Home / Economia / L’intelligenza artificiale per paese Stati Uniti Cina Francia Canada Germania e Gran Bretagna

L’intelligenza artificiale per paese Stati Uniti Cina Francia Canada Germania e Gran Bretagna


Le diverse sfide e approcci all’intelligenza artificiale per paese
Con la trasformazione completa della società imminente a causa delle tecnologie di intelligenza artificiale (AI), è importante esaminare i diversi approcci adottati dai paesi di tutto il mondo . Che si tratti di ragioni di prosperità o di sorveglianza, non vi è dubbio che le nazioni investano sempre più in AI.

Cina
La Cina sta adottando un approccio molto strategico all’intelligenza artificiale, con il governo cinese che dichiara le sue speranze che la nazione diventi il ​​principale innovatore di intelligenza artificiale nel mondo entro il 2030. Il governo ha pubblicato una strategia nazionale per l’IA e prevede di investire decine di miliardi di dollari in AI ricerca e sviluppo. Anche le città stanno investendo i propri soldi, con il parco tecnologico di AI da 2,1 miliardi di dollari USA e il fondo di AI da 16 miliardi di dollari pianificato da Tianjin.

Il settore privato sta giocando l’altro grande ruolo in Cina, con le startup cinesi di AI che competono con gli Stati Uniti per il finanziamento di venture capital AI. Il paese è il secondo, dietro gli Stati Uniti, per quanto riguarda il numero di compagnie di intelligenza artificiale.

Il progresso della Cina nell’intelligenza artificiale ha anche suscitato serie preoccupazioni in merito alle violazioni dei diritti umani e alla sorveglianza. Le società di IA in Cina stanno esportando tecnologia di sorveglianza in paesi come Kenya, Laos, Mongolia, Uganda e Uzbekistan. Le maggiori preoccupazioni derivano dall’uso della tecnologia di riconoscimento facciale per tracciare le persone.

stati Uniti
Gli Stati Uniti sono costantemente stati leader nella ricerca sull’IA pubblica e privata, con ingenti investimenti in capitale di rischio nel settore. Nel 2012, le iniziative di IA hanno ricevuto US $ 282 milioni da venture capitalist e quel numero ha raggiunto gli US $ 8 miliardi entro il 2018.

Gli Stati Uniti stanno affrontando grossi problemi in settori come la sicurezza informatica e il divario di competenze. Le organizzazioni stanno implementando sempre più grandi iniziative di IA, che comportano un aumento del rischio per la sicurezza. Vi è una grande preoccupazione tra i dirigenti riguardo al furto di dati proprietari e sensibili, così come gli attori esterni che influenzano i dati di formazione e gli algoritmi. Per quanto riguarda il divario di competenze, viene ampliato a causa della crescente attuazione di questa tecnologia. Ciò avrà grandi implicazioni per l’economia e potrebbe portare a una massiccia disoccupazione se non affrontato immediatamente. Le aziende stanno iniziando a implementare programmi di riqualificazione e riqualificazione dei propri dipendenti.

Germania
La Germania sta accelerando lo sviluppo delle tecnologie di intelligenza artificiale, con piani per investire 3 miliardi di euro nella ricerca sull’intelligenza artificiale entro il 2025. La loro strategia nazionale si chiama “AI Made in Germany” e sperano che l’IA espanderà l’economia e migliorerà la competitività delle industrie esistenti . Secondo uno studio commissionato dal governo tedesco , l’IA aggiungerà circa 32 miliardi di euro alla produzione manifatturiera tedesca entro 5 anni.

La Germania si è concentrata maggiormente sulle questioni etiche relative all’intelligenza artificiale. Hanno grandi preoccupazioni per la disinformazione e la tecnologia manipolata. Oltre alla manipolazione, c’è una preoccupazione per l’impatto economico della tecnologia. Per questo motivo, il Paese fa un grande sforzo per formare i lavoratori nell’intelligenza artificiale. Lo vedono come un modo per migliorare le prestazioni e consentire partnership tra uomo e macchina.

Regno Unito
Il Regno Unito ha un’impressionante scena di startup AI, insieme a £ 1 miliardo di aiuti pubblici destinati all’industria e al mondo accademico. Ci si concentra su iniziative su larga scala, nonché sull’attuazione di una strategia globale per l’adozione dell’IA. Mentre il governo è preoccupato per la responsabilità legale e il processo decisionale autonomo, molti affrontano le sfide come la dimostrazione del valore commerciale per i progetti di intelligenza artificiale e l’integrazione dell’IA in ruoli e funzioni.

Il Regno Unito potrebbe anche vedere una grande interruzione della forza lavoro a causa della nuova tecnologia. Hanno pilotato programmi di riqualificazione come il National Retraining Scheme , che probabilmente saranno ampliati nel prossimo futuro. Consiste in varie iniziative volte a preparare i lavoratori all’evoluzione dell’area di lavoro.

Francia
Il matematico Cédric Villani è stato nominato dal presidente Emmanuel Macron nel 2017 per sviluppare una strategia nazionale per l’IA. Ha inventato “AI for Humanity”, che è stato rilasciato nel 2018 con finanziamenti per 1,5 miliardi di euro.

Il piano si concentra sulle risorse e sul talento della nazione, un ecosistema di dati aperti, istituti di ricerca, questioni etiche e implicazioni per l’economia. Il governo intrattiene forti relazioni con l’Unione europea, ma la nazione sviluppa anche l’IA a livello nazionale.

La Francia ha un numero maggiore di piccoli progetti di IA, che non hanno ancora preso parte a quelli su larga scala. Ciò potrebbe essere dovuto a priorità concorrenti come la conformità al regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).

Alcune delle maggiori sfide della nazione sono l’integrazione dell’IA nelle organizzazioni e l’ottenimento di talenti. A causa dell’estrema carenza di competenze, il governo sta lavorando allo sviluppo di un sistema basato sui laureati del sistema educativo francese.

Canada
Il Canada sta adottando un approccio lento alla tecnologia AI, che potrebbe danneggiare l’innovazione e l’implementazione. C’è una mancanza di urgenza, con solo circa il 51% dei dirigenti che credono che l’IA trasformerà la loro azienda.

Mentre il resto del mondo avanza con la tecnologia AI, le aziende canadesi potrebbero rimanere indietro. Tuttavia, il governo sta prendendo provvedimenti per cercare di evitare quella situazione. Hanno implementato politiche per rendere più facile l’immigrazione per le persone con competenze legate all’intelligenza artificiale. Dal momento che non stanno producendo abbastanza talenti all’interno dei propri confini, stanno cercando di coinvolgerlo. Non c’è una forte spinta per la formazione AI nel Paese, ma ciò potrebbe cambiare con le partnership con le istituzioni accademiche. L’Università di Toronto sta investendo circa 100 milioni di CAN per sostenere il lavoro proveniente da individui come gli scienziati dell’IA.

Prepararsi per il futuro
Con la tecnologia AI destinata ad assumere molti aspetti della società entro un decennio, l’impatto in ciascun paese dipenderà dal loro approccio attuale. Si può sostenere che nessuna delle nazioni elencate qui sta adottando un approccio abbastanza drastico a quella che sarà la Quarta Rivoluzione Industriale, ma si può imparare molto studiandole. La maggior parte di queste iniziative dovrà probabilmente essere potenziata molto rapidamente per prepararsi al futuro dell’IA.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi