Home / AI in Azienda / Facebook e l’IA per salvare le foto in cui si chiudono gli occhi

Facebook e l’IA per salvare le foto in cui si chiudono gli occhi

Facebook può usare l’intelligenza artificiale per aprire gli occhi nei selfie lampeggianti

L’ultima ricerca sull’apprendimento automatico della società potrebbe salvare molte pessime foto
Facebook farà tutto il possibile per incoraggiarti a condividere più contenuti – persino, si scopre, usando l’intelligenza artificiale per salvare le fotografie rovinate da un battito di ciglia accidentale.

In un documento di ricerca pubblicato questa settimana, una coppia di ingegneri di Facebook descrive un nuovo metodo che utilizza l’apprendimento automatico per ritoccare gli occhi chiusi nelle foto. Il metodo è appena in fase di ricerca a questo punto, ma mentre non c’è alcuna garanzia che Facebook introdurrà una tale funzionalità nel suo sito web o nelle sue app, questa sembra una grande possibilità. Come notano i ricercatori, ci sono già un sacco di strumenti per ritoccare le foto in grado di rimuovere gli occhi rossi o appianare le imperfezioni, quindi perché non c’è uno che risolve il problema dei lampeggiamenti accidentali?

Il sistema funziona utilizzando un metodo di apprendimento automatico chiamato rete generativa avversaria o GAN. Questa è una tecnica che si è rivelata particolarmente abile nel generare immagini, ed è già stata messa al lavoro per creare celebrità false , cambiare il tempo nei video e persino disegnare abiti . L’ammiccamento non è affatto una sfida.

Il sistema di Facebook si allena sulle immagini del bersaglio con gli occhi aperti, quindi applica i dati alle foto quando lampeggiano.
Immagine: Facebook
Affinché il sistema possa modificare correttamente una foto, per prima cosa deve sapere come appaiono gli occhi di un utente. Ciò significa che la formazione su immagini di persone quando sono non lampeggiante. Da questo, il software ottiene un’idea della loro forma e colore degli occhi e può quindi riempire tali informazioni per immagini lampeggianti. (Questo processo è indicato come “in-painting”.) Non è una soluzione perfetta e l’IA lotta per montare occhiali, lunghe frange e facce ad angoli estremi. Ma quando funziona, crea falsi incredibilmente realistici come quelli che vedi sopra.

Le modifiche all’IA come questa diventeranno sempre più comuni. Aziende di software come Adobe e Pixelmator stanno lavorando su una serie di funzionalità di machine learning che consentono a chiunque di modificare le immagini con poca abilità tecnica. In un futuro non troppo lontano, l’intelligenza artificiale farà non solo piccoli cambiamenti ma genererà foto e video completamente nuovi.

Ciò creerà ovviamente alcuni problemi per la società poiché diventa più facile per chiunque falsificare le prove visive. Ma ha anche sfide a breve termine, incluso Facebook. Dopotutto, la società apprezza spesso il suo sito come una casa per l’espressione autentica, quindi darà alla gente strumenti di intelligenza artificiale per cambiare il loro aspetto? E se sì, dove disegnerà la linea? Modificare un battito di ciglia sembra abbastanza innocuo, ma i cambiamenti più sostanziali potrebbero essere problematici. L’editing AI è appena iniziato.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi