Nuovo sondaggio Gartner: solo la metà dei modelli di IA entra in produzione 

L’automazione e l’intelligenza artificiale (AI) vengono ampiamente abbracciate dalle organizzazioni anche se permangono molteplici sfide, anche se le sfide potrebbero non essere ciò che molti pensano. 

In molteplici aspetti dell’IT e dell’IA, la mancanza di professionisti IT qualificati è spesso citata come ostacolo all’adozione. Secondo un nuovo sondaggio pubblicato oggi da Gartner, la mancanza di talento nell’IA non è davvero un problema. Un enorme 72% delle organizzazioni intervistate ha affermato di poter reperire o disporre già del talento di intelligenza artificiale di cui hanno bisogno. 

 
Tavola rotonda dall’alfabetizzazione ai dati alla competenza: un viaggio per intrecciare dati e apprendimento nella cultura aziendale
Tutti stanno costruendo modelli di intelligenza artificiale, ma la produzione è più difficile
Sebbene la mancanza di talento non sia un problema, il passaggio dal pilot alla produzione lo è certamente. L’indagine di Gartner ha individuato un ostinato divario tra il numero di modelli di intelligenza artificiale sviluppati dalle organizzazioni e il numero effettivo che ne entra in produzione. 

Il sondaggio ha riportato che, in media, solo il 54% dei modelli di intelligenza artificiale passa dal pilota alla produzione. Questa cifra è solo nominalmente superiore al 53% spesso citato che Gartner ha riportato in un sondaggio del 2020 .

 

“La più grande sorpresa è stata l’enorme numero di organizzazioni che hanno riferito di aver implementato migliaia di modelli di intelligenza artificiale insieme al fatto che solo il 54% entra in produzione e molte [indicando] di non essere allineate al valore aziendale”, Frances Karamouzis, illustre vicepresidente analista di Gartner, ha detto a VentureBeat. 

Quindi, cosa è necessario per spostare l’ago in modo che più progetti di IA passino dal pilota alla produzione? Karamouzis ha detto che la risposta in una sola parola è disciplina.

Dal suo punto di vista, le organizzazioni devono adottare un approccio disciplinato per allinearsi al valore, garantire che sia presente il talento giusto e garantire che le aree critiche della fiducia e della sicurezza dell’IA siano implementate correttamente.

La governance resta una sfida
Lo studio di Gartner ha inoltre rilevato che il 40% delle organizzazioni dispone di migliaia di modelli di intelligenza artificiale implementati e che il volume porta a complessità per la governance , oltre a tenere traccia del valore e del ritorno sull’investimento dell’IA. 

La sfida della mancanza di governance dell’IA è stata identificata in altri sondaggi pubblicati nel 2022. Un progetto di ricerca globale condotto da Juniper Networks e Wakefield Research pubblicato il 15 giugno ha rilevato che la mancanza di maturità nelle politiche di governance dell’IA è un ostacolo all’ulteriore adozione. Il rapporto di Wakefield Research, tuttavia, ha anche rilevato che la mancanza di talento era un problema, che non è quello che sta vedendo Gartner.

Anche un rapporto dell’aprile 2022 di O’Reilly Media ha rilevato che la governance è una sfida per l’adozione dell’IA, con il 51% delle organizzazioni che non dispone di una qualche forma di piano di governance per i progetti di intelligenza artificiale.

L’intersezione tra sicurezza, privacy e intelligenza artificiale
La sicurezza non è stata nemmeno identificata come uno dei principali ostacoli all’adozione da parte degli intervistati al sondaggio Gartner. Solo il 3% degli intervistati ha indicato la sicurezza come una barriera principale, con le principali barriere identificate come la capacità di misurare il valore, la mancanza di comprensione dei vantaggi e degli usi dell’IA e le sfide dell’accessibilità dei dati. 

 
Tuttavia, anche se la sicurezza non ha superato l’elenco delle principali barriere, i problemi di sicurezza e privacy relativi all’IA sono dilaganti, con il 41% delle organizzazioni che ammette di aver avuto problemi in passato. 

Approfondendo la questione della sicurezza dell’IA, metà delle organizzazioni (50%) era preoccupata per i concorrenti o addirittura per i partner come rischi. La vera fonte di rischio, tuttavia, sembra essere l’insider. Di quelle organizzazioni che hanno ammesso di avere un problema di privacy o sicurezza relativo all’IA, il 60% è stato attribuito a insider.

“I problemi di sicurezza dell’IA delle organizzazioni sono spesso fuori luogo, dato che la maggior parte delle violazioni dell’IA sono causate da addetti ai lavori”, ha scritto in un comunicato Erick Brethenoux, illustre VP analista di Gartner. “Sebbene il rilevamento e la prevenzione degli attacchi siano importanti, gli sforzi per la sicurezza dell’IA dovrebbero concentrarsi ugualmente sulla riduzione al minimo del rischio umano”.

Il sondaggio Gartner è stato condotto da ottobre a dicembre 2021, negli Stati Uniti, in Germania e nel Regno Unito. Sono stati intervistati 699 intervistati, impiegati da organizzazioni che intendevano implementare entro i prossimi tre anni o che hanno già implementato l’IA.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi