Scrivo di aziende tecnologiche innovative e donne nel mondo degli affari.
La piattaforma Esme Learning sta creando esperienze di apprendimento online per professionisti che lavorano alla ricerca di nuovi percorsi o che desiderano intraprendere nuove carriere per se stessi, in settori come sicurezza informatica, fintech e blockchain.
La piattaforma Esme Learning sta creando esperienze di apprendimento online per professionisti che lavorano alla ricerca di nuovi … [+] GETTY
Quando pensi a un’innovazione vera e significativa nello spazio dell’apprendimento e dell’istruzione, è difficile immaginare come appare, semplicemente perché c’è stata una siccità per così tanto tempo.

Ciò che manca in questo momento a molte esperienze di apprendimento sono le prove. Quindi, se sei in classe, è difficile sapere se stai avendo un impatto sugli studenti. Gli istruttori usano le valutazioni tradizionali per misurare le prestazioni e usano i loro sensi umani per valutare il coinvolgimento, ma spesso non sanno se uno studente sta davvero collegando le idee. Una soluzione a questo divario di conoscenze – che può rendere l’apprendimento online altrettanto efficace, se non più efficace di alcune esperienze di apprendimento di persona – è la misurazione. Non saprai se un corso o un metodo di insegnamento è efficace se non misuri. E un’opportunità davvero unica nell’apprendimento online è che hai un sacco di modi per misurare ciò che sta accadendo. Se gli educatori non misurano, perdono un’opportunità per imparare davvero come essere più efficaci nel fornire contenuti educativi.

Deve esserci un approccio fondamentalmente diverso nel modo in cui le esperienze educative sono attualmente fornite in remoto e online. Esperienze educative efficaci non dovrebbero essere solo misurabili, ma esperienziali e applicate – e gli argomenti non dovrebbero essere solo fondati su principi accademici e fondamentali, ma effettivamente applicabili alle sfide che le persone dovranno affrontare sul posto di lavoro nei luoghi di lavoro e nelle industrie che subiscono enormi sconvolgimenti e cambiamenti nei prossimi anni.

Un nuovo ragazzo sul blocco – Esme Learning – sta affrontando questo frontalmente per offrire alle persone esperienze e strumenti per imparare a lavorare nel nuovo futuro del lavoro. Fondata da edX e dall’ex allieva di Pearson Beth Porter e dal futurista di intelligenza artificiale David Shrier, Esme Learning sta creando esperienze di apprendimento online che sono veramente trasformative nell’istruzione delle persone, in particolare professionisti che lavorano alla ricerca di nuovi percorsi o che desiderano intraprendere nuove carriere per se stessi, in settori come la sicurezza informatica , fintech e blockchain.

“Esme Learning è nato da una serie di conversazioni che il mio co-fondatore David Shrier e io stavamo avendo con importanti istituzioni accademiche su cosa ci aspettava, incluso il desiderio di realizzare una vera innovazione nell’apprendimento digitale. Questa è stata una discussione in corso da molti anni, ben prima che la pandemia cambiasse tutto. Molte persone nel mondo accademico che stavano lavorando con noi volevano sapere cosa fosse effettivamente coinvolgente ed efficace nell’apprendimento digitale, quindi sapevamo che dovevamo costruire qualcosa di significativo e diverso “, condivide Beth Porter, co-fondatrice e amministratore delegato dell’azienda me in una e-mail.

Esme Learning utilizza sistemi di intelligenza artificiale per fornire conoscenze critiche ai professionisti che lavorano per conto di partner universitari di alto livello, su argomenti all’avanguardia, come fintech, sicurezza informatica e blockchain. La sua piattaforma di apprendimento digitale incorpora strumenti abilitati dall’intelligenza artificiale per enfatizzare l’apprendimento esperienziale con numerose opportunità di applicazioni, comprese simulazioni dal vivo ed esercizi in piccoli gruppi che parallelamente a scenari di lavoro esperti. La particolarità è che un mix di docenti universitari e 30-50 esperti del settore per corso fornisce una visione critica delle tendenze attuali e delle prospettive sul campo su come questi argomenti si svolgono in un contesto commerciale. Gli studenti trascorrono in media dai 45 ai 60 minuti a settimana in un ambiente di chat di gruppo guidato dall’intelligenza artificiale, risolvendo una delle più grandi sfide dell’apprendimento online,

Beth Porter è co-fondatrice e amministratore delegato di Esme Learning
Beth Porter è co-fondatrice e amministratore delegato di Esme Learning ESME LEARNING
Ma come appare in azione? “Il coach AI fornisce un feedback specifico in tempo reale agli studenti sulle loro interazioni in piccoli gruppi, spingendo delicatamente i partecipanti verso comportamenti più collaborativi mentre lavorano attraverso i materiali del corso. Gli studenti ricevono dati concreti sulla propria partecipazione e iniziano a comprendere le dinamiche interpersonali del lavoro collaborativo, che li aiuta a migliorare le interazioni future e, in ultima analisi, porta a migliori prestazioni complessive. Il coach AI aiuta anche gli studenti a riflettere sulle interazioni e ad adattare i comportamenti per diventare collaboratori e contributori più efficaci, massimizzando l’esperienza di apprendimento di tutti “, spiega Porter.

Nel suo primo anno, Esme Learning ha lanciato corsi con l’Università di Oxford e sta sviluppando corsi con il MIT, con altre università in arrivo nel prossimo anno. Un altro risultato di cui il team di Porter è orgoglioso sono i tassi di completamento dei corsi – un impressionante 90% in più – che è significativamente più alto di molti altri nel settore.

Ci sono alcune tendenze convergenti che contribuiscono al motivo per cui i professionisti aziendali hanno bisogno di piattaforme come questa. Secondo Porter, l’apprendimento digitale è rotto. Sta crescendo del 400% più velocemente del mercato dell’istruzione generale, ma la maggior parte dei corsi online non si è evoluta da quando sono stati introdotti per la prima volta più di dieci anni fa. Poiché le esperienze che dipendono in gran parte dallo studente per essere un consumatore autodiretto di contenuti statici, la maggior parte dell’apprendimento online non si impegna. Ciò influisce sui tassi di completamento: in media, poco più del 3% degli studenti che iniziano enormi corsi online aperti (MOOC) lo finiscono. Allo stesso tempo, la trasformazione digitale, accelerata dalla pandemia, ha costretto i dipendenti e interi paesi a considerare cosa è necessario fare per migliorare e riqualificare rapidamente per rimanere vitali nei luoghi di lavoro.

“C’è un enorme divario di competenze tra i team digitali e quelli tradizionali. Oltre a tutto ciò, la pandemia ha indotto molti a riesaminare i propri settori e percorsi di carriera complessivi: un recente studio di AllBright ha rilevato che 2 donne su 3 stanno ora pianificando di investire nel miglioramento delle proprie competenze nel tentativo di migliorare le proprie opzioni di carriera. Tutto ciò significa che è importante imparare come imparare in modo efficace per stare al passo con tutte queste sfide e pressioni che interessano la forza lavoro. Sebbene sia imperativo acquisire abilità complesse per diventare versant nelle nuove tecnologie, è anche importante imparare a discernere le tendenze secolari veramente dirompenti che influenzeranno la tua carriera da idee che sono semplicemente di tendenza e che distraggono. Le persone devono sviluppare un nuovo modo di guardare all’intero mondo della rivoluzione tecnologica ed essere in grado di identificare nuovi tipi di posti di lavoro e opportunità. Tutto si riduce a imparare come imparare, in modo efficace e bene. Le persone che continuano a imparare come un modo costante per affrontare ogni singolo problema all’interno di qualsiasi organizzazione – la piattaforma Esme aiuta gli studenti in questo – saranno meglio attrezzate per i luoghi di lavoro del futuro “, aggiunge Porter.

La fiducia dei loro investitori è estremamente importante per Porter e il suo team. Ammette che non si aspettavano che ci fosse una risposta così forte alla soluzione e al modello di apprendimento digitale che hanno lanciato sul mercato. La società ha recentemente raccolto 7,5 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie A, guidato da Adit Ventures, una società di capitale di rischio con un focus sugli investimenti tematici tecnologici e un investitore in Palantir, SoFi e Airbnb.

“Una delle vere sfide nella raccolta fondi durante la pandemia, mentre il mondo si è spostato online, è che non siamo riusciti a incontrare nessuno di persona. Gran parte del processo è incontrare persone, leggere segnali di persona e creare fiducia. Su uno schermo video o una chiamata, è più difficile costruire relazioni e trasmettere chi sei e cosa ti interessa profondamente in modo personale, ma ho scoperto che è anche più difficile dare giudizi rapidi sulla base di attributi più superficiali, come la salda stretta di mano che hai. Ci sono pro e contro. Abbiamo raccolto fondi durante il turno, avendo solo video e telefonate mentre cercavamo di costruire relazioni e trasmettere la nostra visione attraverso questa esperienza mediata digitalmente. Questo investimento è una testimonianza della nostra visione condivisa, che è creare la principale società di apprendimento digitale per professionisti che lavorano, consentendo loro di trasformare le loro carriere.

Alla fine della nostra discussione, abbiamo dovuto toccare l’enorme problema della diversità e dell’inclusione nello spazio STEM e la sottorappresentazione delle donne. Solo una frazione degli studenti dell’istruzione superiore STEM sono donne e solo il 30% di tutte le studentesse seleziona campi correlati alle STEM nell’istruzione superiore. A livello globale, l’ iscrizione delle studentesse è bassa nelle TIC (3%); scienze naturali, matematica e statistica (5%); ingegneria, produzione e costruzione (8%). Gli ostacoli che devono affrontare le donne nello STEM sono ampiamente conosciuti: ci sono meno modelli di ruolo STEM femminili nei media mainstream, combinati con un divario retributivo ineguale (gli stipendi annuali degli uomini sono quasi $ 15.000 più alti all’anno rispetto alle donne e le donne latine e nere in STEM guadagnano circa $ 33.000 in meno .

“I nostri corsi cercano di aprire percorsi per gruppi sottorappresentati presentando esperienze educative in cui sono rappresentati gruppi più diversi (comprese le donne). Siamo molto intenzionati a portare una varietà di voci nei corsi stessi, cercando istruttori e relatori ospiti in regioni, discipline, background ed esperienze. Allo stesso modo, poiché operiamo online, possiamo attirare studenti da tutto il mondo. Le persone vengono ai corsi da diversi settori in diverse fasi della loro carriera, comprese persone che altrimenti non potrebbero mai avere l’opportunità di seguire corsi di persona in un’istituzione d’élite. Cerchiamo questa varietà nella nostra comunità di studenti perché sappiamo che offrirà agli studenti la migliore esperienza e, in definitiva, porterà a migliori risultati di apprendimento “, conclude Porter.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi