Il robot esegue il primo intervento chirurgico addominale senza l’aiuto dell’uomo
 
Un team della Johns Hopkins University ha utilizzato con successo un robot per eseguire un complesso intervento chirurgico addominale, questa volta senza la guida dell’uomo. 

Lo STAR, abbreviazione di Smart Tissue Autonomous Robot, ha operato sui tessuti molli dei maiali per ricollegare due estremità di un intestino, che si dice sia uno dei compiti più intricati e delicati nella chirurgia addominale. 

 
“Lo STAR ha eseguito la procedura in quattro animali e ha prodotto risultati significativamente migliori rispetto agli esseri umani che eseguono la stessa procedura”, ha affermato l’autore senior Axel Krieger , assistente professore di ingegneria meccanica presso la Whiting School of Engineering della Johns Hopkins.
La STAR ha un’elevata capacità di movimento ripetitivo e precisione. Insieme all’imaging ad alta precisione per la precisione, i ricercatori affermano che può adattarsi ai cambiamenti dei tessuti molli in tempo reale. I tessuti molli possono essere difficili da operare, per gli esseri umani o per un robot, perché i movimenti sottili nella trama sono imprevedibili. 

Le complicanze della chirurgia dei tessuti molli come la perdita lungo le cuciture si verificano quasi il 20% delle volte nella chirurgia colorettale e dal 25 al 30% delle volte nella chirurgia addominale, hanno affermato i ricercatori nel 2016 . 

Fu allora che i ricercatori della Johns Hopkins University dimostrarono per la prima volta che un chirurgo robotico poteva, infatti, adattarsi e gestire le complessità in tempo reale dell’operazione sui tessuti molli. Ora, il loro ultimo esperimento senza intervento umano è “un significativo passo avanti nella chirurgia completamente automatizzata sugli esseri umani”, ha scritto l’università . 

Il modello di STAR che ha completato con successo le operazioni di prova del 2022 sui suini è avanzato rispetto al modello del 2016, che richiedeva l’esecuzione di un’ampia incisione per accedere all’intestino e una maggiore guida da parte dell’uomo. 

Il team ha dotato lo STAR di nuove funzionalità per una maggiore autonomia e una migliore precisione chirurgica, inclusi strumenti di sutura specializzati e sistemi di imaging all’avanguardia che forniscono visualizzazioni più accurate del campo chirurgico, ha affermato l’università.

Gli interventi di chirurgia robotica stanno diventando una pratica comune in molti ospedali in tutto il paese. 

Il braccio robotico consente ai chirurghi di spostarsi in aree del corpo con grande precisione e di articolare i propri strumenti meglio di quanto a volte possa fare semplicemente una mano umana.

Johns Hopkins utilizza la chirurgia robotica assistita per un’ampia gamma di procedure , comprese le procedure ginecologiche, urologiche e altre procedure generali.

L’autore senior Axel Krieger, assistente professore di ingegneria meccanica presso la Whiting School of Engineering della Johns Hopkins, ha dichiarato: “I nostri risultati mostrano che possiamo automatizzare uno dei compiti più intricati e delicati in chirurgia: la riconnessione di due estremità di un intestino.

“Lo STAR ha eseguito la procedura in quattro animali e ha prodotto risultati significativamente migliori rispetto agli esseri umani che eseguono la stessa procedura”.

Come ha eseguito l’intervento il robot?
Il robot aveva talento nell’anastomosi intestinale, che ha bisogno di un chirurgo per essere veramente abile nel movimento ripetitivo e nella precisione. La chirurgia dei tessuti molli è particolarmente difficile per i robot a causa della sua imprevedibilità, costringendoli a essere in grado di adattarsi rapidamente per gestire ostacoli imprevisti.

Il collegamento di due estremità di un intestino è probabilmente il passaggio più impegnativo nella chirurgia gastrointestinale, che richiede a un chirurgo di suturare con elevata precisione e coerenza. Anche il minimo tremore della mano o un punto fuori posto possono causare una perdita che potrebbe avere complicazioni catastrofiche per il paziente.

Il dottor Krieger ha inoltre commentato: “Ciò che rende speciale lo STAR è che è il primo sistema robotico a pianificare, adattare ed eseguire un piano chirurgico nei tessuti molli con il minimo intervento umano”.

“L’anastomosi robotica è un modo per garantire che le attività chirurgiche che richiedono alta precisione e ripetibilità possano essere eseguite con maggiore accuratezza e precisione in ogni paziente, indipendentemente dalle capacità del chirurgo. Ipotizziamo che ciò si tradurrà in un approccio chirurgico democratizzato alla cura del paziente con risultati più prevedibili e coerenti per il paziente.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi