I poliziotti di Washington stanno prendendo spunto da “Fight Club” per un gruppo segreto di riconoscimento facciale
“Non menzionare FITlist.”

Negli ultimi dieci anni, le grandi forze di polizia nello stato di Washington come il Dipartimento di Polizia di Seattle e il Dipartimento di Pierce sceriffo della contea si sono rivolti alla tecnologia di riconoscimento facciale per identificare e rintracciare i sospetti. Ma fino ad ora non era chiaro quanto fosse diffuso l’uso della tecnologia in tutto lo stato e se i dipartimenti di polizia più piccoli avessero accesso a quegli stessi strumenti.
Ora, grazie a migliaia di pagine di e-mail precedentemente non divulgate, OneZero può confermare l’esistenza di una massiccia rete segreta di dipartimenti di polizia che lavorano insieme per condividere questi controversi strumenti di riconoscimento facciale. Le e-mail, che risalgono almeno al 2016, indicano anche che questi dipartimenti hanno cercato esplicitamente di mantenere segreta questa partnership tra dipartimenti. Queste e-mail sono state condivise con OneZero da una fonte che ha ottenuto i documenti attraverso una richiesta di record aperti.
Molte di queste richieste intersettoriali nello stato di Washington sono state fatte attraverso un servizio di mailing list precedentemente sconosciuto, noto come FITlist. La lista FIT – con la FIT che sta per “Furto di frodi e identità” – comprende ufficiali di almeno una dozzina di dipartimenti di polizia, da grandi organizzazioni come la polizia di Seattle e il dipartimento dello sceriffo di Pierce County a quelle più piccole come la polizia di Richland e Marysville. Gli ufficiali dell’elenco sono invitati ad adottare una direttiva in stile Fight Club che preclude ai membri del gruppo di discutere pubblicamente dell’esistenza dell’elenco. Un documento afferma esplicitamente: “Non menzionare FITlist nei rapporti o cercare dichiarazioni di garanzia”.
“Nel contesto della sorveglianza facciale, un sacco di accesso avviene in realtà ad hoc, invece che attraverso un accordo o una politica scritta.”
Shankar Narayan, direttore del Technology and Liberty Project per l’ACLU di Washington, afferma che l’uso di un servizio di elenchi per fare richieste dietro le quinte “senza che il pubblico possa conoscere e comprendere” quali sono le informazioni condivise. Narayan aggiunge che partenariati segreti come questi potrebbero anche essere utilizzati per eludere le giurisdizioni che hanno vietato la tecnologia di riconoscimento facciale.
Poiché la tecnologia di riconoscimento facciale è diventata più popolare tra le forze dell’ordine, così anche la condivisione backchannel dei database correlati. In California, ad esempio , i dipartimenti di polizia locali condividono immagini biometriche con altri dipartimenti locali, il dipartimento di giustizia, gli altri stati della regione, i dipartimenti di polizia in tutto il paese e l’FBI. All’inizio di quest’anno, OneZero ha rivelato che nonostante le dichiarazioni pubbliche dei funzionari di New Orleans secondo cui la polizia della città non impiega il riconoscimento facciale, i suoi ufficiali hanno impiegato una soluzione alternativa, toccando la polizia statale per fare il lavoro.
“Nel contesto della sorveglianza facciale, un sacco di accesso avviene in realtà ad hoc, invece che attraverso un accordo o una politica scritta”, afferma Narayan. “Quindi un’agenzia senza una politica può ottenere l’accesso [alla tecnologia di riconoscimento facciale] attraverso queste richieste.”
Le e-mail ottenute da FITlist forniscono uno sguardo unico e diretto sul funzionamento di tali reti segrete e su come possono eludere gli sforzi normativi intesi a frenare l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale.
“Stiamo vedendo giurisdizioni come San Francisco e Somerville, nel Massachusetts, emanare divieti e moratorie sull’uso della polizia del riconoscimento facciale, eppure un elenco come questo potrebbe consentire a quelle stesse agenzie di eludere quelle regole e accedere alla tecnologia”, afferma Narayan.
TIdocumenti ottenuti da OneZero suggeriscono un modello di richieste di backroom e condivisione delle risorse al di fuori del controllo pubblico. Un dipartimento di polizia, in particolare il dipartimento dello sceriffo della contea di Pierce, è stato spesso scelto per condurre ricerche di riconoscimento facciale per conto di altre giurisdizioni tramite FITlist o direttamente al responsabile delle indagini forensi dello sceriffo della contea di Pierce, Steve Wilkins.
Negli scambi di e-mail con altre forze dell’ordine, Wilkins dimostra di essere esperto nel condurre ricerche di riconoscimento facciale ed era pronto ad aiutare altri dipartimenti. Nelle sue corrispondenze, Wilkins spiega come modifica le foto e pesa sull’angolazione e le proporzioni corrette necessarie affinché una foto funzioni correttamente con il suo software.
Uno scambio di e-mail ottenuto da OneZero mostra i detective del dipartimento di polizia Fircrest che si rivolgono a Wilkins per ottenere assistenza per il riconoscimento facciale in caso di rottura di un veicolo e accesso.
Nella prima e-mail, un ufficiale Fircrest scrive un collega detective nel dipartimento con la richiesta di inviare una foto di sorveglianza “in centro” per essere “abbinato” con un sospetto specifico il cui nome viene fornito nell’e-mail. “Conosco il suo [sic] lui ma voglio fare un sipario [sic]”, scrive l’ufficiale.

Corrispondenza tra il dipartimento di polizia di Fircrest e Steve Wilkins del dipartimento dello sceriffo della Contea di Pierce che delineava la richiesta di ricerca di riconoscimento facciale.

Corrispondenza tra il dipartimento di polizia di Fircrest e Steve Wilkins del dipartimento dello sceriffo della Contea di Pierce che delineava la richiesta di ricerca di riconoscimento facciale.
Non è chiaro se “downtown” funzioni come parola in codice per Wilkins, ma il detective Fircrest fa seguito inviando l’inchiesta a Wilkins. Il detective chiede a Wilkins di confrontare la foto di sorveglianza con la foto di prenotazione della persona nel suo software di riconoscimento facciale “per vedere se c’è una corrispondenza”.
Un paio di giorni dopo, Wilkins risponde al detective dicendogli che “ha lavorato in diversi modi” ma non pensa che sia il sospetto.
L’incidente solleva due bandiere rosse: una potenziale mancanza di responsabilità tra i dipartimenti e che Wilkins sta tentando di abbinare i filmati di sorveglianza a un sospetto noto. L’uso del software di riconoscimento facciale per tentare di abbinare un’immagine a una persona nota è diverso dal modo in cui altri dipartimenti di polizia hanno dichiarato di utilizzare i loro programmi. La polizia di altre città in tutto il paese ha affermato che il modo standard in cui usano il riconoscimento facciale è scattare foto ed eseguirle attraverso un programma che le confronta con un database di foto segnaletiche o foto di patenti di guida.
Alla domanda su questa indagine, Wilkins disse a OneZero : “Quando mi viene data un’immagine di sorveglianza e un possibile nome di sospetto non uso il sistema di riconoscimento facciale”. Ha aggiunto: “In questo caso, farei un confronto uno a uno delle immagini di sorveglianza con le immagini note del sospetto nel database di foto segnaletiche. “
Wilkins ha detto che in tutti i casi prima di eseguire una ricerca nel suo software di riconoscimento facciale, ci deve essere “una sorta di probabile causa associata alla sorveglianza per qualsiasi lavoro da svolgere”.
Uno dei detective Fircrest della catena di posta elettronica, Robert Deal, ha risposto alle domande su questi messaggi, dicendo a OneZero : “Sono stato alla presentazione di Steve Wilkins sul riconoscimento facciale e l’ho usato più volte come fonte nelle mie indagini”.
Secondo Deal, il dipartimento di polizia di Fircrest non ha una politica scritta sul riconoscimento facciale.
TLa seriedi messaggi fornisce anche affascinanti intuizioni su come la polizia di tutto lo stato collabora per indagare sui crimini. Le e-mail includono semplici richieste da parte di agenti che hanno allegato un’immagine di sorveglianza, una foto di Facebook o una patente di guida, chiedendo ai propri colleghi di polizia se hanno riconosciuto il sospetto. In altri messaggi, gli agenti chiedono al loro gruppo di pari se pensano che l’analisi delle impronte digitali o una ricerca di riconoscimento facciale sarebbe utile in casi particolari.
A prima vista, l’elenco FIT può essere visto come un esempio di un approccio più collaborativo e intersettoriale per la risoluzione del crimine. Tuttavia, alcuni sostenitori della trasparenza sollevano preoccupazioni sulla natura riservata dell’elenco.
“Questa è una pratica molto preoccupante”, ha affermato Brian Hofer, direttore esecutivo della Secure Justice senza fini di lucro, un’organizzazione che ha contribuito a scrivere diverse delle proposte di legge adottate dalle città che vietavano il riconoscimento facciale. “Se accurato, dimostra un chiaro intento di sfuggire alla supervisione giudiziaria, al controllo pubblico e alle leggi sulla divulgazione. Se devi nascondere ciò che stai facendo, probabilmente non è una buona cosa. “
I legislatori dovranno aspettare almeno fino al 2020 per fare un altro tentativo di regolamentare il modo in cui il riconoscimento facciale e altra sorveglianza biometrica vengono utilizzati per tracciare i residenti di Washington.
Il numero di città che vietano l’uso del riconoscimento facciale nel paese continua a crescere . I legislatori del Massachusetts stanno attualmente discutendo una moratoria a livello statale sull’uso della tecnologia. I legislatori della California hanno recentemente approvato una nuova legge che vieta l’uso del riconoscimento facciale sulle telecamere dei corpi di polizia. A livello federale, i legislatori del Congresso stanno prendendo in considerazione una serie di progetti di legge che potrebbero limitare l’uso del riconoscimento facciale. Una coalizione di oltre 30 aziende e associazioni di categoria tecnologica sta esortando il Congresso a non vietare completamente la tecnologia.

Lingua dal thread FITlist che indica agli ufficiali: “Non menzionare FITlist nei rapporti o nelle dichiarazioni di garanzia del mandato di ricerca”.
Nello stato di Washington, lo slancio a regnare nell’uso di questa tecnologia è rallentato. All’inizio di quest’anno, a livello statale non è stata approvata una controversa legge sulla privacy dei dati . Ciò significa che i legislatori dovranno aspettare almeno fino al 2020 per fare un altro tentativo di regolamentare il modo in cui il riconoscimento facciale e altra sorveglianza biometrica vengono utilizzati per tracciare e monitorare i residenti di Washington. Ciò significa anche che la polizia può continuare a utilizzare questi strumenti tecnologici in modi ampiamente non controllati.
OneZero ha contattato un certo numero di dipartimenti di polizia dello stato di Washington i cui ufficiali partecipano a FITlist, ma nessuno ha risposto a una richiesta di commento. Non è chiaro da quanto tempo esiste FITlist o perché sia ​​necessario mantenerlo segreto.
Tuttavia, una politica sulla privacy inclusa nella parte inferiore di molte e-mail suggerisce il motivo per cui ciò potrebbe accadere. Tale politica sulla privacy – che dichiara “riservata” la mailing list – afferma che la divulgazione pubblica di queste e-mail “avrebbe una sostanziale probabilità di minacciare la sicurezza pubblica”.

DI MICHAEL HAYES da ONEZERO

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi