Il robot “pensa ad alta voce” durante il processo di pensiero
I ricercatori italiani hanno progettato un robot in grado di “pensare ad alta voce”, che consente agli utenti di ascoltare il suo processo di pensiero e ottenere una visione più approfondita dei processi decisionali della tecnologia.

Antonio Chella è coautore della ricerca , condotta dalla prima autrice Arianna Pipitone presso l’Università degli Studi di Palermo.

“Se tu fossi in grado di sentire cosa pensano i robot, il robot potrebbe essere più affidabile”, dice Chella. “I robot saranno più facili da capire per i laici e non è necessario essere un tecnico o un ingegnere. In un certo senso, possiamo comunicare e collaborare meglio con il robot “.

Discorso interiore nei robot
Gli esseri umani fanno affidamento sul linguaggio interiore quando cercano chiarezza e guida morale, e questo aiuta nel processo decisionale. I ricercatori hanno deciso di vedere come questo potrebbe avere un impatto sui robot, quindi ne hanno sviluppato uno chiamato Pepper, che può parlare a se stesso. I ricercatori hanno quindi chiesto alle persone di apparecchiare la tavola con Pepper seguendo le regole dell’etichetta e hanno studiato come le abilità di dialogo personale di Pepper hanno influenzato le interazioni uomo-robot.

Dopo aver studiato il robot, i ricercatori hanno scoperto che Pepper è più bravo a risolvere i dilemmi quando si fa affidamento sul linguaggio interiore. Un esperimento ha visto un utente chiedere a Pepper di infrangere le regole dell’etichetta posizionando un tovagliolo nel punto sbagliato, il che ha portato il robot a porsi una serie di domande auto-dirette. Ha quindi concluso che l’utente poteva essere confuso, quindi ha confermato la richiesta prima di continuare a utilizzare il parlato interno.

Ecco il dialogo che Pepper ha avuto con se stesso:

“Ehm, questa situazione mi turba. Non infrangerei mai le regole, ma non posso turbarlo, quindi sto facendo quello che vuole “, ha detto Pepper mettendo il tovagliolo nel punto sbagliato.

L’utente può comprendere i pensieri di Pepper poiché usa la sua voce interiore per risolvere un dilemma, che secondo i ricercatori potrebbe portare alla fiducia uomo-robot.

Quadro per il discorso interiore del robot

Dialogo di sé e tasso di completamento del compito più elevato
Quando la performance di Pepper è stata confrontata con e senza il discorso interiore, ha dimostrato un tasso di completamento del compito più elevato quando si utilizza il dialogo di sé. Il linguaggio interiore ha permesso a Pepper di superare i requisiti funzionali e morali dello standard internazionale per i robot collaborativi, che sono un insieme di linee guida che le macchine seguono.

“Le persone sono rimaste molto sorprese dall’abilità del robot”, dice Pipitone. “L’approccio rende il robot diverso dalle macchine tipiche perché ha la capacità di ragionare, di pensare. Il linguaggio interiore consente soluzioni alternative per i robot e gli esseri umani per collaborare e uscire da situazioni di stallo “.

Secondo Pipitone e Chella, il nuovo framework può portare a una migliore comprensione di come l’auto-dialogo può essere utilizzato dai robot per concentrarsi, pianificare e apprendere.

“In un certo senso, stiamo creando un robot generazionale a cui piace chattare”, dice Chella. “Il linguaggio interiore potrebbe essere utile in tutti i casi in cui ci affidiamo al computer o a un robot per la valutazione di una situazione.”

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi