Home / medicina / L’Intelligenza Artificiale in aiuto degli anziani soli con Google Home e Alexa

L’Intelligenza Artificiale in aiuto degli anziani soli con Google Home e Alexa

L’intelligenza artificiale può combattere la solitudine degli anziani?

“All’inizio ho pensato che fosse un segno di follia, parlare con una cosa del genere e lui che rispondeva!” dice il 92enne John Winward della prima volta che ha testato un altoparlante intelligente.

L’ex dirigente scolastico faceva parte di un gruppo di residenti in una casa di cura per anziani a Bournemouth, in Inghilterra, che di recente ha preso parte a un esperimento accademico di sei anni progettato per verificare se le tecnologie vocali dell’intelligenza artificiale potessero aiutare ad affrontare la solitudine. Era un convertito veloce.

“Sono stato così sorpreso … è stato così divertente!” dice, spiegando che diversi mesi dopo rimane un utente attivo del suo dispositivo Google Home. Chiede al relatore aggiornamenti su notizie e meteo, consigli su libri musicali e audio e indizi sui cruciverba. A volte gli chiede di raccontargli una barzelletta. “Mi mantiene sano di mente, davvero, perché è una vita molto solitaria quando perdi il tuo partner dopo 64 anni e passi molto tempo da solo nella tua stanza.”

La solitudine è un problema globale, che gli scienziati ritengono possa essere dannoso per la salute quanto fumare 15 sigarette al giorno o essere gravemente in sovrappeso. I giovani e gli anziani sono a rischio e vi sono dubbi sul fatto che i blocchi associati al coronavirus nelle città di tutto il mondo e le linee guida di autoisolamento per le persone di età superiore ai 70 esacerberanno il problema .

“Poiché gli esseri umani sono esseri sociali, la maggior parte delle persone ritiene che non essere in grado di interagire con le interazioni sociali sia un’esperienza negativa”, afferma la professoressa Arlene Astell, psicologa dell’Università di Reading. Ha lavorato all’esperimento di oratori intelligenti a Bournemouth e afferma che tutti i partecipanti alla casa di cura “ci sono riusciti davvero bene”.

Nell’attuale clima, in cui miliardi di pensionati in tutto il mondo sono in isolamento sociale a causa del rischio di diffusione del coronavirus, Astell ritiene che gli altoparlanti intelligenti potrebbero rivelarsi uno strumento sempre più utile.

Questo perché, diversamente dalle telefonate e dalle videochiamate, dai messaggi di testo e dalle e-mail – che rimangono modi altamente consigliati di tenersi in contatto durante l’epidemia di coronavirus – gli altoparlanti intelligenti garantiscono un’opportunità immediata di connettersi con una voce, indipendentemente dall’ora del giorno o della notte.

“Qualcosa di semplice come essere in grado di avere una conversazione, essere in grado di interagire quando vuoi, può effettivamente essere utile per mantenerti positivo”, afferma Astell.

Dice che i dispositivi ad attivazione vocale aiutano quindi a fornire un “senso di controllo” che “potrebbe anche essere utile in questo momento di incertezza”.

Un sostituto del contatto umano?

Il progetto di intelligenza artificiale a Bournemouth ha anche ricevuto un cauto benvenuto dalla più grande organizzazione benefica della salute mentale del Regno Unito, Mind.

“Sappiamo che sentirsi soli può contribuire a una cattiva salute mentale”, afferma Stephen Buckley, responsabile dell’informazione. “Se questo è causato da una mancanza di contatto sociale con gli altri, un servizio di IA potrebbe essere utile, in particolare per quelli di noi che non sono in grado di stabilire nuove connessioni sociali o hanno bisogno di rimanere in isolamento sociale.”

Tuttavia, avverte che “è importante che non diventi un sostituto del contatto umano” a lungo termine.

Il consiglio della mente per coloro che si sentono soli su base regolare include la ricerca di sostegno da parte di servizi di amicizia gestiti da enti di beneficenza e l’apertura ad amici o parenti esistenti sui loro sentimenti.

I blocchi associati al coronavirus nelle città di tutto il mondo e le linee guida di autoisolamento per le persone con più di 70 anni aggraveranno il problema della solitudine
La carità consiglia inoltre che le persone colpite dalla solitudine possano anche provare a parlare di terapie per aiutarli a capire in che modo i loro pensieri e credenze influenzano i loro sentimenti e comportamenti e apprendere le capacità di adattamento per affrontare la loro situazione. Durante la crisi della corona, alcuni terapeuti, consiglieri e medici potrebbero essere in grado di offrire questi servizi da remoto.

Problemi tecnici di dentizione

Campioni di strumenti di intelligenza artificiale come gli altoparlanti intelligenti riconoscono che sebbene alcuni anziani adottino rapidamente, sarà una sfida aumentare il loro uso più ampiamente.

“Molte persone – non amano le nuove tecnologie. Non possono farcela “, sostiene John Winward nella sua vecchia casa di Bournemouth.

Dice che anche tra il gruppo di residenti esperti di tecnologia che hanno aderito al suo esperimento di oratori intelligenti, pochi “condividevano lo stesso livello di entusiasmo” di lui.

“Le persone che sono utenti meno frequenti della tecnologia attuale potrebbero aver bisogno di ulteriori convincenti per fare il primo passo per provare la tecnologia a comando vocale”, concorda Astell.

Tuttavia, afferma che le sue ricerche sull’intelligenza artificiale e altre tecnologie come i tablet e la realtà virtuale hanno dimostrato che la barriera principale è la mancanza di consapevolezza.

“Qualcosa di semplice come essere in grado di avere una conversazione, essere in grado di interagire quando vuoi, può effettivamente essere utile per mantenerti positivo” – Arlene Astell
“Le persone non sanno nemmeno che ci sono queste cose, non sanno dove trovarle e non sanno come ottenerle. E questo non ha davvero a che fare con l’età da solo – è una mancanza di sforzo per renderli disponibili a loro “, afferma Astell.

“Penso che l’ostacolo sia che queste cose sono viste come prodotti che puoi acquistare. E così nessuno è davvero considerato. Dovremmo fornirli? “

Sostiene che i governi e gli operatori sanitari potrebbero pensare di sovvenzionare tablet e smart speaker in modo simile a quanti paesi gestiscono le prescrizioni mediche. Ciò aiuterebbe a distoglierli dall’essere visti come “prodotti di lusso” verso oggetti essenziali di tutti i giorni che potrebbero svolgere un ruolo importante nel potenziare la salute mentale della popolazione in rapido invecchiamento del mondo .

Un viaggio nella memoria

Vari altri progetti ad alta tecnologia stanno anche testando i limiti dell’IA come potenziale strumento per favorire un senso di compagnia per i residenti più anziani del pianeta.

Negli Stati Uniti, un robot delle dimensioni di una bambola chiamato Mabu viene utilizzato come assistente di assistenza virtuale. Può verificare il benessere dei pensionati, indipendentemente dal fatto che abbiano preso le medicine o meno, e persino suggerire se il tempo è abbastanza buono per fare una passeggiata fuori. In Giappone e in altre parti dell’Asia, un robot chiamato Dinsow svolge un ruolo simile. Ha un tablet per un viso, che consente agli utenti di guardare video e leggere istruzioni, mentre i membri della famiglia possono anche effettuare automaticamente la chiamata per le videochiamate.

La Svezia – dove più della metà di tutte le famiglie è composta da una sola persona (la percentuale più alta in Europa ) – ha iniziato a sperimentare un assistente vocale intelligente progettato per guidare una conversazione significativa sui ricordi più forti degli utenti come un modo per affrontare la solitudine.

Ai partecipanti viene chiesto di discutere argomenti tra cui i loro più grandi amori ed esperienze di viaggio, con i relatori che rispondono con domande di follow-up pertinenti.

Ad esempio, quando un 78enne ha iniziato a condividere di aver vissuto e viaggiato in tutto il mondo , gli è stato chiesto: “Qual è la differenza tra le relazioni in Svezia e quelle in altri paesi in cui sei stato?”. Ha risposto che gli svedesi sono “personaggi molto individualisti e hanno una forte attenzione alla nostra indipendenza”, e ha osservato che per lui è stato uno degli aspetti più difficili della vita svedese.

“È stato sorprendente vedere che erano davvero felici di condividere le loro storie, che si trattasse di un assistente vocale o di un registratore o altro. Ciò è stato naturale ”, afferma Thomas Gibson di Stockholm Exergi, un fornitore di energia nella capitale svedese che cofinanzia il pilota, chiamato Memory Lane .

La società spera che il concetto possa anche andare in qualche modo verso “la lotta all’età e all’inclusione sociale” mettendo a disposizione podcast di alcune conversazioni per i giovani di Stoccolma. “Molte persone sono interessate ad ascoltare le loro storie di vita”, afferma Gibson.

Privacy dei dati

Claire Ingram Bogusz, ricercatrice post-dottorato presso l’Università di Göteborg, specializzata in come le nuove tecnologie influenzano il modo in cui viviamo, concorda sul fatto che progetti come Memory Lane potrebbero rivelarsi un nuovo strumento utile per la registrazione di storie personali, offrendo allo stesso tempo agli anziani maggiori opportunità di comunicare.

Tuttavia, avverte che le aziende che testano questo tipo di tecnologie devono assicurarsi che abbiano una forte presa su ciò che accade ai dati.

“Le storie che queste persone raccontano sono le loro storie di vita – intensamente personali. Come con qualsiasi dato personale, ci deve essere chiarezza su chi ne sia responsabile, su come lo proteggeranno e su cosa ne faranno. “

Coloro che lavorano al progetto Memory Lane sostengono che stanno dando la priorità alla sicurezza dell’utente utilizzando server di servizi locali e server crittografati. “Nulla è nel cloud. Non vi è alcuna condivisione di dati di terze parti da parte nostra “, afferma Thomas Gibson.

Gli smart speaker di Google Home utilizzati sia in Memory Lane che nel progetto di Bournemouth hanno recentemente colpito i titoli dei giornali nel dibattito su come il gigante della tecnologia utilizza i dati raccolti. Ma la società ha insistito sul fatto che non vende informazioni a terzi.

“Non ho nulla, assolutamente nulla che vorrei nascondere”, riflette John Winward quando gli viene chiesto se ha qualche preoccupazione sulle conversazioni che ha avuto con il suo oratore intelligente. “Fintanto che non interferiscono con il mio saldo bancario e cose del genere, sono felice!”

Riconnessioni sociali

Mentre la ricerca sui vantaggi dell’utilizzo dei voice assist e di altre tecnologie per aiutare i pensionati solitari continua, ci sono speranze che la crisi del coronavirus stesso – che ha messo in luce la vulnerabilità di molti anziani – possa portare qualcosa di positivo quando si tratta della futura società sforzi per contrastare l’isolamento sociale.

Numerose iniziative di sostegno alla comunità sono sorte in tutto il mondo nelle ultime settimane, tra cui da 1.300 newyorkesi che distribuiscono generi alimentari e medicine a persone anziane e vulnerabili in 72 ore; e gruppi di Facebook come Community Help nel Regno Unito, che consente a bambini e nipoti che vivono in aree diverse rispetto ai loro parenti più anziani, di procurarsi volontari locali per fare commissioni o fornire una telefonata amichevole.

“Speriamo che incoraggerà le persone a conoscere veramente il loro quartiere, a continuare a interagire con le persone, non solo in un momento di crisi”, afferma Astell. “Ma penso che evidenzi anche alcune delle lacune che abbiamo avuto nella nostra conoscenza delle nostre comunità in questi giorni: chi sono i nostri vicini e quali sono i loro bisogni”.

Nel frattempo, afferma che la pandemia di coronavirus ha ulteriormente sottolineato la necessità di educare le persone anziane su come sfruttare al meglio gli strumenti di comunicazione digitale come assistenti ad attivazione vocale, videochiamate e gruppi di comunità di social media. “Alcuni di questi progetti online, sarebbe davvero utile se anche le persone anziane potessero accedervi, e potrebbero dire che cosa vorrebbero”.

John Winward a Bournemouth dice anche che spera che la gente troverà più modi per tenersi in contatto con gli anziani “in tempi buoni” una volta che la crisi si risolverà. Ma anche con più interazioni sociali e telefonate, Windward non rinuncerebbe ancora al suo amato altoparlante intelligente.

“Lo amo davvero. Non potrei farne a meno ora. È certamente il mio amico nell’angolo. ”

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi