Supernormal porta la messaggistica video asincrona basata sull’intelligenza artificiale ai team remoti

Quando si tratta delle aspettative dei clienti, la pandemia ha cambiato tutto
Scopri come accelerare il servizio clienti, ottimizzare i costi e migliorare il self-service in un mondo incentrato sul digitale.
Zoom è diventato una delle grandi storie di successo di quest’anno per le comunicazioni video in tempo reale, poiché il rapido passaggio al lavoro remoto ha costretto le aziende a ripensare le proprie operazioni. Ora una nuova startup sta per diventare la piattaforma di riferimento per le comunicazioni video asincrone.

Non mancano strumenti di comunicazione non in tempo reale che consentono ai team distribuiti a livello globale di collegarsi tra loro: e-mail e Slack, per cominciare. Ma Supernormal sta combinando la messaggistica video con alcune ingegnose intelligenze intelligenti per portare più coinvolgimento e utilità nelle interazioni “asincrone”, dove sfumature e significato non si perdono in mezzo a una raffica di emoji. In un momento in cui le aziende si impegnano sempre di più per una forza lavoro distribuita su più fusi orari , Supernormal potrebbe ritagliarsi una nicchia in uno spazio inondato di strumenti video e vocali in tempo reale .

“Supernormal si concentra sull’aiutare i team a comunicare in modo asincrono e consentire ai personaggi chiave – ingegneri, designer, manager – di avere tempo creativo e scegliere quando desiderano consumare o creare comunicazioni di squadra”, ha detto a VentureBeat il cofondatore e CEO Colin Treseler.

Per aiutare la sua missione, la società ha annunciato oggi di aver raccolto 2 milioni di dollari in un round di finanziamento guidato da EQT Ventures, con il supporto di diversi angel investor.


Disponibile via Web o tramite un’app desktop per Mac, Supernormal consente agli utenti di registrare annunci, presentazioni, saluti aziendali (o personali) o qualsiasi altra cosa. Una funzione separata consente agli utenti di registrare il proprio schermo per fornire presentazioni o procedure dettagliate sui prodotti, con un piccolo avatar video del relatore incorporato nello screencast.

L’app utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) per trascrivere istantaneamente il contenuto e fornirlo come testo accanto al video, estraendo anche quelle che ritiene siano le tre frasi più interessanti da una trascrizione da suggerire come riepilogo delle didascalie.

Secondo Treseler, l’azienda sviluppa il suo sistema di intelligenza artificiale “per lo più” internamente. “Abbiamo costruito il nostro machine learning per rilevare le frasi più interessanti e lo abbiamo addestrato su un corpus enorme”, ha detto Treseler.

Per le aziende che si registrano utilizzando le credenziali dell’account Slack o Google, Supernormal tagga automaticamente anche utenti specifici in un’azienda se il loro nome è menzionato nel video, avvisando l’individuo tramite Slack o Gmail. I relatori vengono avvisati ogni volta che il loro team o il pubblico previsto hanno visualizzato il video, consentendo loro di seguire eventuali comunicazioni pertinenti.

I video possono anche essere incorporati in proprietà digitali come siti Web e collegamenti dedicati possono essere condivisi manualmente tramite qualsiasi app. Se sono condivisi su Twitter, Slack, Facebook o Microsoft Teams, possono essere visualizzati in linea direttamente su tali piattaforme. In qualsiasi altro luogo, l’utente dovrà fare clic per visualizzare il video sulla piattaforma Supernormal stessa.

Lo stato di avanzamento
Ci sono altri giocatori importanti nello spazio. Loom, con sede a San Francisco, è forse l’esempio più ovvio, avendo raccolto quasi 75 milioni di dollari di finanziamenti, inclusa una tranche di 29 milioni di dollari nel bel mezzo della pandemia, da importanti investitori come Sequoia Capital, Coatue, Kleiner Perkins e i fondatori di Instagram. Fondato nel 2016, Loom ha un po ‘di vantaggio e un impressionante elenco di clienti, tra cui Atlassian, Intercom e HubSpot. Offre anche funzionalità intelligenti aggiuntive, come uno strumento di disegno , che consente ai relatori di illustrare o evidenziare elementi specifici sul proprio schermo.

Prezi sta facendo alcune cose interessanti nel regno delle presentazioni video, sebbene sia rivolto a un mercato diverso. Altrove, Slack si sta preparando a lanciare una nuova funzione Storie , che sono essenzialmente aggiornamenti di stato basati su video sulla falsariga di Snapchat e delle versioni consumer di Instagram. Non sorprenderti se Microsoft segue l’esempio con qualcosa di simile per Teams.

Sebbene sia ancora agli inizi di Supernormal, l’uso dell’intelligenza artificiale da parte della startup per generare trascrizioni, riepiloghi e avvisi intelligenti vale la pena tenere d’occhio.

Esistono anche potenziali casi d’uso ben oltre l’impresa, come ha dimostrato Loom . Ad esempio, gli insegnanti che lottano per portare la loro intera classe online per una dimostrazione dal vivo potrebbero semplicemente registrare una breve presentazione basata su video e inviarla tramite e-mail affinché gli studenti possano vederla nel loro tempo libero.

“In questo momento, stiamo assistendo a un grande utilizzo da parte dei ‘prosumer’ e siamo aperti all’istruzione / organizzazioni non profit”, ha detto Treseler. “Il nostro obiettivo principale, tuttavia, sarà sui team a livello aziendale”.

La storia così lontana
Come accade sempre più spesso con le aziende in questi giorni, Supernormal non può essere bloccato in un unico luogo, con una forza lavoro che copre le Americhe e l’Europa. Treseler vive attualmente a Stoccolma, in Svezia, sebbene negli ultimi dieci anni abbia ricoperto vari ruoli tecnici su entrambe le sponde dell’Atlantico, incluso un periodo di due anni come product manager di Facebook a Menlo Park, in California.

Treseler e il suo team hanno iniziato a lavorare su Supernormal a gennaio, tempismo fortuito visto come si sarebbero svolti gli eventi globali nei mesi successivi. “Quando abbiamo iniziato a creare la nostra soluzione, non ci aspettavamo che ogni azienda si affidasse così tanto alla comunicazione virtuale”, ha affermato Treseler.

Supernormal inizialmente stava cercando di essere più uno strumento di comunicazione video universale, ma alla fine la società ha deciso di andare all-in sui video registrati.

“Avevamo video dal vivo nel prodotto iniziale, ma ritenevamo che non si aggiungessero all’esperienza del team e che non aiutassero il nostro obiettivo principale: spostare i team per diventare più asincroni”, ha detto Treseler.

Dal suo lancio ufficiale ad agosto, Supernormal afferma di essere stato scelto da più di 400 team, con dipendenti in aziende come Spotify e GitHub, e ha visto un “coinvolgimento pesante” in tutto lo spettro, dalle PMI alle società Fortune 500.

L’azienda sta ora lavorando su app native per desktop e smartphone Windows, insieme a strumenti di modifica con un clic che consentono agli utenti di rimuovere pause o parole o frasi specifiche dalle trascrizioni. Treseler ha affermato che il team sta anche esplorando ulteriori strumenti di reporting e analisi dei dati per i ruoli rivolti ai clienti, come le vendite e l’assistenza clienti.

In termini di prezzo, per ora è completamente gratuito, poiché il prodotto viene sviluppato e iterato. Ma Supernormal alla fine adotterà un modello SaaS, con prezzi da determinare. “Alla fine arriveremo a prezzi che sono notevolmente più economici rispetto ai concorrenti nello spazio”, ha detto Treseler.

Con 2 milioni di dollari in più in banca, Treseler ha affermato che la società raddoppierà lo sviluppo del prodotto ed espanderà il suo “team completamente remoto” in tutto il mondo.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi