Il nuovo capo dell’IA di Apple ora supervisiona i team di Siri, Core ML e machine learning

Apple ha unito le sue varie divisioni di intelligenza artificiale in una nuova struttura guidata dal recente ingaggio John Giannandrea , ex capo della ricerca di Google e AI. TechCrunch ha riportato la ristrutturazione per la prima volta oggi e Apple ha confermato il cambiamento con un aggiornamento alla sua pagina di leadership esecutiva . Giannandrea sarà ora responsabile della divisione Machine Learning di Apple, del suo team Siri e del team Core ML. Core ML è l’ API di machine learning lanciata lo scorso anno per aiutare i compiti di IA nativi e le app e i servizi orientati all’IA di sviluppatori di terze parti a funzionare in modo più efficiente su dispositivi iOS.

Il titolo ufficiale di Giannandrea sarà il capo dell’apprendimento automatico e della strategia AI, ed è chiaro che la leadership di Apple sta riponendo la sua fiducia nell’esecutivo per rafforzare i suoi sforzi per l’IA. Apple è in ritardo nelle aree IA fondamentali come l’elaborazione del linguaggio naturale e la visione del computer, entrambe necessarie per potenziare le funzionalità di assistente vocale all’interno di Siri e nuove tecnologie più avanzate come app in realtà aumentata basate sul riconoscimento di oggetti.

 

A causa dell’impegno di Apple per la privacy degli utenti e del suo ruolo meno attivo nella comunità di ricerca dell’IA, non è stato in grado di accumulare utili set di dati di apprendimento automatico per addestrare nuovi algoritmi o attirare il tipo di talento di ricerca che Facebook, Google e altre Silicon Valley I giganti hanno pagato il miglior dollaro negli ultimi anni.

Ciò ha messo Apple in grave svantaggio in mercati nuovi e redditizi come la casa intelligente. Inoltre, i prodotti Apple di lunga durata come Mappe e Foto sono stati aggiornati grazie a alternative di qualità superiore di Google e altri che hanno il vantaggio di un software AI più robusto. Con Giannandrea in controllo di tutti gli sforzi di intelligenza artificiale di Apple, sembra che l’azienda spera che una visione più unificata, risorse condivise e una collaborazione più stretta possano aiutarlo a recuperare il tempo perduto.

Di ihal

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi