Nuova struttura di ricerca “Faraday Cage” per aiutare a combattere la criminalità digitale 

ALCUNE procedure di test informatico forense di sistemi elettronici richiedono un ambiente isolato privo di interferenze elettromagnetiche noto come “gabbia di Faraday”. Ora, una struttura di ricerca forense digitale su misura presso l’Università di Huddersfield, una delle prime ad essere installata in un’università, ha rispecchiato la stessa tecnologia su scala più ampia per ricercare e sviluppare nuove tecniche per combattere il crimine digitale.

Il professor Simon Parkinson , direttore del Centro universitario per la sicurezza informatica , ha guidato l’installazione della nuova struttura, giustamente chiamata “Gabbia di Faraday”, situata nell’edificio Laura Annie Willson recentemente ristrutturato dell’Università .

“Questa nuova struttura ci consente di accelerare lo sviluppo e il test di nuovi processi forensi digitali per aiutare le forze dell’ordine a soddisfare l’enorme tasso di crescita della criminalità digitale”, ha spiegato il professor Parkinson.

“Siamo una delle prime università del Regno Unito ad avere installato questa struttura su misura, offrendoci un’entusiasmante opportunità di creare un ambiente di test di ricerca ed espandere la nostra ricerca forense ad altre sfide pertinenti come la medicina legale dei telefoni cellulari”, ha affermato.

Il professor Parkinson, il dottor Saad Khan e la dottoressa Monika Roopak hanno utilizzato la struttura per ricercare modi per assistere le forze di polizia e le forze dell’ordine per soddisfare l’enorme domanda di visualizzazione, elaborazione e analisi delle prove digitali.

Una di queste aree ha riguardato l’indagine sui casi contenenti l’archiviazione e la distribuzione di immagini illegali.

“Lo sviluppo di software per ridurre le ore umane coinvolte e scoprire l’identità durante le indagini non solo fornisce una risposta più tempestiva alle vittime, ma potrebbe anche proteggere gli agenti di polizia dall’impatto di dover visualizzare personalmente immagini esplicite”.

Professor Simon Parkinson, direttore del Centro per la sicurezza informatica.
Solo nel Regno Unito, il professor Parkinson ha assistito all’aumento del numero di casi da circa 2.106 nel 2002 a oltre 31.746 nel 2020. Inoltre, ha affermato che agli investigatori possono essere presentati più di 60 TB di dati per caso, il che significa il periodo di tempo richiede l’elaborazione del computer per estrarre, cercare e abbinare contenuti illegali noti in genere richiede più di due settimane per caso.

Nel tentativo di affrontare questi problemi, il professor Parkinson e il suo team hanno applicato nuovi metodi di riconoscimento facciale per consentire rapidamente una visione precoce della presenza di contenuti illeciti, prima di utilizzare tecniche di pianificazione dell’intelligenza artificiale per gestire l’elaborazione simultanea di più casi.

“L’identificazione tempestiva delle vittime è essenziale, altrimenti gli autori possono continuare a commettere e le vittime rimangono vulnerabili”, ha affermato.

Sono attualmente in corso lavori con la piattaforma Loadstar, Kurch Consult Ltd e West Midlands Police Force, per confrontare e valutare le nuove tecniche, ma il professor Parkinson è fiducioso che ridurranno i tempi di elaborazione e aiuteranno le forze di polizia a tenere il passo con l’aumento del numero di casi.

“Lo sviluppo di software per ridurre le ore umane coinvolte e scoprire l’identità durante le indagini”, ha affermato, “non solo fornisce una risposta più tempestiva alle vittime, ma potrebbe anche proteggere gli agenti di polizia dall’impatto di dover visualizzare personalmente immagini esplicite”.

La struttura e la sua ricerca vengono utilizzate anche per insegnare agli studenti che studiano informatica con laurea in sicurezza informatica e laurea in sicurezza informatica e medicina legale digitale , il che significa che gli studenti possono essere certi che stanno imparando le tecniche più recenti utilizzate per combattere il crimine digitale. 

ALCUNE procedure di test informatico forense di sistemi elettronici richiedono un ambiente isolato privo di interferenze elettromagnetiche noto come “gabbia di Faraday”. 
Ora, una struttura di ricerca forense digitale su misura presso l’Università di Huddersfield, una delle prime ad essere installata in un’università, ha rispecchiato la stessa tecnologia su scala più ampia per ricercare e sviluppare nuove tecniche per combattere il crimine digitale.
CREDITO
Università di Huddersfield

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi