Home / Economia / Valo Startup AI Drug Discovery raccoglie 190 milioni di dollari per la terapia del cancro

Valo Startup AI Drug Discovery raccoglie 190 milioni di dollari per la terapia del cancro

Valo Health, che sta sviluppando una piattaforma di scoperta di farmaci basata sia sull’intelligenza artificiale che su grandi set di dati dei pazienti, ha annunciato lunedì che sta lavorando su più obiettivi implicati in diversi tipi di cancro. E per portare avanti le cose, ha raccolto $ 190 milioni in un round di serie B, che gli dà un totale di circa $ 285 milioni raccolti fino ad oggi.

“Stiamo costruendo una società che vogliamo gestire attraverso la pienezza dello spettro di ricerca e sviluppo del settore farmaceutico”, afferma il CEO e cofondatore dell’azienda con sede a Boston David Berry.

A tal fine, Valo, fondata nel 2018, ha sviluppato un proprio sistema di calcolo chiamato Opal. Questa piattaforma di scoperta di farmaci mira a prevedere non solo le molecole che possono essere utilizzate come farmaci contro nuove malattie, ma anche il modo in cui tali farmaci potrebbero avere un impatto sull’intero corpo del paziente. Lo fa utilizzando un set di dati longitudinali da migliaia di fonti, fornendo informazioni su come particolari trattamenti per particolari malattie hanno avuto un impatto sulle persone. L’azienda sta attualmente sviluppando nuove terapie in tre aree principali: cancro, salute cardiovascolare e neurodegenerazione.

Il cancro è al centro dei quattro obiettivi terapeutici che l’azienda ha annunciato lunedì. In particolare, la società afferma che sta esaminando USP28, che è implicato nei tumori del colon; HDAC3, che è comune in un’ampia varietà di tumori; PARP1, che è coinvolto nei tumori cerebrali; e NAMPT, che è coinvolto nell’attività metabolica di alcuni tumori.

Queste molecole sono state precedentemente identificate come bersagli del cancro, ma, dice Berry, un vantaggio della piattaforma della sua azienda è la capacità di utilizzare il calcolo per progettare farmaci che non solo aiutano a uccidere i tumori, ma prevengono anche gli effetti collaterali. Ad esempio, dice, uno dei trattamenti su cui sta attualmente lavorando per colpire il NAMPT aiuta a evitare effetti collaterali tossici sulle retine che si vedono in altri trattamenti che lo usano come bersaglio.

“Vogliamo capire come le molecole fanno quello che fanno”, dice Berry. “Non è semplice come mettere insieme i pezzi del puzzle: molte cose hanno effetti complessi.”

Nessuna delle terapie di Valo è ancora pronta per i test clinici: l’azienda ha iniziato a sviluppare potenziali molecole solo l’anno scorso. Ma Berry è incoraggiato dai risultati del programma finora. “I nostri programmi sono preclinici, ma abbiamo dati sugli animali e dati sulle cellule”, afferma. “Stiamo assistendo a convalide di programmi che ci fanno pensare che qui ci sia qualcosa di reale al di là di ciò che potresti prevedere”.

Lo scopo del round di serie B da 190 milioni di dollari, afferma la società, è sostenere lo sviluppo dei suoi programmi terapeutici e la continua espansione della sua piattaforma Opal. Il round è stato guidato dal Public Sector Pension Investment Board, cui si sono uniti i suoi precedenti investitori di serie A, Mirae Asset Capital, HBM Healthcare Investments, Atinum Investment e Invus Public Equities.

Da parte sua, Berry è gratificato dei risultati che l’azienda ha ottenuto finora e che la piattaforma dell’azienda sta “all’altezza delle aspettative”.

“Quello che ci ha davvero incoraggiati è il modo in cui la nostra piattaforma si è riunita e il modo in cui i nostri dati si sono riuniti”, afferma.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi