Home / AI tecnologia / IBM ha sviluppato un’IA chiamata Philyra, che può creare profumi per specifici dati demografici dei clienti

IBM ha sviluppato un’IA chiamata Philyra, che può creare profumi per specifici dati demografici dei clienti

AI è il futuro del profumo? IBM ci scommette.
IBM ha sviluppato un algoritmo di analisi e sta arrivando per il corridoio delle fragranze.

La creazione di un profumo è spesso considerata un’arte su misura. I francesi si vantano da secoli nel settore olfattivo e i maestri di profumi professionisti , spesso definiti “nasi”, trascorrono decenni a imparare l’artigianato, l’apprendistato sotto il dominio dei maestri. Grandi aziende cosmetiche come Coty e Estée Lauder scrivono enormi assegni alle agenzie di profumi leggendarie, che impiegano meticolosi chimici per profumi, scrupolosi nell’arte dell’aromologia.

Un tema comune qui è che la capacità di sviluppare una fragranza è estremamente preziosa – ed estremamente umana. Il profumo è, dopotutto, la sensazione che la scienza dice abbia la più forte capacità di evocare ricordi o innescare emozioni e stati d’animo .

Ora IBM sta tentando di rovesciare il modello tradizionale sfruttando il potere dell’intelligenza artificiale per sviluppare i profumi.

Symrise , una delle principali società di fragranze globali con sede in Germania, con clienti come Estée Lauder, Avon, Coty e Donna Karan, ha recentemente sfruttato il gigante della tecnologia per studiare come l’apprendimento automatico possa essere applicato nel mondo della fragranza.

IBM ha sviluppato un algoritmo che studia le formule di fragranza esistenti e quindi confronta gli ingredienti con altri set di dati, come la geografia e l’età dei clienti. Questo algoritmo, creato nel centro di ricerca Thomas J. Watson di IBM e che la società ha nominato Philyra, ora può sviluppare nuovi profumi destinati a segmenti di mercato molto specifici.

Achim Daub, un dirigente della Symrise, dice che l’azienda ha già venduto due profumi sviluppati da AI a O Boticário, il secondo più grande negozio di bellezza del Brasile. I due profumi, i cui nomi non sono stati condivisi con Vox, inizieranno a vendere all’interno delle 4000 località di O Boticário l’anno prossimo.

Sembra tutto un po ‘futuristico. Come funziona esattamente il processo? E come può un algoritmo comprendere le componenti sensuali, trasformative e personali della scelta delle fragranze?

Come funziona l’intelligenza artificiale di IBM?
Symrise ha 1,7 milioni di formule di profumi raccolte nel corso degli anni. Questi includono profumi venduti ad aziende come Estée Lauder e Coty, che poi li commercializzano e li confezionano come profumi di fantasia, così come aromi e intrugli usati per cose come dentifricio, cibo per animali domestici, detersivo, candele, snack e soda.

Symrise ha condiviso questo elenco di formule di fragranze, insieme a informazioni su come si sono svolte vendite con IBM. Philyra li ha aggiunti a un database e li ha confrontati con i dati aggiuntivi forniti da Symrise, come i profumi che erano best-sellers e dove, chi li stava comprando, e quale fascia d’età preferisce maggiormente i profumi. Philyra può quindi utilizzare tali informazioni per creare nuove formule mirate a dati demografici specifici.

Un profumiere Symrise gioca con le fragranze create da IBM AI, Philyra.
Symrise
Richard Goodwin, ricercatore presso IBM che fa parte del team che ha sviluppato Philyra, descrive questo sviluppatore di fragranze artificiali come “un sistema che ha imparato a creare una fragranza come un apprendista umano”.

“Proprio come un apprendista imparerebbe da un maestro quali combinazioni di ingredienti funzionerebbero bene, come quello che sarebbe un buon sostituto per l’olio di arancia e quando, o quando aggiungere olio di rosa invece di limone, l’apprendimento automatico creerà una fragranza basata sulla quale la formula ha funzionato meglio “, dice.

Nel caso dei profumi Philyra realizzati per Boticário, il marchio ha chiesto profumi che avrebbero indirizzato i millennial residenti in Brasile. Philyra ha confrontato le formule con i profumi che erano popolari in quell’area e nella fascia di età e ne ha inventate due. Il primo, secondo David Apel, profumiere di Symrise, profuma di “cose ​​che posso associare solo alla cucina esotica … semi di fieno greco, baccelli di cardamomo verde, semi di carota, il tutto avvolto da una nota di base lattea, burrosa e ricca.” L’altra fragranza è un profumo fruttato, floreale – apparentemente rivolto alle ragazze – e ha profumi di tè di Osmanthus con litchi e patchouli, che Apel definisce “innocenti, frizzanti, effervescenti”.

Daub afferma che entrambe le fragranze hanno ricevuto risposte stellari dai focus group, e ne sono usciti al top anche quando testate contro altri profumi popolari con i millenari brasiliani.

Goodwin crede che Philyra sia un esempio di come “i computer possono essere creativi”. Può rapidamente creare un nuovo profumo setacciando con facilità 1.7 milioni di set di dati. Questo è simile ad altre creazioni di IA, come il modo in cui uno scienziato di dati ha creato il generatore di Meow aggiungendo migliaia di foto di gatti in una rete generativa di contraddittorio.

Daub afferma che Symrise ha deciso di assumere IBM dopo aver letto di Chef Watson , l’app di cucina AI di IBM. Lo stesso supercomputer che ha dominato Jeopardy nel 2011 ha fatto notizia per la sua capacità di inventare nuove ricette in collaborazione con Bon Appétit.

Daub sentiva che la miscelazione, la preparazione e l’odore dei componenti del mondo alimentare erano simili allo sviluppo delle fragranze commerciali e pensava che l’intelligenza artificiale potesse aiutare l’azienda a innovare. Symrise ha inoltre recentemente investito $ 6 milioni in Phlur, la startup di fragranze che vende i suoi profumi ai clienti online abbinando profumi con musica e fotografia. Daub crede che AI ​​in definitiva aiuterà il mercato delle fragranze a fare soldi puntando sulle “opportunità mancate” nelle vendite di profumi.

Sta attento a dire che Philyra non sostituirà gli umani nel processo di sviluppo delle fragranze – non ancora comunque. Nel caso dei due profumi che saranno venduti a O Boticário, una macchina ha sviluppato le fragranze ma un maestro profumiere di Symrise ha ottimizzato il prodotto “per enfatizzare una certa nota e migliorare quanto a lungo è durato sulla pelle”, secondo Goodwin.

“È una reazione molto umana preoccuparsi della tecnologia che sostituisce un essere umano, e non stiamo parlando di sostituire i profumieri domani”, dice Daub. “Questo non è qualcosa per necessariamente commercializzare per i clienti, ma la capacità interna è quella che può aumentare l’efficienza e la velocità.”

Invece, dice che Philyra funzionerà come “un apprendista con cui il maestro profumiere sarà in grado di lavorare” – il che suona molto simile alla sostituzione di apprendisti profumieri per me, ma dettagli! Symrise progetta di implementare presto l’uso di Philyra nella sua scuola di profumi .

L’AI di profumo di IBM è l’ultimo esempio del settore tecnologico che si sta spostando verso la bellezza e la moda
È logico che Symrise voglia aumentare la velocità e l’efficienza nello sviluppo di fragranze: ci sono molti soldi da fare. Il mercato globale delle fragranze vale 48 miliardi di dollari, per Euromonitor. I profumi sono mucche di denaro per i marchi di moda perché sono un acquisto accessibile. La maggior parte non può permettersi una borsetta di Chanel, figuriamoci i vestiti di Chanel, ma una bottiglia di Chanel n. 5 è molto più raggiungibile.

Britney Spears promuove la sua fragranza, “Curious” nel 2004 presso un Macy’s di New York City.
Kevin Mazur / Getty Images
Le fragranze sono anche enormi opportunità di business per le celebrità; star come Elizabeth Taylor, Jennifer Lopez e Britney Spears hanno fatto milioni attaccando il loro nome e la loro immagine ai profumi.

E ora gli algoritmi guidano marchi di moda grandi e piccoli, da Stitch Fix a Choosy . Hanno anche suscitato la curiosità dei grandi giganti del retail come H & M, che vuole imparare come predire meglio di cosa si venderà in modo da non finire seduto su $ 4.3 miliardi di dollari di vestiti invenduti di nuovo. Le startup per la cura della pelle sono anche entusiaste di utilizzare l’intelligenza artificiale per perfezionare e sviluppare prodotti di bellezza personalizzati.

L’idea di tutte queste aziende è che i set di dati possono funzionare altrettanto bene e spesso anche meglio delle persone, nella raccolta di informazioni e nello sviluppo di prodotti.

Applicare l’apprendimento automatico al settore delle fragranze, ad esempio, potrebbe aiutare le aziende a ingannare i profumi più ambiti senza violare i segreti commerciali utilizzando un algoritmo per modificare leggermente la formula.

“Il risultato di questo è ancora abbastanza aperto”, dice Goodwin. “Questo sarà usato per sviluppare formule di fragranza più velocemente? Capiremo i successi del mercato in diverse parti del mondo e saremo in grado di conoscere meglio le preferenze dei clienti? Le formule più snelle saranno progettate? Siamo ancora a metà esplorazione “.

Il pushback, naturalmente, è che qualcosa di personale come bellezza, fragranza e stile, servito come un algoritmo , può sembrare sterile.

Mentre Chandler Burr , ex critico del profumo del New York Times ha trasformato il maestro del profumo, nel 2014 , “il profumo si trasforma da un artigianato puramente artigianale a una vera arte perché mente. Il punto dell’arte è far sentire le persone, manipolare le persone. Più forte e profonda è la reazione emotiva e intellettuale, maggiore è il successo dell’opera d’arte. ”

Burr descrive la fragranza come qualcosa che dà alle persone “una risposta emotiva e intellettuale”. Un computer può generare la formula di un profumo best-seller tra una certa demografia, ma capisce perché quelle formule sono così popolari – come perché i profumi che sono dolci e fiori sono commercializzati per le ragazze adolescenti, e perché alcuni in realtà preferiscono spingere contro questo stereotipo ?

Ci sono quelli della piccola industria che lavorano nel settore delle fragranze e pensano che Philyra possa davvero avvantaggiare i profumieri. Julia Zangrilli, la fondatrice della fragranza cliente Nova , vede questo tipo di tecnologia AI come un vantaggio per l’industria dei profumi. Potrebbe sbarazzarsi dei profumieri di medio livello, ma i profumieri più piccoli potrebbero fare una più ampia varietà di prodotti, poiché i costi di manodopera e di sviluppo diminuirebbero.

“La tecnologia fa quello che potrebbe essere considerato da alcuni come ‘busywork’ – la costruzione dello scheletro e il corpo principale di una fragranza”, dice. “Forse non romantico nel senso classico della creazione, ma questa è una tecnologia super utile che identifica entrambi i nuovi percorsi e fa risparmiare tempo e fatica”.

Symrise non sa ancora se la tecnologia come Philyra influenzerà il costo dei profumi, ed è troppo presto per dire se questo tipo di AI può essere distribuito su larga scala, al punto che tutti possono ottenere la loro fragranza personalizzata con il premere un pulsante. Quindi, per ora, l’influenza dell’IA sui clienti è probabilmente piccola.

Non ci saranno dubbi sui puristi che vorranno solo acquistare fragranze fatte a mano e “autentiche”, ma Zangrilli paragona l’interpretazione di IBM sui profumi all’acquisto di pizza premade e all’aggiunta di condimenti. Forse non è la stessa cosa della pizza artigianale, ma può comunque essere deliziosa.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi