AI Pilot consente agli aerei autonomi di navigare nello spazio aereo affollato
  

Immagine: CMUUn gruppo di ricercatori della Carnegie Mellon University (CMU) ha sviluppato quello che chiamano il primo pilota di intelligenza artificiale che consente agli aerei autonomi di navigare in uno spazio aereo affollato. 

Il sistema di intelligenza artificiale (AI) evita in modo sicuro le collisioni, prevede l’intento di altri velivoli e si coordina con le loro azioni. Può anche comunicare via radio con piloti e controllori del traffico aereo. Il team afferma di voler sviluppare l’IA in modo che alla fine sia indistinguibile da un pilota umano. 

Superamento del test di Turing
Jean Oh è professore associato di ricerca presso il Robotics Institute (RI) della CMU e membro del team pilota di intelligenza artificiale. 

“Crediamo che alla fine potremmo superare il test di Turing”, ha detto Oh. 

L’intelligenza artificiale si basa sulla visione e sul linguaggio naturale per comunicare con altri velivoli in modo simile a un pilota umano, il che aiuta a ottenere una navigazione sicura e socialmente conforme. Il team ha ottenuto questo coordinamento addestrando il sistema sui dati raccolti presso l’aeroporto della contea di Allegheny e l’aeroporto regionale di Pittsburgh-Butler. I dati includevano modelli di traffico aereo, immagini di aeromobili e trasmissioni radio. 

L’IA è dotata di sei telecamere e di un sistema di visione artificiale che lo aiuta a rilevare gli aerei vicini. Ha anche una funzione di riconoscimento vocale automatico che utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale (NLP) per comprendere i messaggi radio in arrivo e comunicare con i piloti e i controllori del traffico aereo attraverso il parlato. 

Navigare nello spazio aereo affollato
Poiché l’attuale spazio aereo è già affollato, la FAA e la NASA hanno proposto di dividere lo spazio aereo urbano in corsie o corridoi che hanno restrizioni su quando, quale tipo e quanti aeromobili possono utilizzarli. Questa proposta comporterebbe un grande cambiamento per l’uso attuale e le pratiche standard e potrebbe causare problemi come gli ingorghi del traffico aereo.

Ci sono molte sfide che coinvolgono lo sviluppo di un’IA per operare nel traffico a bassa quota affollato e controllato dal pilota secondo le regole del volo a vista (VFR), ma il sistema del team è progettato per interagire perfettamente con gli aerei in questo ambiente. 

Sebastian Scherer è un professore associato di ricerca presso il RI e un membro del team. 

“Questo è il primo pilota di intelligenza artificiale che funziona nello spazio aereo attuale”, ha affermato Scherer. “Non vedo che lo spazio aereo stia cambiando per gli UAV. Gli UAV dovranno cambiare per lo spazio aereo”.

Il pilota AI non è stato ancora testato su un aereo reale, ma si è comportato in modo impressionante con le simulazioni di volo, dove ha dimostrato la capacità di navigare attorno ad altri velivoli pilotati.

Jay Patrikar ha un dottorato di ricerca. studente del RI. È stato coinvolto nel progetto.

“Abbiamo bisogno di più piloti e l’IA può aiutare”, ha detto Patrikar.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi