Home / Economia / K Health raccoglie 132 milioni di dollari per lanciare un servizio pediatrico di telemedicina basato sull’intelligenza artificiale

K Health raccoglie 132 milioni di dollari per lanciare un servizio pediatrico di telemedicina basato sull’intelligenza artificiale

K Health, con sede a New York, ha chiuso oggi un round di finanziamento di serie E da 132 milioni di dollari guidato da GGV Capital e Valor Equity Partners, portando il totale raccolto fino ad oggi a oltre 271 milioni di dollari. In concomitanza con la chiusura del round, K Health ha lanciato K for Parents, un programma che offre ai genitori l’accesso a un pediatra per diagnosticare e curare a distanza i bambini dai 3 ai 17 anni.

La domanda di tecnologie di triaging come i robot conversazionali è aumentata notevolmente quando la pandemia raggiunge nuovi picchi spaventosi. Secondo uno studio pubblicato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), milioni di pazienti aspettano almeno due ore per vedere un operatore sanitario . Giganti della tecnologia come IBM, Facebook e Microsoft hanno collaborato con governi e industria privata per implementare soluzioni basate su chatbot in risposta, così come un certo numero di startup . Aziende come Current Health e Twistle hanno collaborato con Providence e altri fornitori di servizi sanitari per sperimentare piattaforme di monitoraggio della salute a domicilio. Anche prima della pandemia, nove in 10 anziani hanno detto preferirebbero rimanere nelle loro case per i prossimi 10 anni, evidenziando la necessità di soluzioni di monitoraggio sanitario a distanza.

Il cofondatore Allon Bloch, in precedenza CEO di Wix e Vroom, ritiene che la telemedicina potrebbe aiutare a ridurre i costi spesso esorbitanti delle visite mediche regolari nella piattaforma statunitense K Health ingerisce storie mediche, risultati clinici e l’esperienza di oltre 10.000 medici per fornire informazioni sul trattamento centinaia di malattie.

Negli ultimi anni, K Health si è notevolmente ampliata grazie alle partnership con compagnie assicurative come Anthem. L’azienda ha recentemente rilasciato i suoi servizi di telemedicina in spagnolo e ha collaborato con la Louisiana State University per estendere l’accesso gratuito ai medici per i residenti della Louisiana durante il mese di aprile.

C’è una forte concorrenza nel mercato della telemedicina in erba, che secondo alcuni analisti potrebbe valere 29,6 miliardi di dollari entro il 2022. Doctor on Demand, HealthTap, PlushCare, Teladoc e American Well sono tutti in competizione per una fetta della torta, solo per citarne alcuni. Ma Bloch afferma che l’approccio guidato dall’intelligenza artificiale di K Health, combinato con il suo database di conoscenze mediche proprietario, gli dà un vantaggio.

L’app per smartphone di K Health, K – che Bloch sostiene abbia più di 4 milioni di membri, in crescita a un ritmo da 10.000 a 15.000 nuovi utenti al giorno – facilita le visite in-app da un elenco di medici che gli utenti K possono consultare a pagamento, supponendo che vivere in uno dei 49 stati in cui è disponibile il servizio. I medici esaminano una ripartizione assistita dall’intelligenza artificiale dei sintomi del paziente e quindi diagnosticano, prescrivono o indirizzano il paziente a seconda dei casi.

Gli utenti di K Health possono chattare con un medico per $ 9 al mese, $ 19 per una sessione unica o $ 29 per accesso illimitato di tre mesi. Vengono offerti anche servizi di salute mentale e farmaci prescritti possono essere consegnati agli utenti per $ 34 al mese.

K fonti da un database ventennale di milioni di cartelle cliniche elettroniche (comprese note mediche e risultati di laboratorio) e miliardi di “eventi sanitari” – inclusi nausea, mal di testa e vomito – forniti dal Maccabi, il secondo più grande fondo sanitario israeliano, come così come i sistemi sanitari negli Stati Uniti e in Messico. Gli utenti iniziano scaricando un’app per iOS o Android e rispondendo a circa 20 domande su età, sesso, indice di massa corporea, storia della salute e sintomi. Un back-end basato sull’apprendimento automatico utilizza le risposte per creare un profilo privato, che confronta con le informazioni raccolte da un corpus di oltre 400 milioni di note cliniche e grafici.

La pagina dei risultati mostra un elenco di risultati sperimentati da persone in circostanze di salute simili, insieme a una percentuale che indica la probabilità di ciascuna diagnosi. Report e profili possono essere condivisi con i medici tramite una funzione di messaggistica conforme a HIPAA prima degli appuntamenti telemedici o di persona, se gli utenti lo desiderano.

Bloch, che osserva che il 26% dei bambini visita ogni anno cliniche di cure urgenti, afferma che K for Parents fornirà accesso remoto ai pediatri e consentirà ai genitori di chattare con un’IA per mostrare come sono stati diagnosticati bambini come il loro. K for Parents è stato progettato con il feedback di centinaia di genitori, secondo Bloch, con “un’attenzione ponderata allo stile delle animazioni didattiche”.

K Health ha recentemente collaborato con Anthem per sviluppare una versione cobranded di K, CareSpree, che consente agli oltre 40 milioni di membri di Anthem di chattare con un medico per “meno di un copay”. Per le visite mediche di persona, le scansioni di risonanza magnetica e i raggi X, CareSpree consente agli utenti di programmare appuntamenti presso gli operatori sanitari partecipanti e di pagare un prezzo prenegoziato.

Separatamente, K Health alla fine dello scorso anno ha annunciato che collaborerà con la Mayo Clinic per integrare la piattaforma di analisi dei dati della clinica del sistema sanitario, che include strumenti di supporto alle decisioni cliniche per pazienti e medici della Mayo Clinic.

K Health è finanziato in parte da Maccabi Health, organizzazione israeliana per la manutenzione della salute (HMO) di Tel Aviv, e dal suo braccio di incubazione tecnologica, Morris Kahn Institute for Research and Innovation. I profitti dell’app vengono reinvestiti nella creazione del database di K Health, afferma la società. Ulteriori investitori nell’ultima tranche includono LTS Ventures, Atreides Ventures, 14W, Max Ventures, Pico Partners, Marcy Venture Partners, Primary Ventures e Box Group.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi