’Arabia Saudita come hub globale per i dati e l’IA “.

C’è stata un’ulteriore discussione sulla democratizzazione dell’IA. Sri Ambati, fondatore e CEO di H2O.ai e uno dei relatori del Global AI Summit, che ha creato la sua azienda con una visione per democratizzare l’IA per tutti e ha creato H2O, la principale piattaforma open source di data science e machine learning, ha detto qualcosa di molto potente: “Stiamo democratizzando l’intelligenza e siamo presenti dove è più necessario”.

Sono emersi alcuni nuovi modelli di governance globale dell’IA

In alcune delle sessioni del Vertice sono emerse numerose visioni contrastanti. Ad esempio, in una speciale consultazione di esperti con le Nazioni Unite sulla creazione di un organo consultivo dell’IA delle Nazioni Unite, alcuni dei partecipanti hanno sostenuto il punto di vista delle Nazioni Unite di mantenere la natura consultiva e di condivisione delle competenze dell’organismo. Inoltre, c’erano anche voci forti per istituire un regolatore di applicazione simile all’OMC per organizzare l’IA a livello globale.

Sui nuovi modelli, Sua Eccellenza l’Ing. Abdullah Al-Swaha, Ministro delle comunicazioni e della tecnologia dell’informazione al vertice , ha aggiunto: “Abbiamo un’opportunità davvero unica con la convoluzione della connettività, dei big data e dell’intelligenza artificiale per democratizzare l’assistenza sanitaria in modo tale da poter responsabilizzare ogni cittadino sul faccia della terra per avere sistemi di controllo sanitario precoce “.

Secondo la mia discussione con il Dr. Akram Awad, Preside di BCG, Emirati Arabi Uniti, e Visiting Professor e IE Business School , dal Summit sono emersi numerosi risultati e lezioni significativi, tempestivi e attuabili.

L’Arabia Saudita è emersa definitivamente come attore globale competitivo nell’IA

“Nel mezzo di un’accesa competizione sulla leadership dell’IA tra Stati Uniti e Cina, altre nazioni come l’Arabia Saudita sono ben posizionate per guidare una discussione più equilibrata che riunisca tutte le parti sullo stesso tavolo per plasmare insieme il futuro dell’IA, la migliore invenzione dell’umanità. “

Un impegno forte e positivo dimostrato in 2 importanti iniziative globali

“Anche la nazione ospitante, l’Arabia Saudita, ha mostrato un forte impegno per lo spirito positivo del Summit e ha lanciato due importanti iniziative, una con l’ITU per accelerare la condivisione delle conoscenze sulle migliori pratiche di intelligenza artificiale a livello globale e un’altra con la Banca mondiale per promuovere l’IA nei paesi sottosviluppati. e “non lasciare nessuno indietro” sull’intelligenza artificiale. “

Il lancio del Global AI Summit è una testimonianza del tipo di innovazione pionieristica che è in serbo per il mondo. Ha riconosciuto il potenziale dell’IA e il percorso verso lo sviluppo sostenibile

“I dialoghi del vertice hanno riconosciuto il potenziale dell’IA e, per estensione, dei dati, per risolvere molte delle sfide più urgenti del mondo e accelerare il percorso verso lo sviluppo sostenibile. Allo stesso tempo, c’è stato un chiaro riconoscimento delle sfide dell’ampliamento del divario digitale e di intelligenza artificiale tra il nord e il sud e la necessità di affrontare questo divario prima che l’IA possa davvero contribuire a uniformare la distribuzione dei benefici socioeconomici tra le nazioni “.

La centralità umana è molto fondamentale per la creatività e la crescita nell’IA

“Abbiamo bisogno di discussioni oggettive incentrate sull’uomo che elevino la collaborazione al di sopra della concorrenza e si concentrino sulla condivisione della conoscenza, della tecnologia e dell’esperienza per sbloccare il valore dell’IA per tutti. Per fortuna, la maggior parte della comunità scientifica e imprenditoriale non presta attenzione alla negatività intorno all’IA e si concentra sulla creazione di impatto. “

Infine, il KSA dovrebbe fungere da catalizzatore per i governi di tutto il mondo per quanto riguarda il potere dell’intelligenza artificiale per aumentare la società e reinventare la futura economia digitale .

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi