Torch.AI, una startup che sviluppa un’intelligenza artificiale “network-centric” per fornire insight sui big data, ha annunciato di aver raccolto 30 milioni di dollari. L’azienda prevede di destinare i proventi alla crescita man mano che acquisisce nuovi clienti, in particolare agenzie federali statunitensi nel campo della sicurezza nazionale, comprese quelle che operano in ambienti ad alto rischio.

La maggior parte delle aziende deve gestire innumerevoli bucket di dati, alcuni dei quali inevitabilmente vengono sottoutilizzati o dimenticati. Un sondaggio di Forrester ha rilevato che tra il 60% e il 73% di tutti i dati all’interno delle aziende non viene mai analizzato per approfondimenti o tendenze più ampie. Il costo opportunità di questi dati inutilizzati è notevole, con un rapporto Veritas che lo fissa a $ 3,3 trilioni entro il 2020. Questo è forse il motivo per cui il settore aziendale si è interessato a soluzioni che acquisiscono, comprendono, organizzano e agiscono sui contenuti digitali da più fonti digitali .

Torch.AI , con sede in Kansas, Leawood, fondata nel 2017, offre una di queste soluzioni in una piattaforma che collega app, sistemi, servizi cloud e database disparati per consentire la riconciliazione e l’elaborazione dei dati. Torch.AI fornisce modelli di machine learning preaddestrati specifici del dominio per il riconoscimento ottico dei caratteri, l’elaborazione del linguaggio naturale, l’analisi del sentiment e altro ancora che arricchiscono i dati esistenti, anche se i dati sono incompleti, difettosi o non strutturati. Le aziende possono portare i propri modelli per automatizzare attività e flussi di lavoro di ingegneria dei dati che vanno dalla notifica a un analista di un’anomalia e del suo potenziale impatto al ricalcolo dei punteggi di rischio o complessità, secondo Torch.AI.

La piattaforma Torch.AI funziona come un sistema di comunicazione aziendale che fornisce trasformazioni dei dati potenziate dall’intelligenza artificiale, acquisendo dati da qualsiasi fonte. Decompone i dati in bit più piccoli e normalizzati con visibilità e trasparenza nella derivazione dei dati e integrità della sorgente, fornendo funzionalità di “tagging on ingest” per aiutare gli utenti a organizzare e correlare le informazioni. Inoltre, Torch.AI fornisce una suite che mantiene una postura di sicurezza informatica rafforzata e strumenti che rendono l’implementazione delle normative e delle politiche di conformità apparentemente più semplice.

“La maggior parte delle implementazioni e delle analisi di abilitazione dei dati ha sofferto di problemi di ingegneria dei dati interni. Quando abbiamo collaborato con aziende negli Stati Uniti, abbiamo sentito la stessa cosa: fare quasi tutto ciò che ha significato con i dati era troppo complicato e richiedeva troppo tempo “, ha detto a VentureBeat il CEO Brian Weaver via e-mail. “Abbiamo scoperto di poter utilizzare l’efficienza di un’applicazione avanzata di machine learning per comprendere e descrivere istantaneamente i dati con dettagli atomici, in memoria e mentre sono ancora in movimento. Abbiamo brevettato il concetto e iniziato a sviluppare la nostra piattaforma, che collega in modo intelligente tutte le applicazioni ei sistemi aziendali di un’azienda sovrapponendo una “mesh sinaptica”. “

Il mercato globale dei big data e dell’analisi aziendale è stato valutato a $ 169 miliardi nel 2018 e dovrebbe crescere fino a $ 274 miliardi nel 2022, secondo Statista. Sebbene la riconciliazione dei dati basata sull’intelligenza artificiale di Torch.AI sia più olistica della maggior parte, ha una serie di concorrenti, tra cui BackboneAI , che l’anno scorso è emersa dalla furtività con un prodotto progettato per unificare i set di dati aziendali con l’AI. C’è anche Tamr , una startup con sede a Cambridge, nel Massachusetts, che utilizza l’apprendimento automatico per accelerare i flussi di lavoro di analisi dei dati. E c’è Quantexa , che lo scorso luglio ha raccolto 64,7 milioni di dollari per sviluppare ulteriormente la sua piattaforma AI che estrae approfondimenti dai big data.

Ma Torch.AI afferma di essersi rapidamente affermata nel settore privato con un elenco di clienti privati ​​blue-chip tra cui Microsoft, H&R Block e General Electric. L’azienda afferma inoltre che si sta “muovendo con forza” nel settore governativo, dove la sua tecnologia è stata impiegata in più di una dozzina di agenzie federali statunitensi.

“Oggi, la nostra base di clienti comprende aziende Fortune 100 fino a elementi mission-critical del governo degli Stati Uniti. In genere, i nostri clienti si rivolgono a noi dopo aver sofferto di scarsi risultati analitici o di sistemi decisionali inadeguati “, ha affermato Weaver. “Uno dei principali vantaggi e fattori di differenziazione della nostra piattaforma è che i nostri clienti non hanno bisogno di modificare la loro infrastruttura IT interna; piuttosto, la piattaforma si sovrappone ai dati e ai sistemi esistenti “.

WestCap Group ha guidato la serie di finanziamenti A, che è il primo round di finanziamento pubblico di Torch.AI da 50 dipendenti.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi