Formant raccoglie 18 milioni di dollari per aiutare le aziende a gestire flotte di robot 

L’industria della robotica continua a crescere mentre le aziende cercano di automatizzare un numero crescente di processi nelle loro organizzazioni. Secondo McKinsey , l’88% delle aziende prevede di integrare l’automazione della robotica nella propria infrastruttura nei prossimi mesi. E le aziende con sede in Nord America hanno ordinato più di 31.000 sistemi robotici nel 2020, portando le entrate del settore a una cifra stimata di oltre 1,5 miliardi di dollari, una testimonianza della forza del segmento.

C’è un legittimo timore che i robot possano sostituire parte del lavoro svolto dagli umani. Un recente studio del MIT ha scoperto che ogni robot aggiunto alla forza lavoro ha l’effetto di sostituire 3,3 posti di lavoro, mentre Oxford Economics prevede che i robot sostituiranno 20 milioni di posti di lavoro nel settore manifatturiero entro il 2030. D’altra parte, i robot potrebbero funzionare – e stanno lavorando – insieme a umani per risolvere problemi complessi. Un rapporto di Loup Ventures prevede che il 34% dei robot venduti entro il 2025 sarà collaborativo, con il mercato della ” robotica collaborativa ” che raggiungerà un miliardo di dollari di entrate entro il 2020.

 
Che sia collaborativo o meno, l’orchestrazione dei robot richiede strumenti accessibili agli ingegneri e ai responsabili delle decisioni aziendali presso le aziende che li implementano. Un fornitore è Formant, una startup fondata da ex ingegneri del software, robotisti e product manager di Google, Savioke e Redwood Robotics per sviluppare una piattaforma basata su cloud per la gestione di grandi flotte di robot. Formant, che ha annunciato oggi di aver raccolto 18 milioni di dollari in un round di serie A guidato da SignalFire, afferma che la sua soluzione consente alle aziende di operare, osservare e analizzare i robot da quasi ovunque, anche da remoto.

Gestire i robot
Il fondatore di Formant Jeff Linnell afferma che all’inizio della sua carriera nel campo della robotica, è diventato chiaro che le aziende avevano bisogno di una piattaforma in cui poter gestire tutte le loro macchine e dispositivi autonomi. Linnell ha precedentemente co-fondato Bot & Dolly, uno studio di design boutique specializzato nella combinazione di enormi bracci meccanici con software personalizzato per i film, acquisito da Google nel 2014.

Dopo essere stato capo del prodotto per la divisione robotica di Google, Linnell ha collaborato con veterani e ingegneri dell’automazione per fondare Formant. “Abbiamo scoperto rapidamente che ogni azienda di robotica è unica. Quindi, oltre alle nostre funzionalità principali, abbiamo anche investito nelle API per rendere estensibile il [prodotto] di Formant e per consentire ai clienti di creare app personalizzate all’interno di Formant, utilizzando i nostri dati e la nostra infrastruttura”, ha affermato in una nota.

 
Formant consente alle aziende di monitorare le flotte di robot, ricevere avvisi e intraprendere analisi della causa principale quando qualcosa va storto. Utilizzando la piattaforma, i clienti possono visualizzare dati di telemetria storici e in tempo reale, impostare dashboard di monitoraggio di sicurezza, efficienza e prestazioni per operatori di flotte e analisti aziendali. Formant può eseguire aggregazioni sui dati della flotta lungo le dimensioni, tra cui luogo di lavoro, regione del cliente e versione hardware per far emergere informazioni dettagliate e aiutare a definire gli obiettivi. Inoltre, il software consente ai dipendenti di collaborare per contrassegnare e condividere momenti di interesse o collaborare con i team operativi sul campo per acquisire e caricare feed di dati aggiuntivi come video clip.

“La carenza di manodopera causata dalla pandemia ha attirato molta attenzione sul mondo della robotica e su come i robot possono affrontare i lavori noiosi, sporchi e pericolosi che sono così difficili da svolgere al momento”, ha detto Linnell a VentureBeat via e-mail. “Formant [offre] ai clienti visibilità sul comportamento dei singoli robot fornendo un ‘DVR di dati’ che trasmette tutti i dati importanti da un dispositivo (come feed della telecamera, posizione e stato) e consente di visualizzarli in tempo reale o cronologicamente . Diamo agli operatori la possibilità di intervenire e controllare un robot da remoto in caso di problemi. [E noi] diamo alle parti interessate una visione di alto livello dei dati della loro flotta per analizzare le prestazioni e collegare le prestazioni dei robot agli obiettivi aziendali.

Formant consente inoltre ai team di assumere il controllo dei propri robot da qualsiasi parte del mondo con una connessione Internet. Il suo generatore di interventi può integrarsi con gli strumenti di help desk esistenti per aiutare a identificare i casi limite problematici, mentre lo strumento di creazione di report di Formant può trasformare metriche e tendenze (ad es. guasti tecnici, durata della batteria, distanza percorsa, temperatura del sensore) in one pager esportabili per le parti interessate .

Un mercato in crescita
La piattaforma di Formant, che supporta oltre 200 tipi di robot, gestisce 50.000 flussi video live e 5 miliardi di punti dati al mese, secondo Linnell. I clienti attuali includono Fortune 100 e startup di robotica in fase iniziale come BP, Canvas, Diligent, Graze, Burro e la sussidiaria di John Deere Blue River, che utilizza Formant per acquisire i dati generati dai macchinari agricoli robotizzati nei campi.

 
“Formant è stato fondamentale per ridimensionare la nostra azienda di robotica”, ha dichiarato in un comunicato stampa il CEO e fondatore di Burro Charlie Andersen. “Le persone che vendiamo vogliono avere 5.000 robot che corrono nei loro campi e vogliono sedersi in una stanza e vederli su uno schermo. È qui che si sta dirigendo il mondo in questo momento e Formant ci sta aiutando a renderlo realtà”.

Formant ha concorrenza in  SVT Robotics , un fornitore di software che orchestra i robot nei magazzini e nelle fabbriche. Brain Corp , uno dei più grandi attori nello spazio, offre una piattaforma di orchestrazione comparabile per i robot che operano nei centri di distribuzione, negli aeroporti e negli ambienti di vendita al dettaglio. Da parte sua, Amazon ha recentemente lanciato AWS IoT RoboRunner , un servizio di robotica disponibile tramite Amazon Web Services progettato per semplificare alle aziende la creazione di app che consentono a flotte di robot di lavorare insieme.

Ma Linnell afferma che Formant da 20 dipendenti è sulla buona strada per raddoppiare le sue dimensioni nel 2022. Questo ultimo round di investimenti, a cui hanno partecipato Hillsven, Pelion, Goodyear Ventures, Thursday Ventures, Ericsson, Picus Capital e Holman Strategic Ventures, supporterà i clienti crescita delle acquisizioni e “aiutare Formant a servire meglio il suo crescente numero di clienti e partner”, ha aggiunto.

 
“I nuovi soldi sono in gran parte destinati ai team di immissione sul mercato, oltre alla crescita del nostro team di assistenza clienti e di successo. Per quanto riguarda il prodotto, faremo investimenti significativi nelle nostre integrazioni e API, assicurando che Formant sia estensibile e che i nostri clienti possano facilmente creare le loro app e flussi di lavoro all’interno della nostra piattaforma”, ha affermato Linnell.

Il capitale totale di Formant è ora di 23 milioni di dollari.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi