Home / curiosità / L’israeliana Trigo raccoglie 60 milioni di dollari per espandere la propria computer visiom

L’israeliana Trigo raccoglie 60 milioni di dollari per espandere la propria computer visiom

La startup israeliana di computer vision raccoglie 60 milioni di dollari per espandere il checkout “senza attriti”


Una nuova iniezione di capitale di $ 60 milioni la scorsa settimana e accordi con quattro dei più grandi rivenditori di generi alimentari del mondo costituiscono il trampolino di lancio per mettere il sistema di pagamento senza cassa di Trigo in migliaia di negozi, afferma Michael Gabay, CEO della società di visione artificiale.

In che periodo di tempo? “Alcuni anni”, mi dice Gabay. “Non troppi anni”, aggiunge in un tono sobrio che si usa per rimuovere i pelucchi da un risvolto.

I modi discreti di Gabay sono in netto contrasto con il fermento intorno alla startup di Tel Aviv che ha co-fondato nel 2017 con il fratello Daniel Gabay , Trigo CTO e il premio Forbes 30Under30 2020. L’ultimo round di finanziamento di Serie B di Trigo, guidato da 83North, porta il finanziamento totale a $ 94 milioni e include gli investitori esistenti Vertex Ventures Israel, Hetz Ventures, Red Dot Capital Partners, la catena di supermercati britannica Tesco e Morrag Investments.

La nuova capitale alimenterà la ricerca e lo sviluppo e l’espansione geografica della sua piattaforma di acquisto senza cassa basata sull’intelligenza artificiale. Le applicazioni per le operazioni in negozio all’orizzonte includono la gestione predittiva dell’inventario, l’ottimizzazione dei prezzi, la gestione del planogramma per l’esposizione della merce, la sicurezza e la prevenzione delle frodi, l’analisi in negozio e il marketing basato sugli eventi.

Senza identificare i supermercati che implementeranno il sistema di checkout senza cassa, chiamato Easyout, Michael Gabay ha detto che Trigo sta attualmente lavorando con quattro società di primo livello, tra cui Tesco, uno dei più grandi droghieri del mondo con negozi in tutto il Regno Unito, Irlanda, Europa centrale e Asia.

Tesco ha rifiutato di commentare oltre a una dichiarazione del CTO di Tesco Guus Dekkers, che ha affermato: “Siamo lieti di lavorare con Trigo mentre continuano a far crescere la loro attività. Insieme, abbiamo fatto grandi progressi testando la soluzione di pagamento senza attriti nel nostro negozio di prova a Welwyn Garden City e siamo entusiasti di questa tecnologia e delle opportunità che offre “.

Il negozio di prova di 3.000 piedi quadrati si trova presso la sede di Tesco, a circa 20 miglia da Londra. Oltre a Tesco, il sistema Trigo è stato testato da Shufersal, il più grande rivenditore israeliano con un fatturato annuo di oltre 3 miliardi di dollari (USA). Nel 2018, Shufersal ha raggiunto un accordo per ammodernare 272 negozi con il sistema Trigo nel tempo.

La piattaforma senza cassa di Trigo è spesso paragonata a quella distribuita in Amazon Go AMZN -0,9%catena di negozi di alimentari e il suo formato più grande Amazon Go Grocery. I sistemi Trigo e Amazon utilizzano entrambi la visione artificiale, algoritmi di apprendimento automatico, telecamere montate a soffitto e sensori sugli scaffali che rilevano la rimozione e la sostituzione dei prodotti sugli scaffali dei negozi mentre gli acquirenti effettuano la loro selezione. Gli acquirenti escono semplicemente dal negozio con i loro acquisti, ignorando la scansione degli articoli e il checkout tradizionale. I pagamenti vengono saldati digitalmente.

“Quando le persone non pensano alla fila [alla cassa], a quell’aspetto del negozio, l’intera esperienza è migliore”, dice Gabay. “C’è più tempo da trascorrere davanti al prodotto e ti piace di più il viaggio quando sai di non avere l’ingorgo alla cassa.”

Un certo numero di altri giocatori sta sviluppando la tecnologia in questo spazio per competere con il checkout senza cassa di Amazon Go, tra cui Grabango, Zippin, Standard Cognition e Portugal’s Sensei, tra gli altri. Uno sguardo più da vicino alla piattaforma di Trigo rivela come si differenzia da quella di Amazon:

Hardware di base: videocamere e sensori economici montati a soffitto, anziché hardware proprietario, consentono di adattare in modo conveniente i negozi fisici esistenti con il sistema Trigo. Alcune piattaforme, come quella di Amazon, implicano la costruzione di nuovi negozi per ospitare un’infrastruttura tecnologica proprietaria, spiega Gabay.

Telecamere e sensori seguono i movimenti dei clienti all’interno del negozio, rintracciando gli articoli rimossi e rimessi sugli scaffali mentre gli acquirenti effettuano le loro selezioni. Le bilance intelligenti Trigo sono integrate con la visione artificiale per identificare e registrare i pesi di prodotti sfusi, come una mela o una patata, e aggiungerli al conteggio corrente degli acquisti di un cliente.

L’uso da parte di Trigo di hardware a basso costo e pronto all’uso consente ai rivenditori di scalare rapidamente in numerose sedi esistenti, portando il ROI a “circa un anno”, afferma Gabay.

Design della privacy : a differenza della biometria del palmo di Amazon One o della tecnologia ” paga con la tua faccia ” di Alipay e WeChat in Cina, la piattaforma Trigo non utilizza la tecnologia biometrica per identificare i singoli acquirenti. Invece, Trigo collega ogni acquirente a un numero ID univoco e anonimo assegnato all’ingresso del negozio.

“Non facciamo alcun riconoscimento facciale”, spiega Gabay. “Facciamo l’opposto di quello. Sfociamo i volti ”nelle immagini catturate dalle telecamere in alto. “Sarebbe molto più facile per noi non sfocare i volti e fare un riconoscimento biometrico.” La piattaforma di Trigo non raccoglie né archivia dati sugli acquirenti ed è conforme al GDPR, la legge sulla privacy e sulla protezione dei dati dell’Unione Europea.

Gabay non è il tipo che deride l’esperienza di acquisto senza cassa di Amazon Go. “È affascinante. Voglio dire: è fantastico “, dice. “I rivenditori con cui stiamo lavorando non accetteranno nulla di meno. Vogliono avere almeno l’esperienza del cliente che Amazon ha, o anche meglio. “

Una delle principali differenze tra le due piattaforme, dice, è che Amazon ha costruito negozi attorno alla sua tecnologia, mentre Trigo ha costruito la tecnologia per il retrofit nei negozi esistenti.

“Nel nostro caso, stiamo arrivando a rivenditori che hanno già i migliori immobili in città, hanno già i loro dipendenti che possono operare e gestire quei negozi. Dobbiamo solo entrare con la tecnologia. La scala potenziale nel nostro caso è molto più grande “, dice Gabay. “E potrebbe essere molto più veloce.”

Il futurista Thornton May è cofondatore del think tank The Digital Value Institute ed è stato definito “uno dei 50 migliori cervelli in tecnologia” dai redattori di Fast Company . Alla domanda sulla sua opinione sulla tecnologia senza cassa e sulle startup di visione artificiale come Trigo, May ha risposto:

“Le transazioni senza cassa sono il naturale passo successivo nella continua trasformazione digitale dell’ambiente di vendita al dettaglio”, mi ha detto. “Ciò significa che Trigo è perfettamente posizionato per il futuro immediato e intermedio.” May non ha interessi finanziari in Trigo.

“Ogni rivenditore deve avere una strategia per Amazon: come posso giocare con loro; come mi posiziono nei loro confronti ; dove e quando si intersecheranno le nostre traiettorie strategiche ”, aggiunge May. “La collaborazione con Trigo è un modo conveniente per abbinare Amazon sul fronte dell’innovazione”.

Non sorprende che l’innovazione nei pagamenti senza cassa provenga da Israele, afferma Moshe Rubinstein, PhD, autorità di fama mondiale per la risoluzione dei problemi e la creatività. Autore di numerosi libri, tra cui “The Minding Organization”, Rubinstein è professore emerito presso la School of Engineering and Applied Science della UCLA, dove ha lavorato per 55 anni.

“Israele è un centro di scintille che diventano sviluppi sorprendenti di cui tu ed io stiamo beneficiando”, mi ha detto lunedì in un’intervista dalla sua casa vicino al campus dell’UCLA. L’innovazione tecnologica e l’umiltà imprenditoriale sono parte integrante della cultura di questo piccolo paese di 9 milioni di persone, ha detto, indicando il best seller del 2009 “Start-up Nation” che esamina come Israele si è guadagnato il soprannome di Silicon Wadi.

Rubinstein ha spiegato come suo nipote e altri giovani uomini e donne israeliani di talento accademico sono selezionati dalle forze di difesa israeliane mentre erano ancora al liceo e hanno fornito una formazione speciale per sviluppare le loro abilità.

Infatti, i co-fondatori di Trigo Michael Gabay e Daniel Gabay sono tra quelli reclutati nel programma militare d’élite delle forze di difesa israeliane di Talpiot e unità di intelligence, che sviluppa tecnologie di intelligenza artificiale.

Giganti della tecnologia Apple AAPL -0,8%, Microsoft MSFT + 0,3%, Googl GOOG + 0,7%e. Facebook, Intel INTC + 2,2%, Alibaba BABA -2,4%, tra gli altri, sono presenti in Israele, aggiunge Rubinstein, “perché sanno che il talento c’è e alcuni israeliani non vogliono viaggiare lontano da casa”.

Thornton afferma che gli ingegneri e gli imprenditori israeliani hanno una solida conoscenza della sicurezza, una chiave per il futuro dell’e-commerce e “Trigo ha una buona reputazione in questo settore”.

“A lungo termine”, afferma May, “Amazon potrebbe finire per acquistare Trigo”.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi