Home / curiosità / Gli altoparlanti intelligenti come Google Alexa o Siri influenzano il modo in cui i bambini comunicano?

Gli altoparlanti intelligenti come Google Alexa o Siri influenzano il modo in cui i bambini comunicano?

Gli agenti conversazionali come Alexa influenzano il modo in cui i bambini comunicano?
 

Un team di ricercatori dell’Università di Washington ha deciso di studiare se gli agenti conversazionali, come Alexa o Siri, influenzano il modo in cui i bambini comunicano con altri umani. Il recente studio ha scoperto che probabilmente non è così e che i bambini sono sensibili al contesto in queste conversazioni. 

Gli esperimenti hanno coinvolto un agente di conversazione che insegnava a 22 bambini di età compresa tra 5 e 10 anni a usare la parola “bungo” per chiedere all’agente di parlare più velocemente. I bambini usavano costantemente la parola quando il discorso del robot rallentava. Tuttavia, il significato non si è trasferito ai bambini quando hanno avuto conversazioni con i loro genitori, poiché la maggior parte dei bambini lo ha preso come uno scherzo interno. Quando i bambini parlavano con i ricercatori, non usavano quasi mai il bungo .

La ricerca è stata presentata alla conferenza Interaction Design and Children del 2021 a giugno.

Alexis Hiniker è un autore senior e un assistente professore all’Università dell’Informazione.

“Eravamo curiosi di sapere se i bambini acquisissero abitudini di conversazione dalle loro interazioni quotidiane con Alexa e altri agenti”, ha affermato Hiniker. “Molte delle ricerche esistenti esaminano agenti progettati per insegnare una particolare abilità, come la matematica. È un po’ diverso dalle abitudini che un bambino potrebbe acquisire casualmente parlando con una di queste cose”.

Uno studio in cinque parti
Lo studio in cinque parti ha coinvolto ogni bambino in visita al laboratorio con un genitore e un ricercatore. Nella prima parte i bambini hanno parlato con un semplice robot animato o cactus sullo schermo di un tablet, che mostrava anche il testo della conversazione. Un’altra parte dello studio ha coinvolto un ricercatore che non era presente nella stanza, ponendo domande a ciascun bambino. L’app li ha poi tradotti in una voce sintetica che è stata riprodotta per il bambino prima che il ricercatore ascoltasse le risposte e le reazioni.

Durante questi esperimenti, il 64% dei bambini si è ricordato di usare il bungo la prima volta che il robot ha rallentato la parola. Alla fine delle sessioni, ogni bambino aveva imparato la routine. 

La parte successiva dello studio ha presentato i bambini all’altro agente, che ha iniziato a parlare periodicamente lentamente dopo una velocità normale. L’agente non ha ricordato ai bambini di usare il bungo e una volta che il bambino ha detto la parola cinque volte o ha lasciato parlare l’agente per cinque minuti, la conversazione è terminata. 

Questa parte ha dimostrato che il 77% dei bambini aveva usato con successo il bungo con questo agente. 

Il passo successivo è stato che il genitore parlasse con il bambino dopo che il ricercatore aveva lasciato la stanza. Anche il genitore ha iniziato a parlare lentamente e non ha dato alcun promemoria. 

Dei bambini che hanno completato questa parte dello studio, il 68% usava il bungo quando parlava con i genitori. Il ricercatore è poi tornato nella stanza per tenere una conversazione simile a bassa velocità e solo il 18% dei bambini partecipanti ha usato la parola. 

“I bambini hanno mostrato una consapevolezza sociale davvero sofisticata nei loro comportamenti di trasferimento”, ha detto Hiniker. “Hanno visto la conversazione con il secondo agente come un luogo in cui era appropriato usare la parola bungo. Con i genitori, l’hanno vista come un’opportunità per legare e giocare. E poi con il ricercatore, che era un estraneo, hanno invece preso la strada socialmente sicura di usare la norma conversazionale più tradizionale di non interrompere qualcuno che ti sta parlando.

Immagine: Università di Washington
Provalo a casa
I ricercatori hanno chiesto ai genitori di rallentare il discorso nelle successive 24 ore a casa, e delle famiglie partecipanti, 11 hanno riferito che i bambini hanno continuato a usare il bungo. Tuttavia, è stato utilizzato in modo giocoso. Per quanto riguarda i bambini che hanno espresso scetticismo in laboratorio, molti hanno fatto lo stesso a casa.

“C’è un senso molto profondo per i bambini che i robot non sono persone e non volevano che quella linea fosse sfocata”, ha detto Hiniker. “Quindi per i bambini a cui non importava portare questa interazione ai loro genitori, è diventato qualcosa di nuovo per loro. Non era che stessero iniziando a trattare i loro genitori come robot. Stavano giocando con loro e si connettevano con qualcuno che amavano”.

I risultati suggeriscono che i bambini tratteranno questi agenti in modo diverso rispetto agli altri umani, ma è possibile che le conversazioni con gli agenti possano influenzare leggermente le abitudini di un bambino. 

“Penso che ci sia una grande opportunità qui per sviluppare esperienze educative per agenti di conversazione che i bambini possono provare con i loro genitori. Ci sono così tante strategie di conversazione che possono aiutare i bambini a imparare, crescere e sviluppare forti relazioni interpersonali, come etichettare i propri sentimenti, usare affermazioni “io” o difendere gli altri”, ha detto Hiniker. “Abbiamo visto che i bambini erano entusiasti di praticare in modo giocoso un’interazione conversazionale con i loro genitori dopo averlo appreso da un dispositivo. L’altro mio asporto per i genitori è di non preoccuparsi. I genitori conoscono meglio il loro bambino e hanno un buon senso di se questo genere di cose modella il comportamento del proprio figlio. Ma dopo aver condotto questo studio ho più fiducia che i bambini faranno un buon lavoro nel distinguere tra dispositivi e persone”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi