HYPERGANIC LANCIA AL PUBBLICO IL SUO SOFTWARE DI PROGETTAZIONE ALGORITMICA BASATO SULL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE
 
Lo sviluppatore di software di ingegneria Hyperganic ha annunciato il lancio pubblico di Hyperganic Core 3 , l’ultima iterazione del software di progettazione algoritmica basato sull’intelligenza artificiale dell’azienda.

Supportata da un round di finanziamento di 7,8 milioni di dollari lo scorso anno, la piattaforma software consente agli utenti di progettare parti stampabili in 3D utilizzando modelli algoritmici, fornendo un’alternativa al tradizionale processo di progettazione dei componenti. Si prevede che Hyperganic Core semplificherà in modo significativo i flussi di lavoro di ingegneria in settori come l’aerospaziale, consentendo la finalizzazione computazionale di geometrie complesse in pochi minuti garantendo prestazioni ottimizzate.

Dal 15 giugno Hyperganic Core 3 è ufficialmente aperto a un “numero limitato” di richiedenti pubblici per la prima volta. Scaricabile gratuitamente, l’implementazione graduale avverrà in batch di centinaia di utenti alla volta.

Lin Kayser, CEO di Hyperganic, ha dichiarato: “L’ingegneria algoritmica traduce le idee in progetti in pochi minuti, con l’ingegnere che stabilisce le regole e il computer che genera i risultati”.

Una sella per bicicletta stampata in 3D progettata in Hyperganic Core 2. Foto via Hyperganic.
La storia del nucleo iperganico

In sviluppo negli ultimi sette anni, la spina dorsale di Hyperganic Core è un kernel geometrico per scopi speciali basato su voxel 3D. Gran parte della piattaforma è scritta direttamente in Assembly, che è il linguaggio di programmazione di basso livello appena un gradino sopra il codice macchina binario (0 e 1). In quanto tale, è vicino al livello hardware e ottimizzato per un’ampia varietà di architetture di processori. Kayser afferma che funziona bene anche sul suo MacBook Air senza ventola.

La versione iniziale era Hyperganic Core 1. Il team (allora piccolo) ha lavorato a stretto contatto con vari produttori di stampanti 3D per garantire che la piattaforma fosse compatibile con il letto di polvere, la resina e i processi basati sull’estrusione.

Hyperganic Core 2 è stata la prima volta che il team di Kayser ha integrato un’interfaccia di codifica esterna con Visual Studio e C#. Il linguaggio è stato scelto perché semplice ma moderno e adatto allo sviluppo di software su larga scala. Questo è ciò che ha consentito all’azienda di crescere di sette volte negli ultimi 18 mesi, avendo ora assunto un intero dipartimento di ingegneri del software.

Dal Core 2, l’azienda ha anche creato corsi online completi che le persone possono utilizzare per allenarsi in ingegneria algoritmica. Da allora, centinaia di primi utenti sono stati invitati sulla piattaforma, molti dei quali hanno codificato i propri algoritmi di progettazione dell’IA per campi come l’aerospaziale e i beni di consumo.

Il mese scorso, Hyperganic ha collaborato con il principale produttore di stampanti 3D EOS per integrare Core con le stampanti 3D a fusione di letto di polvere laser di EOS . Le aziende hanno già utilizzato il software per progettare un intero motore a razzo aerospike, che è stato fabbricato su una macchina EOS.

Un motore a razzo aerospike stampato in 3D progettato utilizzando Hyperganic Core. Foto tramite EOS.
Democratizzazione del design generativo con Core 3

Con Core 3 ora disponibile al pubblico, chiunque abbia la volontà di farlo può imparare a progettare parti stampabili in 3D utilizzando l’ingegneria algoritmica. Kayser afferma che per gli utenti non commerciali e open source, Hyperganic Core sarà sempre gratuito. I clienti hanno anche la possibilità di monetizzare gli oggetti che progettano, nonché gli algoritmi personalizzati utilizzati per progettarli.

Kayser scrive: “Puoi condividere e rendere open source il tuo codice, e spero che molti di voi lo facciano, perché noi ingegneri dovremmo concentrarci su nuovi problemi da risolvere invece di sudare su cose che sono state fatte in passato”.

Primo piano del motore a razzo stampato in 3D. Foto tramite EOS.
Nonostante il suo lancio a caldo, Hyperganic Core non è l’unico software di progettazione generativa in circolazione. Il pesce più grande dello stagno è nTopology , che ha recentemente introdotto la sua tecnologia reticolare di terza generazione per la stampa 3D . Progettati per essere facili e veloci da usare, i nuovi strumenti di progettazione del reticolo mirano a fornire agli utenti un maggiore controllo su strutture reticolari complesse per le applicazioni DfAM.

L’anno scorso, lo sviluppatore di software di ingegneria Autodesk ha annunciato un’enorme riduzione del prezzo dell’80% per il proprio software di progettazione algoritmica, Generative Design Extension di Fusion 360 . Lanciata in commercio nel 2018 per un abbonamento annuale di $ 8.000 all’anno, l’estensione basata sull’intelligenza artificiale è sempre stata relativamente inaccessibile a chiunque non sia le principali aziende di ingegneria e produzione.

Di ihal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi