NewtonX raccoglie 32 milioni di dollari per l’intelligenza artificiale che mette in contatto i clienti con esperti in materia

Secondo la ricerca Forrester , tra il 60% e il 73% di tutti i dati all’interno di un’azienda non vengono utilizzati per l’analisi. La sfida è spesso far emergere la conoscenza di persone con esperienza in un particolare campo, che potrebbero essere distribuite tra i rami di un’organizzazione. Secondo Panopto, la media delle grandi aziende perde 47 milioni di dollari in produttività ogni anno a causa di una condivisione inefficiente delle conoscenze . In effetti, Panopto stima che i knowledge worker perdano 5,3 ore alla settimana aspettando informazioni dai colleghi o ricreando le conoscenze esistenti.

Le inefficienze hanno ispirato Germain Chastel e Sascha Eder, ex analisti McKinsey, a co – fondare NewtonX , che sfrutta le tecnologie di ricerca per connettere le aziende con esperti in materia sia all’interno che all’esterno dell’organizzazione. NewtonX ha annunciato oggi di aver raccolto $ 32 milioni in finanziamenti di serie B guidati da Marbruck Investments con la partecipazione di Gaingels e Level One Fund, che porta il totale della società raccolto a oltre $ 45 milioni.


 
Il CEO Eder afferma che i nuovi fondi verranno utilizzati per espandere l’organico di NewtonX e far crescere ulteriormente la sua piattaforma tecnologica. “Siamo cresciuti 40 volte da quando abbiamo fondato la società nel 2017 e abbiamo in programma di raddoppiare le entrate nel 2022 e nel 2023″, ha detto a VentureBeat via e-mail. “L’azienda ha avuto diversi mesi di redditività, ma attualmente sta dando priorità alla crescita rispetto alla redditività. Detto questo, è fantastico avere un percorso chiaro per raggiungerlo”.

Conoscenza affiorante
I clienti iniziano con un problema aziendale, che NewtonX trasforma in una query di ricerca personalizzata nel suo database di 1,1 miliardi di esperti in 140 settori (ad es. “Decisioni software CRM che lavorano presso aziende sanitarie Fortune 500”). Il database comprende reti professionali e siti Web di terze parti con profili professionali disponibili pubblicamente, come LinkedIn.


Una volta identificato un elenco di esperti che potrebbero essere in grado di aiutare con il problema, i consulenti di NewtonX creano messaggi personalizzati per suscitare l’interesse degli esperti e verificarne l’identità. Ai clienti, NewtonX organizza riunioni di persona e trasmette dati grezzi, risultati di sondaggi da 10 a 10.000 intervistati e analisi degli esperti che alla fine contatta.

“[Noi] iniziamo con interviste individuali e utilizziamo tali approfondimenti qualitativi per informare un sondaggio per perfezionare i risultati iniziali su larga scala e quantificarli. Quindi prendiamo i risultati del sondaggio e seguiamo i singoli intervistati che hanno fornito spunti interessanti per discutere ulteriormente. Poiché ogni professionista che lavora con NewtonX passa attraverso un controllo dell’ID in due fasi, possiamo riconnetterci con loro per guidare apprendimenti più profondi”, ha spiegato Eder. “Anche se siamo una startup, competiamo per progetti di ricerca business-to-business contro le principali società di ricerche di mercato che sono spesso organizzazioni molto affermate e di grandi dimensioni. Questo perché quasi tutte le società di ricerche di mercato sono specializzate nel business-to-consumer e a volte hanno difficoltà a raggiungere il pubblico business-to-business”.

Per prevenire conflitti di interesse e violazioni della riservatezza, NewtonX afferma di aver implementato un sistema che consente alle organizzazioni di registrare le linee guida relative a qualsiasi attività di consulenza. Gli strumenti automatizzati gestiscono la pianificazione e la fatturazione delle consulenze di esperti.

NewtonX afferma di aver fornito approfondimenti su campi disparati come l’informatica quantistica, l’industria petrolifera, la moda e l’estrazione del minerale di titanio. Per un cliente, ha impostato 10 sessioni di videoconferenza con esperti di monetizzazione dei dati per rispondere a domande sulle migliori pratiche. Dall’altro, ha reclutato un team di ingegneri e venditori per sviluppare strategie sul mercato della realtà virtuale.

NewtonX compete con Starmind , con sede a Zurigo , che dispone di una piattaforma che inoltra automaticamente le domande agli esperti di dominio all’interno delle aziende. Un altro rivale, GrowthEnabler , collega le grandi aziende con persone e aziende che soddisfano le loro esigenze.

Ma NewtonX afferma che i suoi circa 200 clienti includono “decisori delle migliori società di investimento istituzionali”, aziende Fortune 500, società di servizi finanziari, banche, grandi aziende tecnologiche (tra cui Microsoft, Pinterest e Fortune) e società di consulenza. L’azienda, composta da 75 persone, è cresciuta del 100% anno su anno e prevede di assumere oltre 200 dipendenti entro la fine del 2022.

“Siamo stati bene nonostante la pandemia. Il nostro lavoro è stato facilmente trasferito in un ambiente remoto grazie al modo in cui abbiamo già gestito la messa in campo e la consegna di sondaggi e interviste in un ambiente remoto e digitale”, ha affermato Eder. “Dato che molte aziende erano molto attente con le proprie risorse, abbiamo notato un aumento delle richieste di ricerca. Le aziende stavano assumendo rischi più calcolati con i loro budget. Erano disposti a spendere soldi veri in una ricerca solida per essere sicuri della loro decisione, prima di lanciare un nuovo prodotto o un’iniziativa con milioni in linea.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi