Microsoft questa settimana ha ampliato l’acquisizione e l’analisi dei processi con il rilascio di Microsoft Process Advisor. Ciò estende la portata di Microsoft Power Automate, l’ automazione dei processi robotici (RPA) dell’azienda e la piattaforma di integrazione cloud.

Questi aggiornamenti aiuteranno la strategia Power Automate di Microsoft a scalare oltre l’RPA nel più ampio mercato dell’iperautomazione , che Gartner prevede di crescere da 481,6 miliardi di dollari nel 2020 a 596 miliardi di dollari nel 2022.

 
“L’idea di ‘automazione dell’automazione’ è al centro della nostra strategia”, ha dichiarato a VentureBeat Stephen Siciliano, product manager di Microsoft Power Automate. Process Advisor offre alle organizzazioni la possibilità di acquisire processi per ulteriori analisi o come modelli per la creazione di automazioni più complete, ha aggiunto.

Siciliano ha dichiarato: “L’obiettivo di Microsoft è fornire una piattaforma di automazione che possa essere utilizzata da chiunque, dagli utenti aziendali fino agli sviluppatori IT e tutti gli altri”. Il suo team è concentrato sull’abilitazione di una profonda integrazione con l’intero ecosistema Microsoft.

Come parte della sua conferenza Build 2021 orientata agli sviluppatori questa settimana, Microsoft ha rivelato la disponibilità generale di nuove funzionalità di consulenza sui processi che aiutano gli utenti a identificare i processi più adatti all’automazione dall’interno di Power Automate.

Il processo di mining si riferisce tradizionalmente a software che analizza i log delle applicazioni aziendali generati dai sistemi ERP e CRM per separare i flussi di lavoro esistenti. L’acquisizione dei processi integra l’estrazione dei processi semplificando l’acquisizione e l’analisi dei processi che abbracciano più applicazioni e servizi cloud.

La combinazione di varie funzionalità di estrazione, acquisizione e analisi dei processi si è dimostrata sempre più utile poiché i clienti cercano di migliorare i processi aziendali mentre li automatizzano.

Governance dell’automazione, focus sul cloud
Microsoft ha visto una significativa trazione con il recente annuncio che Power Automate sarebbe stato incluso in Windows 10, il che significa che oltre 1 miliardo di dispositivi ora hanno accesso alle iniziative di automazione. Power Automate fornisce una rampa di lancio gratuita per lo sviluppo di bot RPA di base che automatizzano flussi di lavoro legacy e cloud come Zapier e IFTTT.

L’origine di Azure Microsoft si è concentrata sull’RPA cloud per fornire gestione e governance centralizzate per queste automazioni. Ciò riduce il sovraccarico di implementazione e gestione per le organizzazioni, rispetto ai tradizionali approcci RPA che richiedevano server dedicati e implementazioni da gestire. Power Automate supporta anche un’ampia gamma di integrazioni tramite più di 475 connettori.

Un’altra innovazione interessante è stata l’integrazione di Power Automate in un gateway locale utilizzando Azure Relay per connettere l’interno delle reti aziendali al cloud. L’ultima versione di Power Automate Desktop integra questa funzionalità nell’installazione in modo che gli utenti non debbano gestire un programma separato sul proprio computer. L’automazione presenta caratteristiche simili a un servizio cloud ma viene eseguita localmente per ridurre gli effetti della latenza e dei problemi di connettività.

Le integrazioni cloud native di Power Automate consentono agli utenti di creare automazioni tra i servizi cloud in un paio di clic. Microsoft afferma di aver visto una maggiore adozione di questi flussi di lavoro cloud rispetto alla tradizionale automazione RPA.

“Quando i nostri clienti hanno implementazioni precedenti con altri fornitori di RPA, generalmente non si limitano a tradurre il loro RPA così com’è, attenendosi ai flussi desktop”, ha affermato Siciliano. “Invece, di solito colgono l’opportunità di passare ai flussi cloud quando possibile”.

Espandersi oltre l’RPA
Il gigante tecnologico di Redmond, Washington, sta assistendo allo stesso tipo di mercato RPA in rapida crescita descritto da Gartner e altri. Siciliano ha notato che l’RPA viene spesso ampliato per includere lo spazio di automazione basato su cloud a basso codice.

Microsoft ha avuto il lusso di mettere da parte gli aspetti chiave di questo panorama di strumenti di automazione in rapido cambiamento per creare un’alternativa promettente agli strumenti esistenti. Sebbene RPA sia stato uno dei mercati in più rapida crescita, si sta rapidamente evolvendo oltre gli strumenti per tagliare e incollare i dati tra le applicazioni utilizzando tecniche di screen scraping per consentire flussi di lavoro più sofisticati e scalabili tramite API.

La società ha affermato che intende mantenere la piattaforma aperta in modo che le aziende possano integrarsi con le migliori funzionalità dei principali fornitori di RPA come UiPath, Blue Prism e Automation Anywhere e fornitori di mining di processo come Fortress IQ e Celonis.

Microsoft è relativamente nuova nello spazio dell’automazione dei processi , ma la società ha intensificato notevolmente i suoi sforzi con l’acquisizione dello specialista RPA Softomotive lo scorso anno .

Mentre un inizio in ritardo potrebbe essere uno svantaggio per alcune aziende che entrano in un nuovo mercato, potrebbe aiutare Microsoft, che ha notoriamente impiegato la “filosofia dell’estensione e dell’abbraccio” in tutti i settori per superare i rivali della prima mossa in aree come fogli di calcolo e elaborazione testi. Ricordi Lotus 1-2-3 o WordPerfect?

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi