Home / AI tecnologia / Google Assistant sarà presto su un miliardo di dispositivi

Google Assistant sarà presto su un miliardo di dispositivi

Google Assistant sarà presto su un miliardo di dispositivi e i feature phone saranno i prossimi

Gli utenti attivi sono quadruplicati rispetto all’anno scorso, ma Google non rivelerà un numero concreto

All’inizio del CES, Google ha una presenza massiccia: monorotaie, uno stand tre volte più grande dell’anno scorso, e probabilmente una gigantesca pila di notizie da annunciare. Ma prima di tutte le notizie di prodotto attuali, l’azienda vuole battere il petto un po ‘annunciando alcuni numeri. Entro la fine del mese, si prevede che l’Assistente Google sarà su 1 miliardo di dispositivi, rispetto ai 500 milioni dello scorso maggio.

La nuova modalità interprete di Assistente Google può tradurre conversazioni, ma non è magia
Sono 900 milioni in più del numero che Amazon ci ha dato per Alexa . Ma proprio come Amazon, il numero di Google viene fornito con avvertimenti. In un’intervista con The Verge , Manuel Bronstein, vice presidente della società di Google Assistant, è arrivato a questo punto. “L’impronta più grande in questo momento è sui telefoni. Sui dispositivi Android, abbiamo un ingombro molto ampio “, dice. Egli caratterizza il rapporto tra telefoni come “la stragrande maggioranza” di quel miliardo di numeri, ma non lo specificherà più di questo. Sebbene egli sostenga che gli altoparlanti intelligenti e altri dispositivi domestici connessi costituiscono una porzione notevole e in crescita.

LA “STRAGRANDE MAGGIORANZA” DI QUEI MILIARDI DI DISPOSITIVI SONO TELEFONI ANDROID
Oltre al miliardo di traguardi, Google sottolinea anche che Assistant ora funziona in 30 lingue ed è disponibile in 80 paesi. Gli utenti attivi globali sono cresciuti quattro volte anno dopo anno. Quest’ultima statistica non è super utile, ovviamente, perché non sappiamo quale sia stato il numero di utenti attivi lo scorso anno.

Quindi mentre questi sono numeri nuovi, non sono necessariamente numeri informativi. Proprio come con Amazon, la cosa principale che puoi togliere è che Google ha raggiunto dimensioni abbastanza grandi da poter affermare di avere una piattaforma onesta nei suoi confronti. E quindi il prossimo passo è espandere quella piattaforma per lavorare su quanti più nuovi dispositivi possibili.

Per Google, il prossimo miliardo di dispositivi arriverà nei mercati emergenti, in particolare sui feature phone. Ecco cosa Bronstein ha da dire su di loro:

Oggi sul mercato ci sono un gran numero di feature phone: centinaia di milioni. … Ma se pensi di scrivere, leggere e digitare su quei feature phone, non è così semplice. E l’interazione voce-prima sta diventando sempre più importante in quei mercati, e stiamo iniziando a vedere la trazione lì. Inizieremo a parlare di più al Mobile World Congress, ma sicuramente c’è anche un’enorme opportunità per l’interazione vocale e la tecnologia assistiva in quei mercati.

Fino a febbraio non riceveremo tutti i dettagli di ciò che Google ha programmato per i feature phone. Ma nel frattempo, data la massiccia presenza di Google qui al CES, ci saranno sicuramente un sacco di altri annunci a cui prestare attenzione nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi