Home / Economia / Ukko raccoglie 40 milioni di dollari per affrontare le allergie alimentari con l’IA

Ukko raccoglie 40 milioni di dollari per affrontare le allergie alimentari con l’IA

Ukko , un’azienda biotecnologica di 30 dipendenti che utilizza l’intelligenza artificiale per studiare soluzioni per allergie e sensibilità alimentari, ha raccolto oggi $ 40 milioni in un round di serie B guidato da Bayer’s Leaps di Bayer. Ukko afferma che il nuovo finanziamento consentirà di entrare in studi clinici con una terapia sperimentale per le allergie alle arachidi, accelerando allo stesso tempo lo sviluppo del suo glutine sintetico per le persone celiache e altri disturbi.

Le intolleranze e le sensibilità alimentari sono estremamente comuni e sembrano essere in aumento. Si pensa infatti che fino al 20% della popolazione mondiale possa avere almeno un’intolleranza alimentare. Secondo una stima , circa dal 6% al 7% della popolazione degli Stati Uniti potrebbe essere sensibile al glutine, ad esempio, il che significa che circa 20 milioni di persone solo negli Stati Uniti potrebbero avere la condizione. Questo potrebbe essere il motivo per cui il mercato globale della diagnosi e del trattamento delle allergie alimentari dovrebbe crescere a un tasso di crescita annuale composto del 5,10% per raggiungere 1,83 miliardi entro il 2023, secondo Market Research Future.

Ukko, con sede a Palo Alto, in California, cofondato nel 2016 dal laureato del MIT Anat Binur e Yanay Ofran, ex ricercatore della Columbia University, mira ad applicare le tecnologie di apprendimento automatico in immunologia, biologia computazionale e ingegneria delle proteine ​​per sviluppare nuovi approcci al trattamento sensibilità alimentare. La startup sta attualmente costruendo una mappa della struttura molecolare delle allergie e dei disturbi alimentari, che si dice le consentirà di ingegnerizzare le proteine ​​alimentari, eliminando la loro allergenicità e mantenendo intatte le caratteristiche biochimiche e nutrizionali “buone”.

“[Ukko] analizza milioni di anticorpi dal sangue di persone con allergie. I nostri algoritmi utilizzano [questi] dati per prevedere cosa nella proteina dell’arachide sta scatenando l’attacco allergico da parte del sistema immunitario “, ha detto un portavoce a VentureBeat via e-mail. “Allo stesso modo, analizziamo milioni di cellule immunitarie di bambini con sensibilità al glutine per modellare il frammento esatto del glutine che innesca l’attacco del sistema immunitario. Dopo aver identificato i trigger, gli elementi sulle proteine ​​che vengono riconosciuti dal sistema immunitario, utilizziamo algoritmi per cercare modi per alterare minimamente questi elementi in un modo che abrogherà il legame del sistema immunitario ma manterrà la struttura altrimenti funzione e caratteristiche generali delle proteine. Questo viene fatto utilizzando algoritmi che mettono in relazione la sequenza della proteina alimentare con la sua struttura e funzione “.

Diverse aziende stanno sviluppando tecnologie che affrontano la sensibilità alimentare. Nel 2015, AbbVie ha pagato un’opzione per acquisire i diritti su un farmaco costituito da enzimi destinati ad abbattere il glutine prima che possa causare una reazione nell’intestino tenue. BioLineRx sta testando un polimero che si lega a una parte fondamentale della proteina del glutine, impedendone l’assorbimento dall’organismo. E Alba Therapeutics ha completato le prove intermedie di un farmaco chiamato larazotide acetato che, secondo quanto riferito, impedisce al glutine di spremere tra i rivestimenti cellulari e innescare una reazione infiammatoria.

Ukko afferma di avere dati preliminari che suggeriscono che le sue proteine ​​sperimentali di arachidi e glutine non attivano reazioni allergiche del sistema immunitario. Ma l’azienda deve ancora completare una sperimentazione clinica o ottenere l’approvazione per i suoi prodotti da un’agenzia di regolamentazione, inclusa la Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Binur afferma che Ukko è “impegnata a lavorare a stretto contatto” con la FDA e a seguire “tutte le normative applicabili” prima di commercializzare i suoi prodotti alimentari o terapeutici.

Continental Grain Company, PeakBridge Ventures, Skyviews Life Science e Fall Line Capital hanno partecipato all’ultimo round di finanziamento di Ukko, così come gli investitori esistenti Khosla Ventures, Innovation Endeavors e Time Ventures. Porta il totale della società raccolto a quasi $ 50 milioni.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi