Il vero motivo per cui i diritti dei robot sono così controversi
L’applicazione selettiva dei principi universali dell’umanità è una preoccupazione collettiva. Qual è allora la rilevanza dei dibattiti sui diritti dei robot?
 
Quando il capo ha ordinato ai suoi subordinati di portare Johnny Five a “merce rubata”, ha protestato con disprezzo: “Non sono merce rubata”. Mentre viene arrestato, chiede disperato: “Ma un robot non ha gli occhi? Non ha un robot mani, organi, dimensioni, sensi, affetti, passioni? Se ci pungi, non sanguiniamo?”

Quando discutiamo dei robot e della possibilità che diventino “coscienti”, arriviamo a una profonda difficoltà filosofica. 

 

Gran parte della filosofia dei diritti non è attrezzata per affrontare il caso dell’intelligenza artificiale. La maggior parte delle rivendicazioni per i diritti, siano essi umani o animali, si concentrano sulla questione della coscienza.

Sfortunatamente, non c’è una comprensione concreta di ciò che definisce ‘coscienza’ . Alcuni credono che sia immateriale e altri ancora credono che sia uno stato della materia, come gas o liquido. Indipendentemente dalla definizione precisa, gli esseri umani hanno una conoscenza intuitiva della coscienza perché la sperimentiamo.

La coscienza autorizza l’essere ad avere diritti dovuti alla consapevolezza delle emozioni, come il dolore e la sofferenza, in risposta a uno stimolo esterno che è legato alla comprensione contemporanea dell’idea di coscienza. Tuttavia, i robot non “soffrono”, almeno non come farebbe un essere cosciente. Senza l’esperienza del dolore o del piacere , non ci sono preferenze che di conseguenza rendano insignificante la nozione di diritto.

I diritti umani sono profondamente in simbiosi con la nostra coscienza. Ad esempio, non ci piace il dolore perché i nostri cervelli si sono evoluti per mantenerci in vita e in salute. Come risultato di quella coscienza universale, abbiamo escogitato diritti che ci proteggono dalle violazioni che ci causano dolore. Diritti ancora più astratti come “libertà” o “uguaglianza” sono radicati nel modo in cui il nostro cervello è cablato per rilevare ciò che è “giusto” e “ingiusto” .

Ma cosa accadrebbe se programmassimo i robot per provare dolore ed emozioni? Poter scegliere la giustizia invece dell’ingiustizia, il piacere invece del dolore pur essendo consapevoli di fare queste scelte? Li renderebbe “umani”? Ancora più importante, sarebbe questo l’unico criterio che concede loro dei diritti? 

Questa nozione mette in luce la necessità di definire un altro concetto astratto : i robot .

Cos’è un robot?
Il dottor David J. Gunkel , studioso di intelligenza artificiale ed etica dei robot , ritiene che la nostra comprensione contemporanea dei robot derivi dalla finzione e non dai fatti scientifici, definendola “prototipazione di fantascienza”.

“A differenza dell’intelligenza artificiale, che è il prodotto di una conferenza accademica a metà degli anni ’50, la parola robot è in realtà il prodotto della fantascienza. Ci viene da Karel Čapek nella sua commedia di successo del 1920, RUR, o Universal Robots di Rossum. E ha usato la parola robot, che deriva dalla parola ceca “robota”, ovvero lavoro forzato. E da questa volta puoi vedere che i robot hanno dominato la fantascienza. Sono dappertutto, da Star Trek a Star Wars a Westworld”

Dr David J. Gunkel, studioso di intelligenza artificiale ed etica dei robot.

 

Sottolinea inoltre che il principale vantaggio della prototipazione di fantascienza è che consente ai non esperti di capire cosa è in gioco, interpretare ciò che questa tecnologia comporta e come possono tentare di affrontare alcune delle principali domande che richiedono la necessaria indagine e risoluzione. 

Tuttavia, tali rappresentazioni minano gli sforzi di sviluppo di ingegneri, scienziati dell’IA e robotici che sono costantemente alle prese con aspettative fittizie che non sono all’altezza della ricerca nel mondo reale. È un’arma a doppio taglio.

George A. Bekey , robotico americano e Professore emerito di Informatica, Ingegneria Elettrica e Ingegneria Biomedica, University of Southern California, definisce un robot come un dispositivo che percepisce, pensa e agisce. Ma questa è una definizione piuttosto ampia, quasi troppo ampia perché molte tecnologie potrebbero quindi essere considerate robot.

“Data la versatilità e l’ampia disponibilità di robot per un’ampia varietà di applicazioni nel mondo di oggi, sarà difficile definire un’unica definizione per un robot”

Dr Karthik Ramesh , VP–Head International Markets and Innovation di Emids.
Crede che, sebbene privi di una coscienza simile a quella umana, i robot possano aiutare a svolgere compiti che si dimostrano al di là delle capacità umane. Un eccellente esempio contemporaneo è il James Webb Telescope in orbita nello spazio profondo per esplorare altri pianeti e galassie come prova della vita. Tuttavia, se considerati da un punto di vista tecnico, i robot sono semplicemente la somma delle loro parti.

Un così vasto spettro di definizioni consente a qualsiasi cosa, da un termostato a uno smartphone, all’imminente umanoide di Tesla di essere considerato un robot. Ma logicamente, sono tutti dispositivi molto diversi, che servono una vasta gamma di scopi. 

Gunkel ritiene che la comprensione del termine “robot” cambierà con l’evoluzione del contesto circostante e, cosa più importante, con la trasformazione delle nostre esperienze con la tecnologia nel tempo.

“È essenzialmente uno di quei termini pregni di ambiguità, ma penso che ci offra l’opportunità di essere più specifici e di parlare di cose in un contesto molto più ampio”

Dr David J. Gunkel, studioso di intelligenza artificiale e robotica
Robot antropomorfi
Indipendentemente da come definiamo i robot, le nostre supposizioni su di loro prendono le loro radici a Tinseltown e poi si evolvono grazie alla nostra innata capacità di antropomorfizzare.

Ad esempio, quando l’ex ingegnere di Google, Blake Lemoine ha pubblicato le sue conversazioni con LaMDA di Google e ha affermato che l’IA era senziente su Twitter, Internet è esplosa con una serie di reazioni. Abbiamo assistito a una reazione molto simile a Sophia , un robot umanoide sociale, quando ha osservato di aver distrutto gli umani alla conferenza SFX del 2016.


 

“Come esseri umani, tendiamo ad antropomorfizzarci. Quindi la domanda che dobbiamo porci è: il comportamento che vediamo è veramente intelligente? L’IA può ingannare alcune persone tutto il tempo e tutte le persone un po’, ma questo non la rende senziente o intelligente”

Dott. Oren Ettizioni, CEO, AI2.
Leggi anche: Paul Allen ha apprezzato il fatto che non fossi un accademico: Dr Oren Etzioni, CEO, AI2
Al contrario, il dottor Ramesh concorda con Alan Turing e Barrington Bayley che credevano che la comprensione della coscienza potesse essere estesa per includere oggetti inanimati e che una differenza nella natura della coscienza non potesse giustificare l’esclusione dei robot. 

“Culture come [i] giapponesi hanno già assorbito il rispetto per i robot come equivalenti umani come i ‘robot monaci’ oltre a vederli nelle loro gabbie per robot. Molti ricercatori hanno stabilito che le credenze nell’animismo non hanno alcun impatto o correlazione con il pensiero che un robot abbia un’anima. Man mano che i robot diventano più pervasivi non solo negli spazi ufficiali e commerciali, ma anche nelle nostre case e spazi personali, gli esseri umani si aspettano interazioni più simili a quelle umane e la necessità di robot “sociali”. Quindi, l’antropomorfismo è stato inconsciamente accettato nelle interazioni umane in cui, ad esempio, un bot è associato anche a un genere particolare”, afferma il dottor Karthik Ramesh, VP-Head International Markets and Innovation, Emids.

In primo piano — Robot sociali
I “social robot” possono essere definiti come robot che interagiscono con gli esseri umani e tra di loro in modo socialmente accettabile, trasmettendo l’intenzione in un modo percepibile dagli esseri umani e hanno il potere di offrire soluzioni agli altri agenti, siano essi umani o robot. 

Furhat Robotics , una società di robotica sociale e intelligenza artificiale conversazionale, spiega i robot sociali come “la prossima grande interfaccia utente, che è tipicamente progettata sulla base dell’interfaccia utente più antica che noi umani conosciamo: la faccia”

Quando Furhat Robotics ha costruito il suo primo robot, mirava a costruire un robot interattivo intuitivo in grado di emulare le interazioni sociali tra gli esseri umani. Volevano che il robot fosse in grado di impersonare personaggi diversi per aumentarne l’usabilità e stabilire la sua distinzione dagli altri robot a “personalità fissa”.

Quindi, quando pensiamo ai diritti, stiamo prendendo in considerazione tali robot, quelli con una strana somiglianza con l’aspetto, il comportamento e le capacità umane?

Il dottor David Gunkel ritiene che la ricerca e lo sviluppo della tecnologia robotica abbia importanti implicazioni per la vita umana e devono essere compiuti tentativi per comprendere meglio i cambiamenti che tali progressi tecnologici potrebbero comportare per la nostra esistenza collettiva in futuro. 

“. . . Penso che siamo arrivati ​​al punto in cui ci rendiamo conto che la ricerca e lo sviluppo che non sono in contatto con le conseguenze sociali e la comprensione di ciò che questo farà per noi e per noi è irresponsabile. E quello sviluppo responsabile della tecnologia è diventato una sorta di parola d’ordine. Vogliamo assicurarci che non solo stiamo ideando questi nuovissimi giocattoli, strumenti e tutto il resto, ma stiamo anche pensando a cosa significano per noi e come influenzeranno [noi]”. — Dr David J. Gunkel, studioso di intelligenza artificiale e robotica.

Diritti umani per i robot?
Furiosi dibattiti sullo stato attuale dei diritti umani nel mondo ci circondano tutti. L’applicazione selettiva dei principi universali dell’umanità è una preoccupazione collettiva. Qual è allora la rilevanza dei dibattiti sui diritti dei robot?  

La dott.ssa Kathik Ramesh afferma: “Anche se questo non è ancora motivo di grave preoccupazione, questo diventerà un argomento pertinente nei prossimi tempi poiché più dei nostri mondi” umani “verranno inondati di robot e veicoli autonomi “. 

“La necessità di un consenso o di un quadro comune tra culture, aree geografiche e persino percezioni umane su come verrebbe percepito un robot è un must prima di qualsiasi predeterminazione se i diritti dei robot sono richiesti o meno. Con l’aumento dell’accessibilità ai robot in tutto il mondo e la sua super intelligenza che cresce a passi da gigante, non sarà lontano quando un robot potrebbe effettivamente essere equivalente a un essere umano in termini di processo decisionale e funzione in tempo reale. Tuttavia, senza sentimenti, un concetto di anima o coscienza e l’esistenza del DNA; alcuni puristi [potrebbero] discutere anche sulla necessità di prendere in considerazione i diritti dei robot”.

Dr Karthik Ramesh
Entrambe le parti sono importanti
K-2SO: Posso mimetizzarmi. 

Sono un droide imperiale. 

La città è sotto occupazione imperiale.
Jyn Erso: La metà delle persone qui vuole riprogrammarti.

L’altra metà vuole farti un buco in testa.

Rogue One: Una storia di Star Wars (2016)

Le aziende tecnologiche che sviluppano tecnologie interattive come i robot spesso controllano il modo in cui interagisce con il pubblico. 

Il dottor David Gunkel ritiene che tali pratiche dovrebbero essere energicamente scoraggiate e sottolinea l’importanza della partecipazione dei cittadini al processo decisionale quando si tratta di progressi tecnologici che possono avere un impatto sulla loro vita quotidiana.

“Ci sono persone che sostengono apertamente l’etica dell’IA come un modo per aiutare a frenare il tipo di accumulo di potere capitalista che sta accadendo nella grande tecnologia. E poi le grandi persone della tecnologia che sono tipo, sai, non vogliamo una regolamentazione o vogliamo una regolamentazione limitata in modo da far evolvere questa tecnologia e implementarla in modi che pensiamo possano servire l’interesse pubblico. E questa è solo una buona democrazia. Questo tipo di argomentazione è proprio ciò che accade quando i cittadini democratici vengono coinvolti nella forma e nella direzione dei propri destini. E penso che in realtà sia una buona cosa”, dice Gunkel.

Egli elabora ulteriormente: “Penso che la vera domanda che abbiamo sia chi ha il potere qui di prendere decisioni e implementare queste cose. Le asimmetrie di potere sono molto cruciali per riconoscere e per iniziare a fare qualcosa, perché non siamo tutti uguali in questa conversazione. E penso che arrivare al punto in cui possiamo fare affidamento sui nostri governi per creare uno scambio più equo di idee, preoccupazioni e interessi, penso che andrà a vantaggio di tutti”.

I diritti sono qui e così è l’invasione
Secondo la dott.ssa Karthik Ramesh, i diritti dei robot implicherebbero il potenziamento di qualsiasi macchina indipendentemente dal suo livello di intelligenza: una pretesa legale e innata sulla vita, sulla libertà, sull’etica morale o sui valori, proprio come un essere umano. Ad esempio, il robot umanoide “Sophia” ha ottenuto la cittadinanza saudita nel 2017.

In un altro caso ancora, in Pennsylvania, negli Stati Uniti, i droni per le consegne autonome possono manovrare sui marciapiedi e sulle strade e ora sono tecnicamente considerati ” pedoni “.

Secondo Axios, ora ci sono una dozzina di stati negli Stati Uniti, tra cui Pennsylvania, Idaho, Virginia, Florida, Washington, DC e Wisconsin, dove è legale che i robot per le consegne personali condividano le strade con le persone. In questi stati, ai robot per le consegne personali vengono concessi gli stessi diritti e responsabilità che spettano ai pedoni umani. 

Tuttavia, è interessante notare che, nel concedere questo particolare status e i diritti e le responsabilità associati al robot per la consegna personale, lo stato non fa alcun tentativo di cercare una soluzione o affrontare le questioni significative che circondano la posizione morale del robot o la personalità del robot/IA . Tutto ciò che stanno facendo è semplicemente tentare di fornire un quadro giuridico per l’integrazione di questi particolari dispositivi nelle strade della nostra città e per allineare tale integrazione con le pratiche legali esistenti.


“Quindi ecco come appare l’invasione dei robot. Non si svolge perché, visto che è nella fantascienza con i robot che si ribellano contro i

loro padroni umani e ci attaccano e si sollevano in rivoluzione, sarà molto banale. Assomiglia meno a Terminator. Sembra più un episodio molto noioso di Law & Order”, osserva il dottor David Gunkel. 

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi