Home / Filosofia e IA / L’intelligenza artificiale AI può cambiare il modo in cui sperimentiamo l’amore

L’intelligenza artificiale AI può cambiare il modo in cui sperimentiamo l’amore

In che modo le tecnologie emergenti possono influire sull’amore?

Le tecnologie esistenti possono cambiare il modo in cui sperimentiamo l’amore e ciò può influire sul modo in cui reagiamo alle relazioni romantiche in futuro
In che modo le tecnologie emergenti possono influire sull’amore?

Nel film del 2013 Her, Theodore, una recente divorziata, si innamora di un’assistente virtuale AI , Samantha. La “sua” empatia, perspicacia, arguzia e umanità fanno appassionare Theodore alla cieca. La sua testa è nella nuvola nove finché la realtà non lo colpisce come una tonnellata di mattoni: Samantha è nel business dell’anima gemella, con una clientela in crescita.

Con algoritmi in grado di quantificare l’amore, i social-robot e i robot sessuali per le relazioni romantiche, le tecnologie avranno un impatto significativo sul modo in cui gli esseri umani hanno tradizionalmente percepito l’amore.

In questo articolo, proviamo a capire la natura mutevole dell’amore sulla base di uno studio recente .

Dov’è l’amore
Come valuti l’amore? Le persone hanno idee o associazioni diverse quando si tratta di cose dai molti splendori. Per alcuni, l’amore consiste nel trovare la coppia perfetta. Per altri, si tratta di stare con l’Uno; unico e insostituibile. Per alcune persone, si tratta di impegno, una virtù a cui aderisci per tutta la vita.

Le definizioni variano, ma la verità indiscutibile dell’amore è senza tempo. O è?

La tecnologia sta influenzando quasi ogni aspetto della nostra vita, incluso il modo in cui viviamo e percepiamo il mondo. “Penso che sia importante riflettere sull’impatto delle tecnologie sull’amore e su altri valori per almeno due ragioni”, ha affermato il dott. Sven Nyholm , assistente professore di filosofia presso l’Università di Utrecht e coautore dello studio.

“In primo luogo, a volte le tecnologie hanno un impatto sui nostri ideali e valori senza che ce ne accorgiamo fino a più tardi, a quel punto potremmo rimpiangere alcuni di questi sviluppi.

“In secondo luogo, i nostri valori sono in continua evoluzione, a volte più lentamente, a volte più rapidamente. Comprendere meglio questo processo può aiutarci a raggiungere la comprensione di sé e anche a capire cosa possiamo controllare e cosa non possiamo controllare “.

Immagina di valutare l’amore attraverso la lente del valore tradizionale. Quindi, un robot che può trasformarsi nel tuo partner nella forma e nello spirito rappresenta una minaccia al valore di “insostituibilità”: il fulcro di ogni relazione.

D’altra parte, guardiamo l’amore dalla prospettiva di un valore tradizionale, diciamo, l’autonomia. Qui, un amante artificiale che può soddisfare i desideri romantici dell’individuo, dà più autonomia all’umano, che alcuni potrebbero considerare una buona cosa. Ma mina la necessità di vulnerabilità, mutualità e compromesso nelle nostre relazioni. Come dice il personaggio di Robin William in GoodWill Hunting, “La gente chiama queste cose imperfezioni, ma non lo sono, questo è il bello”.

L’amore ai tempi dell’IA
Oggi disponiamo di “tecnologie di tracciamento automatico” per quantificare l ‘”amore”. Queste tecnologie generano dati su vari aspetti delle relazioni sentimentali e persino ludici. È una tendenza pericolosa in quanto più persone potrebbero propendere per misurare il successo dell’amore in termini di quantità anziché di qualità. Ad esempio, la tecnologia potrebbe dare importanza al “numero” di messaggi romantici, piuttosto che alla qualità del sentimento incorporato.

Inoltre, il rapido progresso delle biotecnologie, comprese le “droghe dell’amore” oi “robot sociali”, potrebbe ostacolare l’amore come sentimento organico. Se continuate incontrollate, le relazioni romantiche corrono il rischio di patologizzarsi. Ciò potrebbe spostare l’attenzione nell’affrontare le sfide in una relazione da una prospettiva olistica a un approccio più riduttivo o valido per tutti.

Infine, man mano che i robot sessuali diventano onnipresenti, gli occhi di chi guarda saranno bloccati nella bellezza profonda della pelle, minando il ruolo dei sentimenti e delle motivazioni interiori. La natura “perfetta” dei robot in termini di aspetto o anche il modo in cui interagiscono può rafforzare gli stereotipi negativi o sviluppare aspettative non realistiche nelle relazioni future.

“Se evitare le implicazioni di questi dipende dal fatto che si considerino impatti positivi o conseguenze negative e ci possono essere disaccordi su questo”, ha detto il dott. Nyholm.

“Il modo migliore per evitare possibili impatti negativi che le tecnologie potrebbero avere sull’amore e su altri valori è innanzitutto identificare e cercare di comprendere l’impatto che le tecnologie hanno sulle nostre vite e sulla nostra autocomprensione. Almeno, questo è il primo passo per evitare cattivi sviluppi guidati dalla tecnologia, in modo che possiamo invece concentrarci su buoni sviluppi tecnologici “.

Cauto ottimismo
Gli autori di questo studio chiedono un cauto ottimismo, per non privarci di ciò che alcuni potrebbero percepire come vantaggi. Ad esempio, se qualcuno crede che l’uso delle tecnologie possa aiutare a esercitare una maggiore libertà d’azione, senza rubare il significato dell’amore, potrebbe aiutare la persona a vedere l’amore in un modo nuovo. Quindi, invece di scartare le tecnologie, si dovrebbe considerare la ricerca di modi che possano contrastare o bilanciare gli effetti “negativi”.

Alla domanda su chi decide cosa sia ‘cattivo’, il dottor Nyholm ha detto: “Quando si tratta di relazioni sentimentali e altre relazioni personali, alla fine le persone coinvolte in queste relazioni dovrebbero decidere cosa è meglio per loro.

“Tuttavia, quando riflettiamo sulle nostre relazioni e su ciò che apprezziamo nelle relazioni, siamo influenzati dagli atteggiamenti comunemente tenuti nelle nostre società: ciò che a volte viene chiamato” buon senso “.

“Alla fine, penso che ciò che viene giudicato come conseguenze negative della tecnologia per una relazione dovrebbe essere deciso sulla base di una combinazione di buon senso e atteggiamenti delle persone coinvolte in quella relazione. È sia una questione personale che una questione di atteggiamenti condivisi che fanno parte del buon senso “.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi