La piattaforma “Decision intelligence” Pyramid Analytics raccoglie 120 milioni di dollari 

Pyramid Analytics , una cosiddetta piattaforma di “intelligenza decisionale” che alimenta l’analisi dei big data per aziende come Dell, Deloitte e Volkswagen, ha raccolto 120 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie E.

Fondata nel 2008, Pyramid Analytics promuove le sue capacità di analisi aziendale di “prossima generazione” che vanno oltre i tradizionali strumenti di business intelligence (BI) come Tableau e Microsoft Power BI. La sua piattaforma sfrutta l’intelligenza artificiale e un set di strumenti completamente integrato che combina la preparazione dei dati, l’analisi e la scienza dei dati per consentire a chiunque in un’azienda di ricavare informazioni dettagliate.

 
Il grande passo di Pyramid è che il suo approccio senza codice consente agli utenti non tecnici all’interno di un’azienda di trovare risposte a complesse domande aziendali. Ciò include il supporto per le query in linguaggio naturale e l’analisi basata sull’intelligenza artificiale che “funziona direttamente sull’origine dati” senza dover prima importare i dati, secondo l’azienda.

Ciò significa che qualcuno che sta preparando un rapporto sulle vendite, ad esempio, può richiedere punti dati come ” mostra le vendite per occupazione e stato civile “, senza fare i salti mortali.

 
La Pyramid Platform viene fornita con numerose integrazioni predefinite pronte all’uso, tra cui SAP, Snowflake e BigQuery, mentre racchiude la funzionalità “estrai, trasforma, carica” ​​(ETL) per aiutare le aziende a raccogliere e standardizzare i propri dati da una miriade di fonti.

Intelligenza dei dati
Gartner ha recentemente elencato l’intelligence decisionale come una delle sue “principali iniziative tecnologiche” per il 2022, sottolineando che si trattava di un “nuovo modo nuovo per le organizzazioni di sfruttare i dati in rapida evoluzione e gli ambienti in rapida evoluzione”: in definitiva, si tratta di ottenere un vantaggio competitivo in un momento in cui le aziende hanno più dati di quanti possano accedere in modo significativo. L’intelligenza artificiale è l’ingrediente chiave di tutto ciò , con Gartner che osserva che la tecnologia di intelligence decisionale abilitata all’intelligenza artificiale sarà implementata in un terzo di tutte le grandi organizzazioni entro due anni.

“Negli ultimi anni è stato scritto molto sull’enorme quantità di dati creati e sulla trasformazione digitale “, ha detto a VentureBeat il cofondatore e CEO di Pyramid Analytics Omri Kohl. “Il pieno potenziale di quei dati non è stato raggiunto a causa del divario tra dati disponibili e dati accessibili . C’è anche il problema di chi può accedere ai dati e della potenza dell’analisi per le decisioni basate sui dati: la risposta è “non quasi tutti quelli che dovrebbero”.

Per affrontare la proliferazione dei dati, le aziende in genere si rivolgono a una miriade di strumenti diversi, dall’ETL alla BI e oltre, il che spesso si traduce in una configurazione centralizzata disordinata controllata da una manciata di guardiani.
“Di conseguenza, le aziende ottengono molte risposte diverse alla stessa domanda perché le persone utilizzano strumenti e dati diversi e lo fanno nelle proprie bolle dipartimentali”, ha continuato Kohl. “Il controllo centralizzato significa che gli analisti di dati trascorrono molto tempo a lavorare su un arretrato crescente di richieste una tantum dai loro colleghi non tecnici. Più strumenti di BI sono troppo difficili da usare per le persone non tecniche. Dedichiamo tempo alla riscrittura delle risorse analitiche perché i nostri dati e la nostra tecnologia stanno cambiando”.

Ed è proprio qui che entra in gioco Pyramid: è progettato per tutti e per chiunque.

“La piattaforma Pyramid fornisce l’accesso istantaneo a qualsiasi dato, consente il self-service automatizzato e governato per qualsiasi persona e soddisfa qualsiasi esigenza di analisi, dalla semplice alla sofisticata”, ha affermato Kohl.

Un certo numero di aziende si stanno allineando con il fiorente movimento di intelligence decisionale , tra cui Sisu Data che ha recentemente chiuso un round di finanziamento da 62 milioni di dollari , e Peak , che ha raccolto 75 milioni di dollari .

Pyramid, da parte sua, aveva precedentemente raccolto circa 91 milioni di dollari da importanti sostenitori tra cui la stimata società di venture capital della Silicon Valley, Sequoia Capital. Con altri 120 milioni di dollari in banca, la società è ben finanziata per diventare quello che chiama il “prossimo leader dell’analisi”.

Quando è stato spinto sulla sua valutazione per questo round di finanziamento, un portavoce della società ha detto a VentureBeat:

Il valore su cui ci concentriamo è il valore potente e differenziato che forniamo ai clienti e ai partner Pyramid. Questo risultato è la nostra priorità.

Questo round di finanziamento di serie E mette Pyramid su un percorso accelerato per diventare il prossimo leader di analisi. Il round da 120 milioni di dollari sarà investito strategicamente per guidare l’iper crescita accelerando il vantaggio della prima mossa dell’azienda nell’analisi aumentata e nell’intelligenza decisionale. Non entreremo in ulteriori dettagli finanziari in questo momento.
Il round della serie E di Pyramid Analytics è stato guidato da HIG Growth Partners, con la partecipazione di Sequoia Capital, JVP, Maor Capital, Viola Growth, Clal Insurance Enterprises Holdings, Kingfisher Capital e General Oriental Investments.

 

 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi