Home / medicina / DNA COVID-19 e AI intelligenza artificiale

DNA COVID-19 e AI intelligenza artificiale



Il nostro DNA di Neanderthal potrebbe perseguitarci in un’era di IA
Gli scienziati stanno analizzando il DNA umano per cercare di vedere se ci potrebbero essere predisposizioni verso la vulnerabilità di COVID-19 .

Questa ricerca di rischi genetici è parzialmente favorita dall’aspetto apparentemente misterioso del fatto che alcune persone sembrano avere maggiori probabilità di contrarre il coronavirus o subire conseguenze particolarmente avverse a insorgenza infettiva, facendolo mentre altri intorno a loro potrebbero essere trascurati da COVID-19 o non avere reazioni dimostrative al flagello.

I moderni cacciatori genetici stanno usando tutti i trucchi del trade-in per condurre analisi del DNA per scoprire eventualmente un colpo di fortuna o qualche caratteristica genomica innata straordinaria che potrebbe spiegare le diffuse differenze nel modo in cui le persone reagiscono all’esposizione COVID-19.

In un commovente segno di compassione umana, le persone si sono precipitate in avanti come volontari per essere studiate da questi investigatori scientifici, sperando nel loro modo modesto di contribuire a una svolta semplicemente permettendo al loro DNA di essere raccolto e ispezionato.

Uno studio sul DNA in fase iniziale pubblicato di recente che non è stato ancora sottoposto al necessario processo di revisione tra pari ha fatto alcune affermazioni intriganti che vale la pena considerare.


Questo particolare studio sottolinea innanzitutto che : “All’inizio della pandemia è diventato chiaro che l’età avanzata è un importante fattore di rischio, così come il genere maschile e alcune comorbilità. Questi fattori di rischio, tuttavia, non spiegano completamente perché alcuni hanno sintomi lievi o assenti, mentre altri si ammalano gravemente ”. In altre parole, gli ovvi tipi di metriche come l’età, il sesso o altri parametri facilmente raccolti sono apparentemente insufficienti per capire chi otterrà COVID-19 e chi no, insieme al fatto che i risultati saranno lievi o gravi.

Scavando più a fondo, i ricercatori hanno ipotizzato che potrebbe esserci una stranezza di DNA che “è entrata nella popolazione umana per flusso genico da Neanderthal o Denisovans che si è verificata da 40.000 a 60.000 anni fa”.

In un processo darwiniano, questa specifica variazione di DNA si è potenzialmente avvolta in parti sostanziali della popolazione mondiale e ha continuato senza alcun impatto evidente, forse fino ad ora, e in questo frangente viene considerata una debolezza fondamentale per gli effetti negativi di COVID-19.

Come sottolinea lo studio, se alla fine il loro sospetto si è dimostrato valido, secondo quanto riferito, “il flusso genico dai Neanderthal ha conseguenze tragiche”.

Ancora una volta, ti preghiamo di comprendere che questa è solo una teoria funzionante e non ancora confermata scientificamente.

In un certo senso, possiamo essere solidali con gli sforzi di ricerca che stanno cercando ampiamente di trovare possibili spiegazioni alla base della vulnerabilità del coronavirus. Data la vastità e gli impatti orribili della pandemia, mirare a non lasciare nulla di intentato sembrerebbe un colpo utile, anche se solo vagamente probabile e in alcuni casi si rivelerà, alla fine, fuorviato.

Forse ti starai chiedendo che se scoprissimo che questo DNA di Neanderthal era un colpevole legittimo, a che cosa servirebbe sapere a riguardo?

Non hai intenzione di cambiare durante la notte il tuo DNA o fare una sorta di morphing degli X-Men per alterare la tua composizione genetica per evitare COVID-19.

La buona notizia sarebbe che, sapendo che esisteva un tale legame tra DNA, il pubblico potrebbe potenzialmente intraprendere test del DNA per accertare chi ha l’attributo genomico e quindi prepararsi di conseguenza.

Se scoprissi che il DNA si nasconde dentro di te, avrebbe senso prendere precauzioni straordinarie per evitare di entrare in contatto con il virus mortale. Nel frattempo, quelli che non avevano l’indicatore del DNA sarebbero stati meno preoccupati, anche se siamo chiari che anche quelli che non lo hanno sarebbero potenzialmente in grado di contrarre la malattia e soffrirne (quindi, per chiarimento, la presenza di il DNA suggerisce che sei particolarmente vulnerabile, mentre l’assenza non implica che tu sia invulnerabile).

In breve, l’incidenza di un certo elemento del DNA potrebbe produrre uno di questi tre risultati:

· Suscettibilità relativa

· Neutro

· Impermeabilità relativa

Discutiamo brevemente di questi tre aspetti.

In primo luogo, il sospetto pezzo di DNA di Neanderthal potrebbe prestarsi a una persona che ospita il genoma per essere considerato suscettibile al COVID-19, che è ciò che propongono i ricercatori di quello studio.

In secondo luogo, data la quantità di componenti del DNA che tutti noi abbiamo, il presupposto è che alcune parti del nostro DNA potrebbero essere considerate neutre rispetto a COVID-19, offrendo livelli di rischio né elevati né ridotti.

In terzo luogo, c’è la possibilità che un elemento del tuo DNA possa fornire ulteriori protezioni che ti renderebbero generalmente resistente al COVID-19 (non è ciò che propone lo studio di Neanderthal, ma certamente potrebbe sorgere una tale teoria, cioè che potrebbe esserci altro DNA elementi che potrebbero aiutare qualcuno a resistere straordinariamente al virus).

È improbabile che un tale aspetto del DNA ti renderebbe totalmente invulnerabile e quindi useremo la frase “relativamente impermeabile” per suggerire semplicemente che potresti avere una costituzione più forte a causa del fatto di avere il DNA, quindi avere un rischio ridotto associato alla contrazione e durature conseguenze avverse del coronavirus.

Cambiando marcia, considera che in questa discussione finora, il presupposto è stato che il tuo DNA comporta reazioni a una manifestazione fisiologica di un virus.

Una svolta aggiuntiva implica se potrebbero esserci anche conseguenze cognitive o psicologiche.

Supponiamo che alcune persone abbiano un pezzo di DNA che li rende più inclini a problemi cognitivi. Questa è una questione che è stata e continua ad essere studiata come parte della ricerca sulla demenza e altre difficoltà e disturbi mentali che sembrano verificarsi nell’uomo (vedi la mia descrizione a questo link qui ).

Il punto è che il nostro DNA può avere un impatto in due modi:

· Fisiologico (sui nostri corpi)

· Psicologico (sulla nostra mente e cognizione)

Quindi, potresti avere un DNA ereditato da Neanderthal che ti rende predisposto a un virus trasmesso fisicamente come COVID-19, o forse avere un DNA a portata di mano che ha una predisposizione per menomazioni mentali come la demenza.

Non voler sembrare troppo solenne, ma il tuo DNA può facilmente essere incline a manifestazioni sia fisiologiche che psicologiche, e non possiamo affermare arbitrariamente che si tratti di condizioni reciprocamente esclusive. Nel complesso, potresti avere del DNA che può essere impregnato di alcuni fattori scatenanti legati a implicazioni fisiche e alcuni legati a quelli orientati al pensiero.

Un altro breve punto prima di riunire tutto questo in un arco ordinato e ordinato, c’è la questione se sappiamo persino che esiste una variazione del DNA e che cosa le sue predisposizioni presagiscono.

In questa dimensione, ci sono due principali possibilità:

· Predisposizione nota (scoperta)

· Predisposizione sconosciuta (in agguato)

Ok, quindi potresti avere il DNA che è noto per avere una predisposizione e ti rende suscettibile a un risultato fisiologico (questa è la teoria di funzionamento sull’elemento del DNA di Neanderthal, anche se, al momento, dovremmo dire che è sconosciuto predisposizione, che probabilmente si nasconde in alcuni di noi, ma ci sono ancora prove scientifiche complete per supportare adeguatamente tale affermazione).

Confido che tu possa immaginare le varie permutazioni e combinazioni associate a queste variabili, permettendoti di combinare i criteri di predisposizione noti contro sconosciuti con gli impatti fisiologici e / o psicologici, che quindi produrrà uno qualsiasi dei risultati considerati del relativo suscettibilità o essere neutro o essere in qualche modo impermeabile.

Wow, è un boccone.

Sei pronto per una vera svolta a sinistra non ha visto quella svolta imminente?

Alcuni credono che gli esseri umani potrebbero avere un DNA che si nasconde in alcuni di noi e che verrà innescato all’avvento dell’IA.

In sostanza, forse c’è un filamento di DNA di Neanderthal che si è nascosto all’interno di alcuni di noi, non avendo altrimenti avuto alcun motivo per essere innescato o rilevato, e che al raggiungimento dell’IA, vale a dire l’Intelligenza Artificiale che è pienamente senziente (per saperne di più su questo aspetto vede la mia discussione qui ), quegli umani si troveranno innescati.

Potresti paragonarlo a quelli che potrebbero avere il DNA innescato dal virus COVID-19.

A parte questo, è in qualche modo polemico se descrivere questo DNA come “innesco” sia la parola giusta, alcuni direbbero, e il DNA non ha bisogno di far accadere qualcosa, mentre invece il DNA sta permettendo pacificamente qualcosa a accadere. Ad ogni modo, per semplicità, andiamo avanti e usiamo la parola “trigger”, ma ricordiamo le sfumature della semantica coinvolta.

Va bene, quindi abbiamo questa teoria funzionante che al raggiungimento dell’IA, che alcuni credono accadrà in un momento che viene indicato come la singolarità (vedi la mia spiegazione qui a questo link ), alcune persone nella società saranno attivate di conseguenza a causa del loro DNA .

Assurdo, qualche esortazione.

Un’altra risposta spesso pronunciata è quella del semplice nocciolatoio puro o puro.

Altri sottolineano che si tratta di una proposta ragionevole e degna di attenzione rapita.

Come mai?

Bene, abbiamo già apparentemente concordato che il tuo DNA potrebbe avere predisposizioni sconosciute.

Sembra eminentemente logico.

E abbiamo apparentemente concordato che il DNA può consentire uno o entrambi gli impatti fisiologici o psicologici.

Anche questo sembra ragionevole.

Il risultato risultante può essere che il DNA tende alla suscettibilità, o potrebbe essere neutro, o potrebbe essere impermeabile a qualunque sia il meccanismo scatenante.

Pertanto, potrebbe esserci una parte della popolazione mondiale di oggi che ha ereditato il DNA di cui non sappiamo ancora nulla e per il quale una volta esposti all’intelligenza artificiale innescerebbe una risposta psicologica e sarebbe suscettibile.

Va bene, se è così, cosa prefigurerebbe?

Per quelli di voi che sono preoccupati che l’IA sia una minaccia potenzialmente esistenziale, un notevole scrupolo espresso con urgenza, ad esempio Elon Musk (vedi la mia analisi della sua convinzione spesso vocalmente sul link qui ), potrebbe significare che l’avvento di una piena l’IA manifestata avrebbe afferrato quel segmento di umanità.

Quelli con il DNA suscettibile potrebbero diventare zombi mentali controllati dall’intelligenza artificiale, facendo l’offerta dell’IA, o almeno essere più inclini a voler placare l’IA.

Poiché la nozione di zombi sembra particolarmente inverosimile e fa sì che molti rifiutino immediatamente l’ipotesi generale, possiamo rimanere fedeli all’idea che tra l’umanità e quando verrà il momento dell’intelligenza artificiale, potrebbero esserci alcune persone che saranno più disposte ad aderire all’intelligenza artificiale e meno probabili voler resistere o respingere l’IA .

Alcuni paragonano quelle persone al famigerato Borg della serie Star Trek (un ritratto fantascientifico di entità viventi che diventano parte di un collettivo).

Tra l’intera popolazione mondiale e nel momento in cui si verifica questa presunta singolarità , apparentemente ci saranno alcuni umani che diffidano dell’IA e cercheranno di fermarlo o di superarlo, e alcuni che saranno neutrali sulla questione, mentre altri lo faranno abbracciarlo volentieri e apertamente.

La teoria è che questa predisposizione potrebbe essere eventualmente accertata in larga misura dal nostro DNA.

Potresti trovare questa nozione non plausibile e sostenere che le persone sceglieranno indipendentemente e senza riguardo al loro DNA sottostante se saranno a favore o sfavore del grande aspetto dell’IA.

Forse il DNA non ha assolutamente nulla a che fare con esso.

D’altra parte, sembra impossibile confutare che il DNA non ha nulla a che fare con esso.

Questo è un po ‘un enigma nel fatto che se non riesci a confutare il coinvolgimento del DNA, ti rimane il tentativo di provare il coinvolgimento del DNA, altrimenti l’intera faccenda è solo pura congettura.

Al momento, non sembra esserci nessuno che faccia seriamente studi sul DNA per determinare questa possibilità di un’ipotesi scatenante l’IA, e probabilmente dovremmo essere felici che nessuno lo sia poiché è necessario affrontare questioni più concrete e di breve termine come DNA e COVID-19 dovrebbero essere giustamente la nostra priorità più alta oggi.

Naturalmente, per coloro che percepiscono l’IA come questa minaccia esistenziale incombente e in pericolo di estinzione in tutto il mondo , potrebbero obiettare che mentre avere una focalizzazione dedicata sul breve termine è piuttosto importante, trascurare un ulteriore sguardo al futuro è miope.

È indubbiamente l’argomento classico secondo cui l’umanità potrebbe vincere una battaglia, ma alla fine finisce per perdere la guerra.

Accidenti, se i desideri potessero avverarsi, sarebbe certamente utile avere i mezzi per studiare o sperimentare questa colossale teoria di innesco dell’IA.

Aspetta un secondo, forse c’è.

Ecco una proposta interessante: l’avvento delle vere auto a guida autonoma basate sull’intelligenza artificiale offre uno scenario di microcosmo per esplorare le teorie che innescano l’IA?

Disimballiamo la questione e vediamo.

Comprensione dei livelli di auto a guida autonoma

A titolo di chiarimento, le vere auto a guida autonoma sono quelle che l’IA guida l’auto da sola e non c’è assistenza umana durante l’attività di guida.

Questi veicoli senza conducente sono considerati di Livello 4 e Livello 5 (vedere la mia spiegazione a questo link qui ), mentre un’auto che richiede a un guidatore umano di condividere lo sforzo di guida viene generalmente considerata a Livello 2 o Livello 3 . Le auto che condividono il compito di guida sono descritte come semi-autonome e in genere contengono una varietà di componenti aggiuntivi automatizzati che sono denominati ADAS (Advanced Driver-Assistance Systems).

Non c’è ancora una vera auto a guida autonoma al Livello 5, che non sappiamo ancora se sarà possibile raggiungere questo obiettivo, né quanto tempo ci vorrà per arrivarci.

Nel frattempo, gli sforzi di livello 4 stanno gradualmente cercando di ottenere una certa trazione sottoponendosi a prove della strada pubblica molto strette e selettive, anche se ci sono polemiche sul fatto che questo test debba essere consentito di per sé (siamo tutti cavie morte o morte in un esperimento che si svolgono sulle nostre autostrade e strade secondarie, alcuni sottolineano, vedere la mia indicazione a questo link qui ).

Poiché le auto semi-autonome richiedono un guidatore umano, l’adozione di questi tipi di auto non sarà nettamente diversa dalla guida di veicoli convenzionali, quindi non c’è molto di nuovo di per sé su questo argomento (tuttavia, come vedrai in un momento, i punti successivi saranno generalmente applicabili).

Per le auto semi-autonome, è importante che il pubblico abbia bisogno di essere avvertito di un aspetto inquietante che si è verificato di recente, vale a dire che, nonostante quei guidatori umani che continuano a pubblicare video di se stessi addormentarsi al volante di un’auto di Livello 2 o Livello 3 , dobbiamo tutti evitare di essere indotti in errore nel credere che il conducente possa distogliere la propria attenzione dal compito di guida durante la guida di un’auto semi-autonoma.

Sei la parte responsabile per le azioni di guida del veicolo, indipendentemente da quanta automazione possa essere lanciata in un Livello 2 o Livello 3.

Auto a guida autonoma e trigger AI

Per i veicoli a guida autonoma di livello 4 e 5, non ci sarà un guidatore umano coinvolto nel compito di guida.

Tutti gli occupanti saranno passeggeri.

L’intelligenza artificiale sta guidando.

Una domanda aperta sulle auto a guida autonoma dell’IA è se l’IA deve essere senziente e aver raggiunto la tanto decantata singolarità per rendere possibili vere auto a guida autonoma (per il mio punto di vista su questo, vedi il link qui ).

Se credi che la senzienza debba prima verificarsi, posso dirti ora che non dovresti trattenere il respiro per l’emergere di vere auto a guida autonoma.

Lo dico perché non siamo vicini al raggiungimento di quel tipo di AI, spesso al giorno d’oggi denominato Artificial General Intelligence (AGI) .

Oggi, non abbiamo alcuna parvenza di AGI, come c’è una dolorosa mancanza di ragionamento di buon senso nell’intelligenza artificiale , un elemento cruciale che gli umani hanno chiaramente (quando faccio questo punto, alcuni ridacchiano subito e osservano che dubitano di molti intorno a loro hanno buon senso, ma metto da parte quella visione smarmy e credo che tutti possiamo essere d’accordo sul fatto che esiste qualcosa di praticamente noto come buon senso).

Ok, se siamo molto lontani dall’AGI, questo implica che siamo morti nell’acqua quando si tratta di avere auto a guida autonoma AI?

Non necessariamente.

Ecco perché.

Tieni presente che le auto a guida autonoma di livello 4 sono considerate una versione limitata della guida autonoma e fanno affidamento su ciò che viene chiamato Domini di progettazione operativa (ODD) come meccanismo di scoping per le loro capacità (per la mia indicazione su questo, vedi il link qui ). In breve, una casa automobilistica o un’impresa tecnologica a guida autonoma può dichiarare che la propria auto a guida autonoma e l’intelligenza artificiale associata funzioneranno solo in determinate condizioni o in un ODD definito, come all’interno di un’area del centro appositamente pre-mappata, durante il giorno, e non quando piove o nevica.

Questa definizione di confini guidabili è un modo utile per limitare le dinamiche dell’ambiente di guida e può anche impedire all’intelligenza artificiale di diventare troppo complicata da mettere insieme.

Pertanto, alcuni affermerebbero che il livello 5 potrebbe essere l’arena che richiede qualcosa di simile all’AGI, mentre il livello 4 forse no. In sostanza, il livello 5 è l’insieme di tutti gli ODD , anche se questo non è del tutto appropriato poiché è necessario sapere che ci sono esclusioni accantonate nello standard stesso (come la guida fuoristrada non è inclusa nell’ambito dello standard, vedi di più alla mia analisi qui ).

Sembrerebbe plausibile che con l’IA come sappiamo approssimativamente come costruirla oggi, dovremmo essere in grado di ottenere il livello 4 in ODD strettamente determinati per funzionare in modo sicuro e con una parvenza accettabile di rischio per la società (per le considerazioni sui rischi, vedere la mia descrizione a questo link qui ).

Ritornando alla precedente discussione sul DNA e innescando tramite AI, sembrerebbe altamente improbabile che l’AGI riverito o forse temuto sia nelle carte in qualsiasi momento presto, e quindi apparentemente non ci sono mezzi praticabili per fare alcun test iniziale sulla questione.

Bene, se sei disposto a considerare le auto a guida autonoma di livello 4 come un precursore di AGI, e poiché il livello 4 tramite ODD limitati sembra ragionevolmente praticabile nel breve e medio termine, potremmo essere in grado di utilizzare l’auto-guida le auto come barometro dopo tutto.

In breve, un’affermazione proposta è che l’adozione di vere auto a guida autonoma basate sull’intelligenza artificiale della varietà di livello 4 sarà un mezzo per giudicare se le persone saranno eventualmente innescate dall’intelligenza artificiale, lievemente nel caso del livello 4, ma servendo come presagio di ciò che potrebbe venire più in là nel luccio con AGI.

Anche se non si acquista nel DNA come meccanismo nascosto, forse è ragionevole ammettere che almeno il Livello 4 sarà il canarino nella gabbia di misurare l’accettazione generale dell’IA in generale.

Conclusione

Ti svegli una mattina e vedi alcune auto a guida autonoma che girano intorno al tuo quartiere.

È meraviglioso e sorridi da un orecchio all’altro, felice di vederli.

La tua reazione è dovuta logicamente e razionalmente alla conclusione di tale conclusione, o una parte in agguato del tuo DNA discendente di Neanderthal ti sta spingendo ad accettare volentieri l’IA e spronarti impulsivamente ad accogliere con gioia questi nuovi intrusi basati sull’intelligenza artificiale?

Potrebbe essere che sei sensibile al trigger psicologico basato su una parte ancora sconosciuta e oscura del tuo DNA ereditato.

C’è l’altro lato di quella moneta, vale a dire che potresti avere il DNA che ti fa maledire quelle auto a guida autonoma e farti esplodere e vedere se riesci a fermarle .

Per non sembrare del tutto fantasioso, ecco un osso veloce da masticare.

La polarizzazione acrimonica nella società di oggi potrebbe essere semplicemente dovuta al solo caso, o potremmo essere divisi tra di noi dal DNA di Neanderthal ereditato che è stato innescato negli ultimi tempi?

Speriamo di poter trovare un modo per superare la polarizzazione, altrimenti potremmo diventare una specie estinta e poi, lungo la strada, forse qualche AI sopravvissuto onnisciente potrebbe guardare indietro un giorno e ridacchiare che alla fine e inconsapevolmente siamo condannati dal nostro Precursori di Neanderthal.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi