Home / Economia / Facebook si compra Bloomsbury AI specializzata nell’elaborazione del linguaggio naturale

Facebook si compra Bloomsbury AI specializzata nell’elaborazione del linguaggio naturale

Facebook acquisisce un’azienda AI con base a Londra per aiutarla a capire meglio il linguaggio umano

Facebook ha annunciato oggi di aver acquisito la società di intelligence artificiale londinese Bloomsbury AI, specializzata nell’elaborazione del linguaggio naturale. Secondo un post della pagina ufficiale di Facebook Academics , la società afferma che “l’esperienza di Bloomsbury rafforzerà gli sforzi di Facebook nella ricerca dell’elaborazione del linguaggio naturale e ci aiuterà a capire meglio il linguaggio naturale e le sue applicazioni.” In altre parole, mentre Facebook continua a consegnare più piattaforma doveri di moderazione rispetto agli algoritmi, la tecnologia AI sottostante a questi algoritmi ha ancora una lunga strada da percorrere. TechCrunch ha originariamente riportato l’acquisizione di ieri.

Nella comunità di IA, Facebook è uno dei più grandi giocatori, con posizioni presso l’azienda di Facebook AI Research, o FAIR, organizzazione che controlla salari di grandi dimensioni e progetti che abbracciano i settori più avanzati di deep learning, elaborazione del linguaggio naturale e altri popolari sottocampi. Per Facebook, il grande obiettivo è avere una IA così abile nel comprendere immagini, video e testo che possa effettivamente moderare l’intera piattaforma del social network, inclusi Facebook, Instagram e le sue molte altre proprietà.

Al momento, decine di effettivi esseri umani, spesso appaltatori all’estero, hanno il compito di supervisionare i contenuti di Facebook. Questi team ispezionano materiale segnalato e segnalato e prendono decisioni difficili su ciò che costituisce discorso di odio o notizie false, se un post viola le regole di Facebook e quando qualcosa può essere un’opera d’arte e non, per esempio, la pornografia. Mentre Facebook rafforza le sue capacità di intelligenza artificiale, tuttavia, più di quel lavoro sarà eseguito da algoritmi. Ma prima, Facebook ha bisogno del suo software per capire meglio il linguaggio, l’intento oltre quel linguaggio, e altri problemi molto difficili ancora fuori portata per la maggior parte dell’IA moderna.

Non è immediatamente chiaro dove Bloomsbury si inserirà nella foto qui, anche se TechCrunch nota che il co-fondatore di Bloomsbury AI, Sebastian Riedel, ha anche contribuito a creare una società chiamata Factmata che è stata progettata per aiutare a eliminare le notizie false. Facebook ha un’unità FAIR presso i suoi uffici di Londra, e il post annuncio dice che il lavoro di Bloomsbury si è finora concentrato sulla “lettura e comprensione di documenti non strutturati in linguaggio naturale per rispondere a qualsiasi domanda”. Quindi è facile vedere come ciò potrebbe tornare utile quando si analizza l’enorme quantità di contenuti caricati dall’utente sul social network ogni giorno. Facebook sta lavorando anche a un oratore domestico con supporto AI con display, nella vena di Echo Show, nome in codice Portal, e la sua possibile squadra di Bloomsbury possono lavorare su quel prodotto per migliorare la sua capacità di comprendere i comandi vocali e restituire risposte con un discorso dal suono naturale.

 

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi