Home / Robot / La fusione di uomo e macchina il mondo cyber

La fusione di uomo e macchina il mondo cyber

La fusione di uomo e macchina. Due frontiere delle tecnologie emergenti

Un aspetto sorprendente del vivere nella Quarta Era Industriale è che siamo a un nuovo punto di svolta nel dare vita alle tecnologie emergenti. Siamo in un’era di scoperte scientifiche che cambieranno il modo di vivere come lo conosciamo attualmente. Sebbene ci siano molte aree tecnologiche di fascino per me, l’unione della biologia con la macchina è una delle più intriganti. Fonde molti elementi delle tecnologie, in particolare l’intelligenza artificiale e il calcolo pervasivo. Ho evidenziato due frontiere degli sviluppi “strabilianti” che sono all’orizzonte, le tecnologie neuromorfiche e la biologia uomo-macchina.

L’interazione uomo-computer (HCI) è stata un’area di ricerca iniziata negli anni ’80 e ha fatto molta strada in un breve periodo di tempo. L’HCI è stata la base per ciò che chiamiamo calcolo neuromorfico, l’integrazione di sistemi contenenti circuiti elettronici analogici per imitare le architetture neuro-biologiche presenti nel sistema nervoso biologico.

Nel 2018, una ricerca finanziata dalla Defense Advanced Projects Agency (DARPA) ha dimostrato che una persona con un chip cerebrale potrebbe pilotare uno sciame di droni utilizzando i segnali del cervello. Da allora ci sono stati una serie di studi ed esperimenti e senza dubbio la scienza che combina reti neurali e intelligenza artificiale è sulla buona strada per migliorare e persino aggiornare le capacità cognitive umane.

Recentemente, un gruppo di ricerca della Columbia University ha testato la convergenza delle reti neurali. Hanno combinato impianti cerebrali, intelligenza artificiale e un sintetizzatore vocale per tradurre l’attività cerebrale in parole robotiche riconoscibili. Le implicazioni di questa tecnologia neuromorfica sono sbalorditive, inclusa la possibilità di consentire alle persone paralizzate la capacità di comunicare e il potenziale di leggere i pensieri umani tramite l’imaging cognitivo. (1)

Una pubblicazione di Frontiers in Science che coinvolge la collaborazione di università, istituti e scienziati ha riassunto la promessa dell’interfaccia uomo-computer. Hanno concluso che “Possiamo immaginare le possibilità di ciò che potrebbe venire dopo con l’interfaccia del cervello umano. Un sistema umano B / CI mediato da nanorobotici neurali potrebbe consentire alle persone di accedere istantaneamente a tutta la conoscenza umana cumulativa disponibile nel cloud e migliorare significativamente le capacità di apprendimento e l’intelligenza umana. Inoltre, potrebbe trasformare realtà virtuali e aumentate totalmente immersive a livelli senza precedenti, consentendo esperienze più significative ed un’espressione più completa / più ricca per e tra gli utenti. Questi miglioramenti possono aiutare l’umanità ad adattare i sistemi di intelligenza artificiale emergenti come tecnologie di potenziamento umano, facilitare l’attenuazione di nuove sfide per la specie umana “.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi