Home / Economia / Il produttore di chip cinese Horizon sta cercando di raccogliere 700 milioni di dollari per attaccare la supremazia americana sui chip

Il produttore di chip cinese Horizon sta cercando di raccogliere 700 milioni di dollari per attaccare la supremazia americana sui chip

Mentre le aziende cinesi di semiconduttori cercano di raccogliere fondi, cosa significa per la guerra dei chip?

Il produttore di chip cinese Horizon sta cercando di raccogliere 700 milioni di dollari attraverso finanziamenti C round dopo che l’unicorno di cinque anni ha ricevuto $ 150 milioni nel round A. La notizia arriva in un momento in cui la Cina cerca di diventare autosufficiente e indipendente dai produttori di chip occidentali a causa del Le varie sanzioni statunitensi che hanno limitato la fornitura di chip nel paese.

Le tecnologie emergenti svolgono un ruolo fondamentale nella geopolitica moderna e chiunque abbia le risorse per costruire queste tecnologie, inclusi i chip di elaborazione, è in vantaggio rispetto ad altri. Pertanto, il controllo del mercato dei chip nel 21 ° secolo potrebbe rivelarsi cruciale quanto il controllo del petrolio nel 20 ° secolo.

L’articolo cerca di analizzare le implicazioni geopolitiche della “guerra dei chip” tra Stati Uniti e Cina e cosa significherebbe per la situazione generale lo sforzo compiuto dalle società cinesi di semiconduttori per raccogliere fondi per la produzione di chip avanzati.

Gli Stati Uniti stanno cercando di fermare i progressi tecnologici della Cina
Fino ad ora, gli Stati Uniti hanno avuto il monopolio del mercato dei chip e questo gli conferisce un enorme vantaggio geopolitico rispetto ad altri. Anche se la produzione veniva effettuata in diversi paesi, l’intelligence e i componenti chiave provenivano dagli Stati Uniti.

In tempi recenti, gli Stati Uniti hanno sfruttato questa situazione a proprio vantaggio dichiarando sanzioni per limitare il numero di chip di elaborazione a cui i loro rivali possono avere accesso in modo da poter controllare il loro progresso tecnologico.

La “guerra dei chip” che ne è derivata ha portato gli Stati Uniti a vietare alla Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) e ad altri produttori di chip di fornire alla Cina qualsiasi chip che utilizzi apparecchiature americane. La scorsa settimana, gli Stati Uniti hanno bandito la Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC) di Pechino dall’acquisto di componenti critici da parte dei fornitori statunitensi, obbligando gli esportatori statunitensi a richiedere una licenza.

Questi sviluppi hanno esercitato un’enorme pressione sulla Cina e principalmente su Huawei, l’azienda cinese di smartphone, la cui produzione è stata ostacolata poiché stanno esaurendo i chip del processore per costruire i loro telefoni. Questa è diventata una questione centrale nella situazione di stallo geopolitico tra Washington e Pechino.

Queste mosse degli Stati Uniti sono in linea con altre iniziative come la sua partecipazione al D10 , un’alleanza di dieci democrazie formata esplicitamente per esplorare alternative alla tecnologia 5G sviluppata da Huawei. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha dichiarato di essere disposto a concedere licenze agli esportatori per qualsiasi prodotto che non verrà utilizzato per il 5G di Huawei.

Pertanto, sembra che gli Stati Uniti siano determinati a contrastare qualsiasi sforzo compiuto dalla Cina o dalle società cinesi per sviluppare tecnologie avanzate. Questo li aiuta a ottenere un migliore vantaggio geopolitico mentre forma alleanze legate alla tecnologia con altre democrazie.

L’impulso della Cina a crescere
Mentre le democrazie statunitensi e occidentali resistono ai progressi tecnologici della Cina, lo sforzo di Horizon e di altre società di semiconduttori in Cina per raccogliere fondi è indicativo della sua intenzione di reagire. Se deve ottenere un effettivo vantaggio geopolitico, la Cina deve svolgere un ruolo più rilevante che essere una fabbrica a basso costo per la produzione di chip. In passato, la Cina ha dimostrato di poterlo fare.

“In questo momento, l’industria cinese dei chip è dove si trovava l’industria del software cinese un decennio fa”, ha detto Abishur Prakash , futurista geopolitico in una conversazione con Analytics India Magazine.

“A quel tempo, nessuno immaginava che il software cinese emergesse e potesse competere con ciò che gli Stati Uniti avevano da offrire. Nella stessa luce, mentre gli Stati Uniti tagliano fuori la Cina dai chip, Pechino sta raddoppiando per sviluppare le sue capacità di produzione di chip nazionali “, ha aggiunto.

Anche se gli Stati Uniti stanno facendo molti alleati tecnologici e stanno giocando offensivi, è improbabile che la Cina si impantani. Mentre solo il 16% dei chip per computer utilizzati nel 2019 in Cina sono stati prodotti a livello nazionale, la Cina ha un piano per garantire che questo numero sia del 70% entro il 2025. Il mese scorso, FT ha anche riferito sul piano di Huawei di creare un proprio impianto di chip per aggirare il Sanzioni statunitensi.

Quindi, potrebbe volerci del tempo, ma la Cina ha il potere e la volontà di liberarsi dalla dipendenza occidentale e creare il proprio mercato. “Fino ad allora, le guerre dei chip riguardano davvero gli Stati Uniti che bloccano l’ascesa della Cina con la tecnologia e, d’altra parte, la Cina cerca di sfidare il dominio degli Stati Uniti attraverso la tecnologia”, ha detto Prakash.

Riassumendo

Mentre le sanzioni commerciali per la produzione di chip sono state imposte da Donald Trump, ci sono varie speculazioni su come il presidente eletto Joe Biden tratterà con la Cina. Gli esperti ritengono che Biden potrebbe indebolirsi con la Cina, ma le tensioni sulla tecnologia probabilmente non scompariranno.

Con la partecipazione degli Stati Uniti a D10 e Global Partnership in Artificial Intelligence (GPAI), e la rinascita del Quad utilizzando varie alleanze di condivisione di informazioni e tecnologia, che escludono la Cina, gli Stati Uniti hanno preso la direzione di creare un narrativa di alleanze democratiche per contrastare l’influenza della Cina.

Potrebbe seguire un approccio mirato con gli alleati americani, con l’obiettivo più ristretto di tenere la tecnologia più avanzata fuori dalle mani della Cina . Ma questo è molto più complesso di quanto sembri. Mentre alleati come Taiwan si sono schierati con gli Stati Uniti (per ora) dopo che TSMC e le aziende di chip sono state bandite dal fornire la Cina, la Corea del Sud ha ritenuto la mossa “ inaccettabile ” a causa dei profitti che ricava dalle vendite e dell’aiuto che ottiene dalla Cina per mantenere il Nord Corea sotto controllo.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi