Microsoft usa GPT-3 per aggiungere funzionalità AI a Power Apps
Durante la conferenza degli sviluppatori Build , Microsoft ha svelato le prime funzionalità di uno dei suoi prodotti, Power Apps , basato su GPT-3 , il modello di linguaggio naturale sviluppato da OpenAI. Microsoft afferma che ciò renderà più semplice per gli utenti creare app senza bisogno di sapere come scrivere codice o formule per computer e le funzionalità verranno lanciate per i clienti del Nord America in anteprima in inglese entro la fine di giugno.

Imparare a creare query di dati complesse può comportare una curva di apprendimento ripida, in particolare per i professionisti dei dati che non sanno programmare. Uno studio di Mendix ha rilevato che il 24% dei clienti non ha precedenti esperienze nell’utilizzo di piattaforme low-code come Power Apps e che il 40% proviene principalmente da un background aziendale. Tuttavia, anche i non sviluppatori devono comprendere la logica di formule come “FirstN(Sort(Search(‘BC Orders’, “stroller”, “aib_productname”), ‘Purchase Date’, Decrescente), 10).”

 
L’idea alla base delle nuove funzionalità basate su GPT-3 in Power Apps è aiutare le persone a scegliere le formule giuste per ottenere il risultato di cui hanno bisogno.

GPT-3 in Power Apps
Circa un anno fa,  Microsoft ha annunciato che avrebbe investito $ 1 miliardo in OpenAI con sede a San Francisco per sviluppare insieme nuove tecnologie per la piattaforma cloud Azure di Microsoft e per “estendere ulteriormente” le capacità di intelligenza artificiale su larga scala che “mantengono la promessa” dell’intelligenza artificiale generale . In cambio, OpenAI ha accettato di concedere in licenza parte della sua proprietà intellettuale a Microsoft, che l’azienda avrebbe poi impacchettato e venduto ai partner, e di addestrare ed eseguire modelli di intelligenza artificiale su Azure mentre OpenAI lavorava per sviluppare hardware di elaborazione di prossima generazione.

Nei mesi successivi, OpenAI ha rilasciato un’API basata su Microsoft Azure che consente agli sviluppatori di esplorare le capacità di GPT-3. (OpenAI ha affermato di recente che GPT-3 è ora utilizzato in più di 300 app diverse da “decine di migliaia” di sviluppatori e producendo 4,5 miliardi di parole al giorno.) Verso la fine del 2020, Microsoft ha annunciato che avrebbe concesso in licenza esclusivamente GPT-3 per sviluppare e fornire soluzioni AI per i clienti, oltre a creare nuovi prodotti che sfruttano la potenza della generazione del linguaggio naturale.

Microsoft afferma che GPT-3 sarà integrato “profondamente” con Power Apps, la sua piattaforma di sviluppo di app a basso codice, in particolare per la generazione di formule. Le funzionalità basate sull’intelligenza artificiale consentiranno a un utente che crea un’app di e-commerce, ad esempio, di descrivere un obiettivo di programmazione utilizzando un linguaggio conversazionale come “trova prodotti il ​​cui nome inizia con “bambini””.

Con le nuove funzionalità, una persona può ottenere una formula digitando una frase pronunciata come “Mostra 10 ordini che hanno passeggino nel nome del prodotto e ordina per data di acquisto con il più recente in alto”. Il modello GPT-3 su misura di Power Apps offrirà scelte per tradurre il comando in Power Fx , il linguaggio di programmazione di Power Platform, come “Filtro(‘BC Orders’ Left(‘Product Name’,4)=”Kids”).

“L’obiettivo di Power FX è consentire alle persone di creare app più rapidamente utilizzando un linguaggio semplice. Con queste nuove funzionalità, i clienti possono parlare in un linguaggio naturale e GPT-3 può capirlo e inserirlo nella sintassi che stanno utilizzando”, ha detto in un’intervista a VentureBeat Eric Boyd, CVP di AI Platform di Microsoft. “Ciò che ha fatto il nostro team è stato prendere il modello GPT-3 e produrre un modello specializzato particolarmente appropriato per questo particolare caso d’uso”.

Microsoft afferma che il team di Power Platform ha lavorato a stretto contatto con la sua divisione Azure AI per mettere a punto un modello GPT-3 in grado di tradurre tra linguaggio naturale ed espressioni Power Fx. Gli ingegneri Microsoft hanno utilizzato gli endpoint gestiti da Azure Machine Learning, una nuova funzionalità annunciata in anteprima a Build, per distribuire e gestire il modello GPT-3 utilizzato per fornire le nuove funzionalità in Power Apps.

“L’utilizzo di un modello di intelligenza artificiale avanzato come questo può aiutare i nostri strumenti low-code a diventare ancora più ampiamente disponibili per un pubblico ancora più vasto, diventando veramente ciò che chiamiamo ‘no code’”, ha affermato Charles Lamanna, CVP per la piattaforma di app low-code di Microsoft. in un post sul blog. “Ciò consentirà alle persone di interrogare ed esplorare i dati in modi che prima non potevano letteralmente fare, e quello sarà il momento magico. In tutti i casi, c’è un essere umano nel circuito. Non si tratta affatto di sostituire gli sviluppatori, ma di trovare i prossimi 100 milioni di sviluppatori nel mondo”.

Andando avanti
Nonostante il potenziale dei modelli del linguaggio naturale come GPT-3, esistono molti bloccanti. I modelli non possono sempre rispondere correttamente ai problemi di matematica o  rispondere alle domande senza parafrasare i dati di addestramento ed è risaputo che amplificano i pregiudizi nei dati su cui sono stati addestrati. Questo è problematico nel dominio della lingua, perché una parte dei dati proviene spesso da comunità con pervasivi pregiudizi di genere, razza e religiosi. La società di ricerca sull’intelligenza artificiale OpenAI osserva che ciò può portare a mettere parole come “cattivo” o “succhiato” vicino a pronomi femminili e “Islam” vicino a parole come “terrorismo”. Un documento separato della  Stanford University Ph.D. candidato e  Gradio il fondatore Abubakar Abid descrive in dettaglio le tendenze distorte del testo generato da GPT-3, come associare la parola “ebrei” a “denaro”.

Per risolvere questi problemi, Microsoft afferma di aver aggiunto filtri per aiutare a rilevare contenuti sensibili o inappropriati in tutti i risultati che potrebbero essere restituiti in Power Apps. In Power Apps, GPT-3 offre più suggerimenti per le formule Power Fx e gli utenti possono scegliere quale applicare. E Microsoft sostiene che poiché il modello in questa circostanza sta generando formule prescritte, i risultati non intenzionali sono meno probabili che se si chiedesse a GPT-3 di rispondere a domande aperte.

“GPT-3 è il modello di elaborazione del linguaggio naturale più potente che abbiamo sul mercato, quindi per noi essere in grado di utilizzarlo per aiutare i nostri clienti è straordinario”, afferma Bryony Wolf, responsabile marketing dei prodotti di Power Apps. “Questa è davvero la prima volta che vedi in un prodotto di consumo mainstream la possibilità per i clienti di trasformare il loro linguaggio naturale in codice”.

In futuro, Microsoft prevede di infondere Power Fx in altri strumenti all’interno di Power Platform, momento in cui le funzionalità del linguaggio naturale basate su GPT-3 si estenderanno anche a tali prodotti. “Stiamo trovando modi per portarlo in Azure e nei nostri prodotti tradizionali”, ha detto Boyd. “Pensiamo che ci siano molte più cose che GPT-3 è in grado di fare. È una nuova tecnologia fondamentale che illumina un sacco di nuove possibilità, e questa è una specie di prima luce che entra in produzione”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi