Home / AI tecnologia / iBorderCtrl rilevatore di menzogne  AI testato dall’Unione Europea

iBorderCtrl rilevatore di menzogne  AI testato dall’Unione Europea

L’UE intende testare un rilevatore di menzogne  AI ai punti di frontiera

Le prove per il rilevamento delle menzogne ​​con intelligenza artificiale ai posti di controllo delle pattuglie di confine sono previste per essere avviate presto nell’UE. Il programma, chiamato iBorderCtrl , avrà una durata di sei mesi in quattro punti di frontiera in Ungheria, Lettonia e Grecia con paesi al di fuori dell’Unione Europea, come riportato da Gizmodo .

iBorderCtrl è un progetto finanziato dall’UE che utilizza l’intelligenza artificiale al fine di facilitare l’attraversamento dei confini più rapido per i viaggiatori. Il sistema ha gli utenti che compilano un’applicazione online e caricano alcuni documenti, come il loro passaporto, prima che una guardia di frontiera virtuale prenda il posto di porre domande. Secondo New Scientist , alcune di queste domande includono “Cosa c’è nella tua valigia?” E “Se apri la valigia e mostrami cosa c’è dentro, confermerà che le tue risposte erano vere?” I viaggiatori risponderanno mentre si trovano di fronte a una webcam e il sistema analizzerà e valuterà dozzine di micro-gesti.

Se iBorderCtrl determina che il viaggiatore sta dicendo la verità, allora riceveranno un codice QR che consentirà loro di superare il confine. Se c’è il sospetto che il viaggiatore stia mentendo, prenderanno le informazioni biometriche – comprese le impronte digitali, la lettura delle vene palmate e la corrispondenza del volto – prima di essere passate a un agente umano che rivedrà le loro informazioni e farà una valutazione.

Il programma è ancora considerato altamente sperimentale e, nel suo stato attuale, non impedirà a nessuno di attraversare un confine. I primi test di una precedente iterazione avevano solo una percentuale di successo del 76%, ma un membro del team iBorderCtrl ha dichiarato a New Scientist di essere “abbastanza fiduciosi” che può essere innalzato all’85%.

Anche se questo obiettivo viene raggiunto, lascia una grande quantità di spazio per errore. Ma ciò non è del tutto sorprendente dal momento che gli studi hanno dimostrato che molti algoritmi di riconoscimento facciale presentano problemi di errore e di bias significativi . Questi sistemi hanno anche sollevato bandiere con gruppi di libertà civili come il Progetto di contenzioso sulle frontiere dell’ACLU, i quali temono che potrebbero portare a una sorveglianza più diffusa.

Pubblicato: 24 ottobre 2018
Temi correlati e sottotemi
Ricerca industriale :  materiali e prodotti  |  Standard, misure e prove
Società dell’informazione :  tecnologia dell’informazione  |  Multimedia
Innovation
Politica di ricerca :  Horizon 2020
Security

Paesi coinvolti nel progetto descritto nell’articolo
Grecia  |  Ungheria  |  Lettonia  |  Lussemburgo  |  Polonia  |  Spagna |  Regno Unito

Più di 700 milioni di persone entrano nell’UE ogni anno – un numero che sta rapidamente aumentando. L’enorme volume di viaggiatori e veicoli sta accumulando pressione sulle frontiere esterne, rendendo sempre più difficile per il personale di frontiera mantenere rigorosi protocolli di sicurezza, controllando i documenti di viaggio e gli elementi biometrici di ogni passeggero, mantenendo al minimo le interruzioni.

Per aiutare, il progetto IBORDERCTRL, finanziato dall’UE, sta sviluppando un “sistema di controllo intelligente” che facilita – rendendo più rapide – le procedure di frontiera per viaggiatori in buona fede e rispettosi della legge. In questo senso, il progetto mira a realizzare incroci di frontiere terrestri più efficienti e sicuri per facilitare il lavoro delle guardie di frontiera nello scoprire gli immigrati clandestini, contribuendo così alla prevenzione della criminalità e del terrorismo.

“Stiamo impiegando tecnologie esistenti e collaudate – oltre a nuove – per potenziare gli agenti di frontiera per aumentare l’accuratezza e l’efficienza dei controlli di frontiera”, afferma il coordinatore del progetto George Boultadakis di European Dynamics in Lussemburgo. “Il sistema IBORDERCTRL raccoglierà dati che andranno oltre la biometria e ai biomarcatori dell’inganno.”

Intelligente ‘rilevamento di inganno’
Il sistema IBORDERCTRL è stato impostato in modo che i viaggiatori utilizzino un’applicazione online per caricare le foto del passaporto, il visto e la prova dei fondi, quindi utilizzare una webcam per rispondere alle domande di una guardia di frontiera animata da computer, personalizzata per il genere del viaggiatore, etnia e lingua. L’approccio unico alla “rilevazione dell’inganno” analizza le micro-espressioni dei viaggiatori per capire se l’intervistato stia mentendo.

Questa fase di pre-screening è la prima di due fasi. Prima dell’arrivo alla frontiera, informa anche i viaggiatori dei loro diritti e procedure di viaggio, oltre a fornire consigli e avvisi per scoraggiare le attività illegali.

La seconda fase si svolge al confine effettivo. I viaggiatori che sono stati segnalati come a basso rischio durante la fase di pre-screening passeranno attraverso una breve rivalutazione delle loro informazioni per l’ingresso, mentre i passeggeri ad alto rischio subiranno un controllo più dettagliato.

I funzionari di frontiera utilizzeranno un dispositivo portatile per verificare automaticamente le informazioni, confrontando le immagini del volto catturate durante la fase di pre-screening ai passaporti e le foto scattate ai valichi di confine precedenti. Dopo che i documenti del viaggiatore sono stati rivalutati e sono state eseguite le impronte digitali, la scansione delle vene del palmo e la corrispondenza del volto, il potenziale rischio posto dal viaggiatore verrà ricalcolato. Solo allora una guardia di confine prende il posto del sistema automatico.

All’inizio del progetto IBORDERCTRL, i ricercatori hanno dedicato molto tempo a imparare a conoscere i valichi di frontiera dagli stessi funzionari di frontiera, attraverso interviste, workshop, sondaggi sul sito e osservandoli al lavoro.

Si spera che le prove che stanno per iniziare in Ungheria, Grecia e Lettonia provino che il sistema di controllo portatile intelligente aiuta le guardie di frontiera a identificare in modo affidabile i viaggiatori coinvolti in attività criminali. Le prove inizieranno con i test di laboratorio per familiarizzare le guardie di frontiera con il sistema, seguite da scenari e test in condizioni realistiche lungo i confini.

Una sfida crescente
“Il mercato globale della sicurezza marittima e dei confini sta crescendo rapidamente alla luce delle allarmanti minacce terroristiche e degli attacchi terroristici che si verificano sul suolo dell’Unione europea, e della crisi migratoria”, afferma Boultadakis.

Di conseguenza, le organizzazioni partner di IBORDERCTRL beneficeranno probabilmente di questo crescente mercato europeo della sicurezza – un settore che, secondo le stime, ammonterà a 146 miliardi di dollari (128 miliardi di euro) in Europa entro il 2020.

 

Dettagli del progetto

Acronimo del progetto: iBorderCtrl
Partecipanti: Lussemburgo (Coordinatore) , Grecia, Cipro, Regno Unito, Polonia, Spagna, Ungheria, Germania, Lettonia
Progetto n. 700626
Costi totali: € 4 501 877
Contributo UE: € 4 501 877
Durata: da settembre 2016 ad agosto 2019

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi