La creazione del metaverso: cosa è reale, cosa è clamore e dove siamo diretti 

Per coloro che facevano parte della scena tecnologica dell’era delle dot-com, il 2022 ha un’energia familiare. Ma ora si tratta solo del metaverso . E, proprio come hanno fatto nel 1993 quando il World Wide Web è stato lanciato nel pubblico dominio, molti si chiedono: “che cos’è, comunque?” Cosa è reale, cosa è clamore e dove siamo diretti?  

La verità è che, proprio come Internet 1.0 e tutte le sue successive iterazioni, il metaverse viene definito mentre viene costruito. E contrariamente a quanto molti credono, è più di semplici visori e avatar VR. Il metaverso è un luogo, un ecosistema e, soprattutto, una dimensione completamente nuova. Ma per capire meglio questo, è importante sapere come viene sviluppato il metaverso.  

 

Il metaverso decentralizzato
Al momento, il metaverso è costituito da un miscuglio di ecosistemi . A differenza del World Wide Web, attualmente non ci sono gateway standardizzati (come Google Chrome o DuckDuckGo) che aiutino i metazen a navigare senza problemi da un mondo all’altro. Molti ipotizzano che Meta stia facendo delle mosse per possedere il gateway, ma hanno già perso la battaglia. Questo perché gran parte dello slancio per lo sviluppo del metaverso sta avvenendo all’interno delle fondamenta decentralizzate della blockchain. 

 
Uno dei principi fondamentali stabiliti da molti dei fondatori del metaverse è che sarà governato da un’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO) . Secondo Cointelegraph , “una DAO è un’entità senza una leadership centrale. Le decisioni vengono prese dal basso verso l’alto, governate da una comunità organizzata attorno a un insieme specifico di regole applicate su una blockchain”.

 

Pensala come la versione della democrazia di Internet. A tale proposito, le DAO sono di proprietà e gestite dai loro membri. E le decisioni vengono prese attraverso proposte su cui il gruppo vota durante un periodo specifico. È in qualche modo simile a come funzionerebbe il Congresso degli Stati Uniti se il governo rappresentativo fosse sostituito dalla volontà maggioritaria del popolo.  

Decentraland è il luogo più notevole all’interno del metaverso che afferma di essere decentralizzato. Per chi non lo conosce, Decentraland è un mondo che esiste sulla blockchain di Ethereum che è controllato da singoli giocatori che possono votare per cambiare le politiche che determinano come si comporta il mondo. Ma al momento, Decentraland è più una democrazia che un universo decentralizzato. Ciò che tiene i suoi utenti in qualche modo legati alla piattaforma sono le limitazioni imposte dal suo ecosistema.

Decentraland vs The Sandbox
In Decentraland, la proprietà di un utente del proprio avatar, immobili e altri oggetti digitali (NFT) non si trasferisce necessariamente ad altre piattaforme. Gran parte della filosofia decentralizzata è la possibilità di prendere in custodia gli elementi in-app e utilizzarli al di fuori delle loro piattaforme native. L’impossibilità di scambiare oggetti liberamente e usarli in più giochi o piattaforme è qualcosa su cui Decentraland dovrà lavorare se vuole davvero essere la porta d’ingresso del metaverso. 

 
In molti modi, The Sandbox ha un vantaggio rispetto a Decentraland quando si tratta di liquidità di asset virtuali come gli immobili. L’opportunità di acquistare terreni virtuali e altri beni esiste su entrambe le piattaforme. Tuttavia, The Sandbox offre agli utenti una maggiore flessibilità grazie alla sua integrazione con OpenSea. Decentraland consente agli utenti di acquistare e scambiare terreni e altri oggetti solo dal suo mercato MANA. 

Questo fa emergere un punto importante. Nel complesso, c’è una grave mancanza di interoperabilità multipiattaforma all’interno del metaverse. L’interoperabilità senza interruzioni nell’intero ecosistema è l’unica cosa che consentirà la vera proprietà degli utenti delle risorse digitali. Ma questo può essere facilmente risolto con ponti a catena incrociata.

Secondo Web3 Labs , “i bridge cross-chain giocheranno un ruolo importante nel consentire l’interoperabilità tra reti eterogenee. Un’infrastruttura e un ecosistema blockchain veramente globali saranno collegati tramite bridge che rafforzeranno ulteriormente la sicurezza delle singole reti e supporteranno la scalabilità”. 

Una volta che i bridge cross-chain saranno standardizzati e implementati su tutte le piattaforme, il metaverso diventerà la vasta rete interconnessa che molti sognano possa essere. E questo renderà estremamente felici i titolari di Nike e Bored Ape Yacht Club NFT.

Un metaverse di proprietà dell’utente
Decentraland e The Sandbox offrono entrambi ai metazen un’incredibile quantità di controllo sui mondi online in cui abitano e creano, il che è un passo nella giusta direzione. Tuttavia, la capacità di trasportare le proprie risorse e sé digitali da una piattaforma all’altra è la speranza di molti che lavorano per sviluppare un metaverso veramente integrato e decentralizzato. In questo modello, gli utenti stessi saranno il gateway, non i proprietari della piattaforma. E con una profonda comprensione di questo, progetti metaverse come Ready Player Me stanno sfruttando la tecnologia blockchain per offrire esperienze di proprietà degli utenti che sono interoperabili tra loro.

 
Ready Player Me è un avatar multipiattaforma per il metaverso che consente agli utenti di creare avatar 3D di se stessi. E funziona su oltre 2.000 app e giochi compatibili. Qualsiasi sviluppatore può integrare Ready Player Me nelle proprie app e giochi utilizzando l’ SDK avatar gratuito dell’azienda . Innovazioni multipiattaforma come queste aiuteranno a far materializzare il metaverso molto più rapidamente. 

Una nuova dimensione, una nuova mentalità
Sullo sfondo di una crescente sfiducia nei confronti della grande tecnologia e di una spinta per una maggiore privacy, il metaverso deve essere diverso da Internet che conosciamo oggi. In caso contrario, gli utenti ne fuggiranno per paura che ogni aspetto della loro vita venga registrato, controllato e sfruttato. E, per evitare che il metaverso si trasformi in un incubo distopico, un cartello di grandi giocatori non può avere il controllo su di esso. Affinché il metaverso si sviluppi in ciò che può e dovrebbe essere, richiederà una nuova mentalità.

Gli ecosistemi chiusi e strettamente controllati come quelli creati da artisti del calibro di Meta, Microsoft, Google e altri dovranno appartenere al passato. I muri dovranno essere abbattuti, i confini rimossi e le libertà concesse. E per farlo, le tecnologie che guidano il metaverso dovranno lavorare in armonia piuttosto che in competizione. Questo è l’unico modo in cui i consumatori potranno sperimentare il metaverso da un luogo sicuro, maggiore privacy e meno manipolazioni. 

Le reti decentralizzate e multipiattaforma offrono agli utenti un maggiore controllo sulle loro esperienze e sottraggono potere a coloro che apprezzano il profitto rispetto alla privacy e al controllo degli utenti.

 
L’esperienza del metaverso attraverso questi tipi di piattaforme aprirà un nuovo mondo di possibilità e darà agli utenti un maggiore controllo su ciò che sperimentano e fanno. Sarà una nuova dimensione, piena di possibilità. E per raggiungerlo, dobbiamo imparare dalle lezioni del passato. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi