Home / Robot / CyberBoat-330

CyberBoat-330

CyberBoat-330 è una sorprendente collaborazione Russia-Iran su un robot per mari poco profondi

Grandi aree del Mar Caspio sono acque poco profonde, troppo piccole per le navi con un pescaggio profondo per navigare o pattugliare. Confinante con la Russia a nord e l’Iran a sud, le sfide del pattugliamento del più grande lago interno ha portato a una sorprendente collaborazione tecnica: il “CyberBoat-330”, un piccolo veicolo robotico autonomo.

Il veicolo è stato presentato alla fiera Army 2020 in Russia. Costruito dal Politecnico di San Pietroburgo, il velivolo è stato progettato secondo le specifiche dei colleghi iraniani. Con un peso di 1.100 libbre, l’imbarcazione ha solo un pescaggio di poco più di un piede, permettendogli di sfiorare facilmente la superficie di tratti poco profondi.

“Questo potrebbe essere il primo progetto di cooperazione russo-iraniano a progettare in modo specifico un veicolo marittimo senza pilota”, ha detto Samuel Bendett, un Senior Fellow aggiunto del CNAS che ricerca le applicazioni del sistema senza pilota militare russo e dell’intelligenza artificiale. “La Marina russa è specificamente interessata a tali sistemi marittimi come complemento alle sue navi, per aggiungere ulteriori ISR ​​e altre capacità, come [Guerra anti-sottomarino]. Sappiamo anche che l’Iran è interessato allo sviluppo di veicoli marittimi senza pilota come moltiplicatori di missione “.

Funzionalmente, il CyberBoat-330 è più simile a un jet-ski veloce coperto di telecamere. Ha un corpo composito in alluminio realizzato con un polietilene ad altissimo peso molecolare, che gli consente di essere particolarmente resistente alla corrosione . Ai lati dell’imbarcazione ci sono cilindri contenenti una schiuma galleggiante rivestita in Kevlar, con l’obiettivo di rendere la CyberBoat inaffondabile nonostante i danni.

La CyberBoat è alimentata da un motore a due tempi, in grado di raggiungere velocità fino a 70 mph per una stampa di un’ora. Il motore a combustione interna, quando è in uso, carica anche le batterie della CyberBoat. Con un pannello solare e un motore elettrico, la CyberBoat può rimanere attiva per quasi 6 giorni di fila, percorrendo un’autonomia di 400 miglia.

“I rappresentanti del Politecnico U hanno anche affermato di ricevere molte proposte dall’estero per costruire USV simili, ma vorrebbero che il MOD russo fosse il primo in linea per tale tecnologia”, afferma Bendett, un consulente del Programma CNA Russia specializzato nei sistemi militari senza pilota russi. “È interessante notare che molti progetti marittimi senza pilota / autonomi come questo sono auto-avviati – l’organizzazione, l’impresa o un’università creano un sistema che credono sarà richiesto dal [Ministero della Difesa], nella speranza di ottenere un lungo- contratto militare a termine. “

Radar, collegamenti di comunicazione satellitare e sensori rendono CyberBoat-330 una sorta di piattaforma di scouting e sorveglianza. Può essere controllato a distanza da un essere umano o lasciato a navigare in modo autonomo. Mentre i ricercatori hanno creato una stazione di terra dedicata per il robot, può anche essere controllata con un software speciale da un computer, tablet o smartphone.

All’expo Army 2020, il CyberBoat-330 portava uno strumento speciale per prelevare campioni d’acqua, dandogli un ruolo sia nella scienza che nel sondaggio. Dato l’interesse dei clienti militari, è improbabile che i futuri veicoli basati sulla piattaforma CyberBoat-330 si accontentino semplicemente di sorseggiare i mari, invece di combattere per loro.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi