Synthesia, che sta sviluppando l’intelligenza artificiale per generare video sintetici, si assicura 50 milioni di dollari 

Synthesia , una società che sfrutta l’intelligenza artificiale per generare video di avatar, ha annunciato oggi di aver raccolto 50 milioni di dollari in un round di serie B, portando il totale a 66,5 milioni di dollari. Kleiner Perkins ha guidato il round con la partecipazione di GV, FirstMark Capital, LDV Capital, Seedcamp, MCC Ventures e investitori individuali, che secondo il CEO Victor Riparbelli saranno destinati a supportare la crescita e a far progredire la tecnologia di Synthesia.

Poiché le restrizioni sulla pandemia rendono le riprese convenzionali complicate e rischiose, i vantaggi dei video generati dall’intelligenza artificiale sono stati amplificati. Secondo Dogtown Media , in circostanze normali, una campagna educativa potrebbe richiedere fino a 20 diversi script per rivolgersi alla forza lavoro mondiale di un’azienda, con ogni video che costa decine di migliaia di dollari.

 
Synthesia afferma che la sua tecnologia può ridurre la spesa fino a $ 30.

“Synthesia si concentra sulla riduzione dell’attrito nella creazione di video e consente a chiunque di creare video dall’aspetto professionale in pochi minuti, direttamente dal proprio browser”, ha detto Riparbelli a VentureBeat via e-mail. “Il primo prodotto commerciale di Synthesia, Synthesia Studio, è stato lanciato in versione beta pubblica nell’estate del 2020. Ora è utilizzato da migliaia di aziende, tra cui diverse aziende Fortune 500”.

Generazione di video sintetici
Come i rivali Soul Machines , Brud,  Wave , STAR Labs supportati da Samsung  e altri, Synthesia utilizza una combinazione di tecniche di intelligenza artificiale per creare chatbot visivi, dimostrazioni di prodotti e video di vendita per clienti senza attori, troupe cinematografiche, studi o telecamere. Fondata nel 2017 da Riparbelli, Steffen Tjerrild e dai ricercatori di visione artificiale Matthias Niessner e Lourdes Agapito, Synthesia afferma di aver generato più di sei milioni di video per oltre 4.000 clienti, tra cui SAP e Accenture, solo nell’ultimo anno.

I clienti di Synthesia scelgono da una galleria di presentatori interni generati dall’intelligenza artificiale o creano i propri registrando da 5 a 40 minuti di clip vocali. Dopo aver digitato o incollato uno script video, Synthesia genera un video “in pochi minuti” con sfondi personalizzati e un avatar che imita i movimenti facciali di una persona e il modo in cui pronunciano i diversi fonemi, le unità del discorso che distinguono una parola dall’altra.

 
Synthesia afferma che il cliente CraftWW ha utilizzato la sua piattaforma per ideare una campagna pubblicitaria per JustEat nel mercato australiano con uno Snoop Dogg manipolato dall’intelligenza artificiale . La società ha anche lavorato con lo studio di produzione del regista Ridley Scott per creare un film per l’organizzazione no-profit Malaria Must Die, che ha tradotto la voce di David Beckham in oltre nove lingue. E ha collaborato con Reuters per sviluppare un prototipo  per report automatizzati di video sport.

Synthesia ha recentemente reso disponibile a tutti un prodotto che personalizza i video per specifici segmenti di clientela. Chiamato appropriatamente Personalizza, può tradurre video con attori o membri dello staff in oltre 40 lingue. Wired riferisce che più di 35 partner di EY, ex Ernst & Young, hanno utilizzato Personalizza per creare ciò che chiamano “identità di realtà artificiale” o ARI: presentazioni dei clienti ed e-mail con video clip sintetici con protagonisti i doppi virtuali di se stessi.

“Il nostro caso d’uso principale oggi è l’apprendimento e lo sviluppo e i video di comunicazione interna, in cui gli avatar AI frontali funzionano davvero bene”, ha affermato Riparbelli. “Il nuovo investimento andrà in parte ad espandere la nostra piattaforma AI di base, che consentirà più casi d’uso”.

Preoccupazioni deepfake
Alcuni esperti hanno espresso preoccupazione per il fatto che strumenti come Synthesia potrebbero essere utilizzati per creare deepfake o video generati dall’intelligenza artificiale che riprendono una persona in un video esistente e li sostituiscono con le sembianze di qualcun altro. Il timore è che questi falsi possano essere usati per fare cose come influenzare l’opinione pubblica durante un’elezione o coinvolgere una persona in un crimine.

 
Di recente, un gruppo di truffatori ha guadagnato 35 milioni di dollari dopo aver utilizzato messaggi di posta elettronica falsi e audio deepfake per convincere un dipendente di una società degli Emirati Arabi Uniti che un direttore ha richiesto i soldi. E proprio il mese scorso, la polizia giapponese ha arrestato un uomo per aver utilizzato la tecnologia deepfake per ripulire efficacemente i video pornografici censurati.

“[La tecnologia deepfake sta] diventando ogni giorno più economica e più accessibile… Le prove audiografiche devono essere viste con maggiore scetticismo e devono soddisfare standard più elevati”, hanno scritto i ricercatori in un nuovo studio sui deepfake commissionato dal Comitato di valutazione della tecnologia del Parlamento europeo. “[Gli individui e le istituzioni] dovranno sviluppare nuove competenze e metodi per costruire un’immagine affidabile della realtà poiché saranno inevitabilmente confrontati con informazioni ingannevoli”.

Da parte sua, Synthesia, dipendente di oltre 60 anni, afferma di aver pubblicato regole etiche online e di controllare i propri clienti e i loro script. Richiede anche il consenso formale di una persona prima che sintetizzi il suo aspetto e si rifiuti di toccare il contenuto politico.

 
“La nostra principale competizione è il testo: PDF noiosi che le persone non leggono. Synthesia sta guidando un cambiamento di paradigma nel modo in cui creiamo contenuti video”, ha continuato Riparbelli. “Guardando al prossimo decennio di Synthesia, stiamo costruendo un futuro in cui è possibile creare video di livello hollywoodiano su un laptop. Durante il nostro viaggio, risolveremo alcuni dei problemi più difficili e fondamentali nell’intelligenza artificiale e nella visione artificiale. Con i nuovi fondi, investiremo ancora di più nel portare avanti la nostra ricerca di base sull’intelligenza artificiale per accelerare questa visione. Parallelamente, apriremo lentamente alcune delle nostre ricerche al mondo e inizieremo a contribuire attivamente alla più ampia comunità di ricerca”.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi