Riconoscimento facciale Torna su FB Incontri
Meta sta estendendo il suo utilizzo della scansione facciale AI per confermare l’età degli utenti su Facebook Dating, in contrasto con la loro mossa del 2021 di vietare il riconoscimento facciale.
 
Meta ha recentemente annunciato che se la società rileva un utente sotto i 18 anni, chiederà loro di confermare la propria età su Facebook Dating. L’utente deve avere più di 18 anni per utilizzare il servizio di incontri. 

Come funziona? Per utilizzare questo servizio, gli utenti devono verificare la propria età condividendo un video selfie che Facebook condivide con  Yoti , una società di terze parti, o caricando una copia del proprio ID. Quindi, secondo Meta, Yoti analizza  i segnali facciali  per fare stime sull’età  senza  identificare gli utenti.

Perché ora? Lo scanner di verifica supportato dall’intelligenza artificiale aiuterà a impedire ai bambini di utilizzare funzionalità per soli adulti. Gli adulti non sembrano essere tenuti a dimostrare la loro età su Facebook Dating (come assicurarsi che un 45enne non stia fingendo di avere 18 anni).

 
Meta ha utilizzato Yoti per verificare l’età degli utenti di Instagram che tentano di modificare il proprio compleanno per diventare maggiori di 18 anni.

Secondo Meta, la verifica dell’età ha ordinato ” centinaia di migliaia ” di utenti in versioni di app adatte all’età. La funzione selfie di Yoti è scelta dall’81% degli utenti a cui Instagram chiede di confermare la propria età.

Tuttavia, la precisione del sistema varia a seconda dell’utente: secondo la ricerca di Yoti, la sua precisione è peggiore per i volti “femminili” e per gli individui con tonalità della pelle più scure. Di conseguenza, i ricercatori hanno sollevato preoccupazioni su come il software di riconoscimento facciale e analisi si comporti in modo diverso per le persone in base alla loro età, razza e sesso.

Il riconoscimento facciale e il gioco sulla privacy di Facebook 
L’anno scorso, la società madre di Facebook, Meta, ha dichiarato che non avrebbe più utilizzato il riconoscimento facciale per il tagging delle foto. Di conseguenza, la piattaforma eliminerà i modelli facciali di oltre un miliardo di persone e disattiverà la sua tecnologia di riconoscimento facciale, che utilizza un algoritmo per identificare le persone nelle foto che gli utenti caricano sulla piattaforma di social network.

I dati raccolti dal riconoscimento facciale sono incorporati con pregiudizi e problemi di privacy. Di conseguenza, molte grandi aziende si sono unite ai  movimenti di protesta contro il riconoscimento facciale .  

Inoltre, è impossibile parlare di  consenso dei dati  senza parlare del risveglio tecnologico di  Cambridge Analytica e della polemica di Facebook.  Negli anni 2010, la società di consulenza britannica Cambridge Analytica ha ottenuto illegalmente le informazioni personali di oltre 87 milioni di utenti di Facebook, la maggior parte dei quali americani, per utilizzarle principalmente per pubblicità politica.

I dati sono stati raccolti utilizzando  l’app “This Is Your Digital Life”  , che il data scientist Aleksandr Kogan e la sua azienda Global Science Research hanno creato nel 2013. Il programma ha posto agli utenti una serie di domande per creare profili psicologici di loro e ha utilizzato la tecnologia Open Graph di Facebook per ottenere le informazioni personali dei loro amici di Facebook. Cambridge Analytica ha utilizzato i dati per supportare le campagne presidenziali di Ted Cruz e Donald Trump nel 2016, così come la Brexit. 

La reputazione di Facebook è stata pesantemente offuscata quando lo scandalo è scoppiato in pubblico e la Federal Trade Commission ha multato l’azienda di 5 miliardi di dollari per uso improprio dei dati. Anche il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha dovuto testimoniare davanti al Congresso. Cambridge Analytica ha dichiarato bancarotta. Tutto sommato, lo scandalo è stato ampiamente coperto dalle testate giornalistiche.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi