Home / Economia / January AI l’intelligenza artificiale che aiuta le persone a gestire il diabete

January AI l’intelligenza artificiale che aiuta le persone a gestire il diabete

L’intelligenza artificiale di gennaio raccoglie 8,8 milioni di dollari per l’intelligenza artificiale che aiuta le persone a gestire il loro diabete

January AI , una startup che sviluppa una piattaforma che prevede le risposte dei pazienti diabetici a determinati alimenti, ha annunciato oggi di aver raccolto 8,8 milioni di dollari. Tra gli investitori importanti nel round c’erano il CEO di Salesforce Marc Benioff, il cofondatore di YouTube Steve Chen e l’ex Yahoo! CEO Marissa Mayer.

Il fondatore di gennaio Noosheen Hashemi afferma che i fondi verranno utilizzati per riempire le assunzioni dei team di prodotto, ingegneria e operazioni di gennaio, accelerando le iscrizioni al suo programma sanitario. “Crediamo che ogni giorno possa sembrare il primo gennaio – un giorno per ricominciare da capo verso una salute migliore – e che il miglioramento personale sia uno sport di squadra. Inoltre, siamo entusiasti di espandere la nostra presenza nell’impresa, incluso il settore farmaceutico, dove abbiamo già un cliente pagante “, ha affermato in un comunicato stampa.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, 122 milioni di americani – metà della popolazione adulta degli Stati Uniti – hanno il diabete o il prediabete, con una crescita a due cifre prevista nel prossimo decennio. Il diabete è tra le malattie croniche più costose, con $ 1 su ogni $ 7 nel sistema sanitario statunitense speso per la cura del diabete. E la pandemia COVID-19 ha evidenziato quanto sia vulnerabile questa popolazione. Si stima che ben il 40% degli americani morti a causa di COVID-19 avesse il diabete.

January è stata fondata nel 2017 da Hashemi e Michael Snyder, il direttore della genomica e della medicina personalizzata presso la Stanford University School of Medicine. I due fondatori hanno riunito un team multidisciplinare di scienziati computazionali, alimentari, traslazionali e medici per affrontare ciò che vedevano come bisogni insoddisfatti nelle persone con o a rischio di sviluppare il diabete.

January adotta un approccio “multi-omico” alla gestione delle malattie croniche, incorporando i dati indossabili e del microbioma per formulare raccomandazioni sanitarie che affrontano l’iperglicemia. Ad esempio, in uno studio presentato alla conferenza delle sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association del 2020, la società ha utilizzato monitor della frequenza cardiaca e del glucosio continuo per associare le reazioni di 1.022 persone nello spettro del diabete al carico glicemico degli alimenti che mangiavano. Il settanta per cento di tutti i partecipanti ha migliorato il proprio intervallo di tempo – la quantità di tempo in cui la glicemia è rimasta entro una zona sana – compreso il 58% delle persone con i livelli di glucosio nel sangue più alti.

Secondo Hashemi e Snyder, i risultati dello studio hanno portato agli algoritmi di apprendimento automatico di gennaio che prevedono la risposta del glucosio per 33 ore nelle persone con diabete di tipo 2. Dopo 4 giorni, gli algoritmi apprendono un modello individualizzato e possono valutare la quantità di attività necessaria per ridurre una curva glicemica.

Gennaio offre un programma benessere in abbonamento da $ 488, Season of Me, che include uno screening telematico con un medico, 2 monitor del glucosio continui e un abbonamento di 90 giorni all’app di gennaio. Season of Me offre ai clienti informazioni su come la dieta, l’esercizio fisico e il sonno influenzano il loro livello di zucchero nel sangue, ad esempio, suggerendo quali cibi evitare e quando una camminata veloce o una corsa potrebbero riportare una persona nella zona sana.

January afferma che lavora anche con le aziende farmaceutiche per studiare come i farmaci per le malattie metaboliche potrebbero essere influenzati da stili di vita e fisiologie. Come per i singoli pazienti, la piattaforma dell’azienda sintetizza cibo, frequenza cardiaca e altri dati per l’analisi, che secondo gennaio possono fornire un potere associativo, prognostico o predittivo per controllare lo squilibrio degli studi clinici.

Oltre ai partner farmaceutici, i datori di lavoro possono collaborare con January per accedere all’atlante dell’azienda di oltre 16 milioni di alimenti, completo di indice glicemico, carico glicemico e dati sulla risposta del glucosio. Tramite un’API, sono in grado di implementare i suoi algoritmi per prevedere la risposta glicemica personalizzata e fornire prescrizioni di esercizi per contrastare i picchi di zucchero nel sangue.

Januar stima che il potenziale risparmio sui costi per membro per i suoi clienti aziendali sia compreso tra $ 850 e $ 1.400 all’anno.

“Mentre altre aziende hanno fatto progressi nella comprensione dei dati dei sensori biometrici, ad esempio dai monitor della frequenza cardiaca e del glucosio, gennaio ha fatto progressi nell’analisi e nella previsione degli effetti del consumo di cibo stesso”, Aydin Senkut, fondatore e managing partner di Felicis Ventures, un investitore di gennaio, ha detto in un comunicato stampa. “Capire cosa mangiano le persone è la chiave per affrontare la salute metabolica e le malattie croniche. Aggregando un atlante alimentare di 16 milioni di articoli, inclusi i menu dei ristoranti locali, gennaio ha utilizzato l’apprendimento automatico per creare etichette nutrizionali e indice glicemico per i cibi di tutti i giorni che gli americani mangiano, trasformando il cibo in dati sanitari utilizzabili “.

Oltre a Felicis Ventures, HAND Capital e gli investitori esistenti AME Cloud Ventures e SignalFire hanno partecipato all’ultimo round di finanziamento di gennaio, che porta il totale di Menlo Park, società con sede in California, a $ 21 milioni. Il cofondatore di Grail ed ex CTO di Illumina Mostafa Ronaghi, il CEO di Home Care Assistance Lily Sarafan e il veterano Oracle Gary Kennedy erano tra gli altri sostenitori.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi