Home / AI tecnologia / L’intelligenza artificiale è in grado di comporre musica che va in testa alle classifiche

L’intelligenza artificiale è in grado di comporre musica che va in testa alle classifiche

IN CHE MODO LA MUSICA GENERATA DA AI STA CAMBIANDO IL MODO IN CUI VENGONO REALIZZATI I COLPI

L’idea che l’intelligenza artificiale possa comporre musica è spaventosa per molte persone, incluso me. Ma il software di IA per la creazione di musica è avanzato finora negli ultimi anni che non è più una novità spaventosa; si tratta di uno strumento efficace che può e viene utilizzato dai produttori per aiutare nel processo creativo. Ciò solleva la domanda: un giorno l’intelligenza artificiale potrebbe sostituire i musicisti? Per il secondo episodio di The Future of Music , sono andato a Los Angeles per visitare gli uffici della piattaforma AI Amper Music e la casa di Taryn Southern, un artista pop che sta lavorando con Amper e altre piattaforme AI per coprodurre il suo album di debutto I AM AI .

Usare l’intelligenza artificiale come strumento per fare musica o aiutare i musicisti è stato in pratica per un po ‘di tempo. Negli anni ’90, David Bowie ha aiutato a sviluppare un’app chiamata Verbasizer , che prendeva materiale letterario e riordinato in modo casuale le parole per creare nuove combinazioni che potevano essere utilizzate come testo. Nel 2016, i ricercatori di Sony hanno utilizzato un software chiamato Flow Machines per creare una melodia nello stile dei Beatles. Questo materiale è stato poi consegnato al compositore umano Benoît Carré e sviluppato in una canzone pop completamente prodotta chiamata “Daddy’s Car.” (Flow Machines è stata anche utilizzata per contribuire a creare la musica di un intero album con il nome SKYGGE, che è danese per “ombra”.) A livello di consumatori, la tecnologia è già integrata con programmi di musica popolare come Logic, un software utilizzato dai musicisti di tutto il mondo, e può auto-compilare un tamburo unico modelli con l’aiuto di AI.

L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE È GIÀ INTEGRATA CON PROGRAMMI DI PRODUZIONE MUSICALE DI CONSUMO COME LOGIC
Ora c’è un’intera industria costruita attorno ai servizi AI per la creazione di musica, tra cui le già citate Flow Machines, IBM Watson Beat , NSynth Super di Google Magenta , Jukedeck , Melodrive , Creator Technology Research Lab di Spotify e Amper Music .

La maggior parte di questi sistemi funziona utilizzando reti di deep learning, un tipo di intelligenza artificiale che dipende dall’analisi di grandi quantità di dati. Fondamentalmente, fornisci al software tonnellate di materiale sorgente, dai successi dance ai classici disco, che poi analizza per trovare pattern. Raccoglie cose come accordi, tempo, lunghezza e come le note si relazionano tra loro, imparando da tutti gli input in modo che possa scrivere le proprie melodie. Ci sono differenze tra le piattaforme: alcune forniscono MIDI mentre altre forniscono audio. Alcuni imparano semplicemente esaminando i dati, mentre altri si basano su regole hard-coded basate sulla teoria musicale per guidare la loro produzione.

Tuttavia, hanno tutti una cosa in comune: su una scala micro, la musica è convincente, ma più a lungo laascolti, meno senso ha. Nessuno di loro è abbastanza buono da creare una canzone vincitrice di un Grammy da solo … ancora.

Di tutte le piattaforme di IA per la creazione di musica che ho provato, Amper è senza dubbio la più facile da usare. I progetti di IBM e Google richiedono conoscenze di programmazione e disimballaggio del linguaggio degli sviluppatori su GitHub. Offrono anche output MIDI, non audio, quindi devi anche avere un po ‘più di conoscenza sulla produzione musicale per modellare l’output in una canzone vera e propria.

Amper, d’altro canto, ha un’interfaccia ridicolmente semplice. Tutto quello che devi fare è andare sul sito web e scegliere un genere di musica e un’atmosfera. Questo è tutto. Non devi conoscere il codice o la composizione o anche la teoria musicale per fare una canzone con esso. Costruisce brani da campioni preregistrati e sputa l’audio vero e proprio, non il MIDI. Da lì, puoi cambiare il tempo, la chiave; disattivare singoli strumenti o disattivare interi kit di strumenti per spostare l’umore della canzone. Questo audio può quindi essere esportato come un intero o come singoli livelli di strumenti (noti come “steli”). Gli stem possono quindi essere ulteriormente manipolati in DAW come Ableton o Logic.

Avevo Amper generare la clip di musica qui sotto mentre giravo per Los Angeles sul sedile posteriore della macchina del mio amico. Usando il mio telefono, ho scelto il rock come genere, e quindi, in modo appropriato, “guidare” come l’umore. Trascorse circa un minuto a sfornare prima di consegnare 30 secondi di audio. Il risultato non è pronto per la radio, ma ha degli accordi, una struttura piccola e suona … piacevole. Potrebbe facilmente sedersi sul retro di un video di YouTube o di un annuncio pubblicitario e nessuno potrebbe immaginare che fosse codificato, non scritto.

Come qualcuno che fa musica, l’idea che il codice possa fare quello che faccio è strana. È snervante pensare che un algoritmo possa produrre una canzone non terribile in pochi minuti e che l’intelligenza artificiale stia entrando in un campo creativo che classifichiamo come distintamente umano. Se l’intelligenza artificiale è attualmente abbastanza buona da produrre musica jingly dell’ascensore come quella sopra, quanto tempo può durare fino a quando non si riesce a creare un successo numero uno? E se arriva a quel punto, cosa significa per i musicisti umani?

Queste non sono domande a cui Taryn Southern si occupa. Southern è una personalità online che potresti conoscere dal suo canale YouTube o quando era una concorrente di American Idol . In questi giorni, Southern è interessato alla tecnologia emergente, che ha portato al suo attuale progetto: registrare un album pop. Queste due cose non suonano come potrebbero essere correlate, ma il suo album ha una svolta: invece di scrivere tutte le canzoni lei stessa, Southern ha usato l’intelligenza artificiale per aiutare a generare percussioni, melodie e accordi. Questo lo rende uno dei primi album del suo genere, una sorta di collaborazione tra AI e umani.

Amper è stata la prima piattaforma AI utilizzata da Southern all’inizio del suo album, e ora collabora anche con IBM Watson Beat e Google Magenta. Lei considera l’IA un potente strumento e partner, non un sostituto per i musicisti.

“Usando l’intelligenza artificiale, sto scrivendo i miei testi e le mie melodie vocali alla musica vera e li uso come fonte di ispirazione”, mi dice Southern. “Trovo che sia davvero divertente, e poiché sono in grado di scorrere la musica e dargli feedback e parametri e modificarla tutte le volte che mi serve, sembra comunque che sia mia in un certo senso.”

L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE NON È ABBASTANZA BUONA PER CREARE UNA CANZONE RADIO DI SUCCESSO DA SOLA … ANCORA
Per avere un’idea di come un umano può lavorare con l’intelligenza artificiale, guarda il singolo del sud del 2017, “Break Free”. L’audio di SoundCloud sotto è una prima esportazione di materiale da Amper. Confrontalo con il video di YouTube che ha la versione finale della canzone. I frammenti dell’originale composto da AI spuntano qua e là, ma è più simile al condimento, non al piatto principale. Per trasformarlo in una canzone pop, Southern ha preso molte decisioni creative, tra cui cambiare gli strumenti, cambiare la chiave e, ovviamente, scrivere e cantare.

Southern inizialmente si rivolse a AI perché, anche se era una cantautrice, sapeva “molto, molto poco sulla teoria musicale”. Era un ostacolo che la rendeva frustrante. “Troverò un bellissimo accordo al piano,” dice Southern, “e scriverò un’intera canzone in giro, ma poi non sono riuscito ad arrivare agli accordi successivi perché non sapevo come suonare quello che sentivo nella mia testa. Ora sono in grado di scorrere la musica e dargli feedback e parametri e modificarla tutte le volte che mi serve. Sembra ancora che sia mio in un certo senso. ”

Questa sensazione di empowerment è esattamente ciò che Amper Music sta cercando di offrire. “Non lo considero come un’intelligenza artificiale”, afferma il co-fondatore di Amper, Michael Hobe. “È più un aumento dell’intelligenza. Possiamo facilitare il tuo processo creativo per tagliare un sacco di cazzate. Per me, permette a più persone di essere creativi e quindi di permettere alle persone che hanno già alcuni di questi aspetti creativi di andare oltre. ”

Quando Hobe dice “cazzate elementi”, sta parlando di un chitarrista che non sa come orchestrare uno strumento con il quale non hanno mai lavorato prima, il tempo trascorso a creare la velocità dei singoli colpi di batteria, o semplicemente di trovarsi di fronte al blocco dello scrittore. Amper non è pensato per creare la prossima superstar IA; è pensato per abilitare i musicisti. Ovviamente, usare l’intelligenza artificiale ha anche il vantaggio di consentire a Southern e ad altri senza musica formale di partecipare alla produzione musicale. Democratizza il campo creativo in modo che chiunque possa ascoltare ciò che sente nella propria testa, proprio come Southern.

NON SI TRATTA DI CREARE LA PROSSIMA SUPERSTAR IA; SI TRATTA DI ABILITARE I MUSICISTI
Chiedo a Southern cosa direbbe alle persone che pensano che usare l’intelligenza artificiale stia tradendo. “Ottimo,” dice lei. “Sì, stiamo totalmente barando. Se la musica è concretamente definita come questo processo a cui tutti devono aderire per raggiungere una sorta di obiettivo finale, allora, sì, sto imbrogliando. Sto facendo da apripista a tutti gli imbroglioni. “Ride, quindi dice con tono esplicito:” Il processo di creazione musicale non può essere definito in modo così preciso “.

È qualcosa a cui pensare. Ogni volta che viene introdotta una nuova tecnologia e che cambia tettonicamente il modo in cui creiamo la musica, ci sono degli oppositori. Cose come AutoTune, l’uso di campioni e loop e Digital Audio Workstations erano tutti “disruptori” che ci siamo adattati e sono ora strumenti e metodi comuni. L’AI sarà probabilmente il prossimo.

Resta da vedere l’impatto della tecnologia sull’industria musicale nel suo insieme. Distruggerà i lavori? In che modo influirà sul copyright musicale? Sarà mai in grado di lavorare senza un essere umano? Ma persone come Hobe e Southern credono che alla fine raccoglieranno benefici positivi. Certo, un algoritmo che rende la musica un suono spaventoso perché rispecchia le capacità umane che già troviamo misteriose, ma è anche uno strumento avvincente che può migliorare le capacità umane. AI come collaboratore aumenta l’accesso alla creazione di musica, può semplificare i flussi di lavoro e fornisce la scintilla di ispirazione necessaria per creare il tuo prossimo singolo.

“Collabori e lavori con l’IA per raggiungere il tuo obiettivo”, dice Hobe. “Non è che l’IA stia facendo solo la sua piccola cosa. Tutto ruota attorno al processo tra te e te per raggiungere quella visione artistica finale. ”

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi