Una recensione del terzo  da MIT Press, ” Living With Robots ” di Ruth Aylett e Patricia A. Vargas è un buon libro non tecnico che discute una serie di problemi con i robot nella società umana. Questo è eccellente sia per i manager aziendali che per coloro più in generale interessati sia alla promessa che alla realtà dei robot nella società.

 
Un esame dell’accessibilità del materiale è nel capitolo 8, dove c’è una discussione sull’apprendimento per rinforzo. Ci sono buoni esempi teorici e come l’apprendimento per rinforzo abbia dei rischi nel mondo reale. Mi è piaciuta molto la parte in cui gli autori discutono della fusione tra simulazione e test del mondo reale.

I capitoli sulla comprensione della posizione, sul movimento, sul senso del tatto e su altre questioni aiutano a descrivere la complessità e la difficoltà dell’integrazione dei robot nella società.

Il capitolo sull’aspetto non è altrettanto buono e si collega a uno dei pochi problemi che ho visto con il libro. Nei primi capitoli, ci sono due problemi; ma sono problemi per puristi e altri che vogliono parlare di questioni più teoriche (da qui il mio interesse…). Innanzitutto, l’attenzione iniziale, e quella che si sviluppa in tutto il libro, è sui robot umanoidi. Sebbene ci siano eccellenti discussioni sia sull’aspetto positivo che negativo della forma umanoide, l’attenzione sembra eccessiva. Ammetterò, però, che questo renderà il libro più interessante per un pubblico più vasto.

 Il secondo problema riguarda le definizioni di robot e intelligenza artificiale (AI). Gli autori ipotizzano che i primi robot di produzione non fossero realmente dei robot perché non sono autonomi come i robot moderni. Sono rispettosamente in disaccordo. Far sì che le macchine eseguano ripetutamente operazioni complesse era molto nuovo e quelle macchine meritano sicuramente questo nome. Il fatto che abbiamo usato quell’apprendimento per superarlo e far avanzare il concetto non elimina ciò che hanno fatto ed erano. In effetti, oggi, la robotica di produzione è molto simile, ma è stata ampliata maggiormente con la visione, il rilevamento e altri strumenti per aiutarli a iniziare a lavorare in un ambiente misto robot/uomo.

Che si lega in una linea che mi ha fatto sorridere. Più avanti nel libro gli autori scrivono “ricorda che una volta che la tecnologia AI diventa di uso comune, di solito perde il nome AI”. Lo dico da decenni. Quello che non ammettono è che è il caso della robotica. Quando studiavo per la prima volta l’intelligenza artificiale, la visione e la robotica facevano parte dell’intelligenza artificiale, ma stavano già iniziando a essere scisse nelle loro discipline.

  
Quali sono i confini etici della vita digitale per sempre?
L’ultimo argomento umoristico che ho è se un esempio è davvero un robot. Aylett e Vargas descrivono un “robot” come una macchina umanoide che non manipola nulla. Fornisce solo informazioni in un centro commerciale. Come si inserisce nella loro definizione di robot? Sembra più un tablet troppo cresciuto con le ruote. Tuttavia, questo è un argomento divertente che non ha nulla a che fare con il valore commerciale di qualunque cosa tu voglia chiamarlo.


I robot stanno diventando più avanzati man mano che impariamo ad aiutarli a interagire meglio nel mondo. Questo libro è una lettura informativa in quanto fornisce un’ampia panoramica delle questioni chiave della robotica, e lo fa a un livello non tecnico pur essendo chiaro. Sì, ho dei cavilli, ma è perché mi occupo di tecnologia da un po’ di tempo. Per le persone che non sono state e desiderano ancora un libro che fornisca un’introduzione allo stato delle nostre conoscenze sui robot, questo è un ottimo libro da leggere.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi