Home / Economia / OncoHost raccoglie 8 milioni di dollari per sviluppare l’intelligenza artificiale che predice le risposte al trattamento del cancro

OncoHost raccoglie 8 milioni di dollari per sviluppare l’intelligenza artificiale che predice le risposte al trattamento del cancro

OncoHost , una società che sviluppa la tecnologia AI per caratterizzare, analizzare e prevedere la risposta del paziente al trattamento, ha annunciato oggi di aver raccolto 8 milioni di dollari. La società afferma che i fondi verranno utilizzati per finanziare le sperimentazioni cliniche in corso di OncoHost, aprire una filiale con sede negli Stati Uniti e prepararsi per il prossimo lancio della piattaforma di profilazione della risposta dell’host basata su AI dell’azienda.

Il tasso di mortalità per cancro è diminuito del 2,2% dal 2016 al 2017, il più grande calo di un solo anno, secondo l’ American Cancer Society . Ma c’è una tendenza al rialzo nell’incidenza del cancro. Le persone nate dal 1960 avranno almeno una possibilità su due di contrarre il cancro nel corso della loro vita, secondo uno studio recente . Mentre alcuni tipi di cancro, come il cancro al seno, hanno un tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni di quasi il 100%, altri sono difficili da trattare e hanno alti tassi di recidiva. Ad esempio, il glioblastoma e il cancro ovarico si ripresentano in quasi tutti i pazienti, indipendentemente dal trattamento.

OncoHost è una società di oncologia di precisione in fase clinica che sviluppa una piattaforma per prevedere la reattività alle terapie contro il cancro. Yuval Shaked, membro del dipartimento di biologia cellulare e ricerca sul cancro di Technion, ha cofondato OncoHost nel 2017 sulla base della sua ricerca che dimostra che le terapie antitumorali inducono una serie di effetti indesiderati nei tessuti sani, alcuni dei quali possono promuovere l’aggressività del tumore.

Le modalità di trattamento del cancro tra cui immunoterapia, chemioterapia, farmaci mirati, radiazioni e chirurgia possono innescare una serie di reazioni fisiologiche nei pazienti, afferma Shaked. Questi effetti includono livelli elevati di citochine, una categoria ampia e sciolta di piccole proteine ​​importanti nella segnalazione cellulare, nonché fattori di crescita, enzimi e chemochine (una sottocategoria di citochine) nel sangue. La tecnologia di OncoHost mira a identificare e caratterizzare le risposte ai trattamenti e scoprire nuovi obiettivi per superare la resistenza al trattamento.

L’applicazione dell’IA per prevedere la risposta al trattamento del cancro non è un’idea nuova. Un recente studio pubblicato su Clinical Cancer Research ha scoperto che un algoritmo addestrato su scansioni TC standard potrebbe anticipare la risposta del tumore nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato. E a giugno, i ricercatori in Francia hanno lanciato una nuova sperimentazione per monitorare i pazienti per marker immuno-correlati, microbiota intestinale, farmacocinetica, farmacogenomica, farmacogenetica e più parametri biologici utilizzando un sistema di intelligenza artificiale.

Ma OncoHost analizza in modo univoco i cambiamenti nel sangue per monitorare le dinamiche dei processi biologici in risposta a una data terapia antitumorale e per identificare potenziali bersagli farmacologici. Il laboratorio dell’azienda utilizza la tecnologia di analisi delle proteine ​​per determinare i livelli di migliaia di proteine ​​associate alla resistenza alla terapia e alla diffusione del tumore in un singolo campione di plasma. Analizzando questi livelli, OncoHost afferma di essere in grado di monitorare la risposta di un paziente al trattamento in tempo reale.

OncoHost afferma di aver stabilito un programma preclinico per testare l’efficacia di nuove combinazioni di farmaci nei modelli tumorali nei topi. Inoltre, la società afferma che sta lanciando uno studio clinico per pazienti con glioblastoma sottoposti a terapia standard di cura.

“Questo round di investimento sostiene la nostra missione di prevedere meglio la risposta all’immunoterapia e identificare opzioni di trattamento personalizzate per i malati di cancro, mentre continuiamo ad espandere la nostra collaborazione con il settore farmaceutico su studi clinici e sviluppo di farmaci”, ha detto Shaked. “L’analisi proteomica ci sta permettendo di fare grandi progressi nella cura personalizzata del cancro e siamo grati ai nostri investitori per il loro supporto in questo periodo particolarmente impegnativo di una pandemia globale. Il futuro della cura personalizzata del cancro non è più una realtà lontana, ma alla nostra portata “.

OurCrowd ha guidato l’investimento di serie B in Binyamina, OncoHost con sede in Israele, insieme a un gruppo di family office e investitori privati. Il round segue una sovvenzione di 1 milione di dollari dalla Fondazione israeliana-statunitense Binational Research and Development (BIRD), che OncoHost ha ricevuto insieme al suo partner per le scienze della vita RayBiotech.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi