Home / AI tecnologia / Gli Stati Uniti equipaggeranno i droni MQ-9 Reaper con intelligenza artificiale

Gli Stati Uniti equipaggeranno i droni MQ-9 Reaper con intelligenza artificiale

Gli Stati Uniti equipaggeranno i droni MQ-9 Reaper con intelligenza artificiale

Il Joint Artificial Intelligence Center del Pentagono ha assegnato un contratto da 93,3 milioni di dollari alla General Atomics Aeronautical Systems Inc (GA-ASI), creatori dell’MQ-9 Reaper, per equipaggiare il drone con la nuova tecnologia AI. L’obiettivo è che il Mietitore sia in grado di effettuare un volo autonomo, decidere dove dirigere la sua batteria di sensori e riconoscere gli oggetti a terra. Il contratto, annunciato alla fine del mese scorso, si basa su un test di successo all’inizio di quest’anno.

In un certo senso questo non è uno sviluppo importante, più un passo incrementale utilizzando la tecnologia esistente. Ciò che lo rende significativo è il drone che viene equipaggiato e cosa sarà in grado di fare in seguito.

I droni militari sono notoriamente arretrati quando si tratta di intelligence a bordo, anche rispetto ai loro piccoli cugini nel mondo dei consumatori. Puoi acquistare un drone come lo SkyDio 2 che può effettuare un volo completo da solo, decollando e agganciarsi al proprietario per riprenderlo in autonomia mentre fa surf, sci o skateboard, per poi atterrare automaticamente in seguito. Al contrario, i droni militari hanno bisogno di un pilota remoto per decollare e atterrare e un operatore del carico utile per puntare le telecamere e altri sensori verso il bersaglio (per non parlare del lancio di missili).

Il più grande fabbisogno di manodopera dei droni è PED – elaborazione, sfruttamento e diffusione – i team di analisti che guardano ore e ore di video ad alta risoluzione, cercando di determinare se le persone a terra stanno riparando una buca o piantando un IED, se qualcuno lo sta facendo portando un tubo di malta, un gioco di ruolo o solo un tratto di tubo e sfide simili. Questo è qualcosa con cui l’IA, in particolare l’apprendimento automatico, potrebbe aiutare.

A settembre, l’Air Force ha annunciato che la General Atomics aveva pilotato per la prima volta un Reaper dotato di un nuovo dispositivo noto come pod Agile Condor sotto la sua ala.

Agile Condor , che è stato sviluppato dall’Air Force Research Laboratory per alcuni anni, è effettivamente un supercomputer volante – “calcolo integrato ad alte prestazioni” – ottimizzato per applicazioni di intelligenza artificiale. Costruito da SRC Inc, racchiude la massima capacità di elaborazione nel minimo spazio, con i requisiti di alimentazione più bassi possibili. La sua architettura modulare è costruita attorno all’apprendimento automatico (suggerendo molte GPU o altri processori ottimizzati per l’elaborazione parallela) ei produttori anticipano gli aggiornamenti all’hardware di calcolo neuromorfico che imita il cervello umano.

Uno degli obiettivi chiave di Agile Condor è accelerare il processo PED. La massa di dati viene trasmessa a un centro operativo, nella misura in cui la larghezza di banda lo consente, e quindi analizzata per estrarre le informazioni. L’intelligenza artificiale di Agile Condor dovrebbe essere in grado di fare tutto ciò all’istante senza dover inviare i dati ovunque.

“Invece di impiegare ore, a volte giorni o addirittura settimane, ora le decisioni possono essere prese quasi in tempo reale. Se il sistema rileva un’anomalia a terra, i combattenti vengono allertati in pochi minuti, consentendo loro di indagare e agire finché è ancora rilevante “, secondo la pagina di SRC su Agile Condor .

Apre anche la possibilità che il Mietitore operi da solo. Una diapositiva dell’Air Force del concetto di operazioni Agile Condor mostra che il drone perde sia il collegamento di comunicazione che la navigazione GPS all’inizio della sua missione. Un Razziatore esistente avrebbe girato sul posto o sarebbe tornato indietro per cercare di ristabilire le comunicazioni; la versione potenziata dall’intelligenza artificiale utilizza la sua intelligenza artificiale per navigare utilizzando i punti di riferimento e trovare l’area di destinazione, oltre a individuare le minacce a terra e modificare il percorso di volo per evitarle.

L’Agile Condor è stato evidentemente un successo e il nuovo contratto suggerisce che l’Air Force vuole di più.

“Ciò porterà a un enorme aumento delle capacità dei sistemi senza pilota per le applicazioni nell’intera gamma di operazioni militari”, ha dichiarato JR Reid, Vicepresidente per lo sviluppo strategico di GA-ASI, in un comunicato stampa .

Ovviamente, quando la maggior parte delle persone pensa alle operazioni dei Razziatori, pensa agli attacchi dei droni contro terroristi e ribelli. Quando si tratta di armi autonome, la politica dichiarata dal Pentagono è sempre che un operatore umano prenderà sempre la decisione di licenziamento, questa politica ha una certa flessibilità : richiede semplicemente “livelli appropriati di giudizio umano”, qualunque cosa significhi.

Nessuno sta suggerendo che i Razziatori dotati di IA svolgeranno missioni di attacco autonome se la comunicazione è impossibile; ma questa potrebbe diventare una possibilità allettante con l’evolversi della tecnologia. E, come ha notato in precedenza Forbes, gli Stati Uniti hanno cambiato la loro posizione sulle esportazioni di Reaper, portando a una serie di recenti accordi, inclusi gli Emirati Arabi Uniti e persino il Marocco . Se è disponibile un aggiornamento AI, è probabile che ci saranno molti acquirenti. La capacità manterrebbe sicuramente il Mietitore davanti alla crescente concorrenza dei produttori di droni cinesi, turchi e israeliani, ma gli Stati Uniti potrebbero avere poca voce in capitolo sul modo in cui è stato utilizzato.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi