Home / AI tecnologia / Londra la polizia e il riconoscimento facciale con una percentuale di falsi positivi del 98%

Londra la polizia e il riconoscimento facciale con una percentuale di falsi positivi del 98%

Il capo della polizia di Londra “completamente a suo agio”, utilizzando il riconoscimento facciale con una percentuale di falsi positivi del 98%

La tecnologia è stata sperimentata nel Regno Unito ma finora ha portato a zero arresti

Il capo della forza di polizia metropolitana di Londra ha difeso i processi in corso dell’organizzazione sui sistemi di riconoscimento facciale automatizzati, nonostante le sfide legali e le critiche secondo cui la tecnologia è “quasi del tutto inaccurata”.

Secondo un rapporto del Registro , il commissario della polizia metropolitana britannica Cressida Dick ha detto oggi che non si aspettava che la tecnologia conduca a “molti arresti”, ma ha affermato che il pubblico “si aspetta” che le forze dell’ordine “mettano alla prova questo taglio sistemi di sicurezza.

IL RICONOSCIMENTO FACCIALE VIENE UTILIZZATO PER SCANSIONARE I VOLTI DELLE FOLLE NEGLI EVENTI PUBBLICI
L’uso del Met della tecnologia di riconoscimento facciale automatizzata (AFR) è controverso. La forza di Londra è una delle tante nel Regno Unito che sperimenta la tecnologia, che viene dispiegata in occasione di eventi pubblici come concerti, festival e partite di calcio. Le telecamere TVCC mobili vengono utilizzate per analizzare le folle e cercano di abbinare immagini di volti a foto segnaletiche di persone ricercate.

Ma mentre il riconoscimento facciale si comporta bene in ambienti controllati (come le foto scattate ai bordi), essi lottano per identificare i volti in natura. Secondo i dati diffusi in base alle leggi sulla libertà di informazione del Regno Unito, il sistema AFR del Metropolitan ha un tasso di falsi positivi del 98%, il che significa che il 98% delle “partite” che fa sono di persone innocenti.

Delle due partite corrette che la tecnologia del Met ha fatto fino ad oggi, non ci sono stati arresti. Una partita era per un individuo in una lista di sorveglianza scaduta; l’altro per una persona con problemi di salute mentale che spesso contatta figure pubbliche, ma non è un criminale e non è ricercato per l’arresto. Il Met afferma che i sistemi AFR sono costantemente monitorati dagli agenti di polizia e che nessun individuo è stato arrestato a causa di una falsa partita.

In Cina, la polizia ha persino iniziato a utilizzare occhiali da sole con riconoscimento facciale.
Credito: AFP / Getty Images
Nonostante ciò, Big Brother Watch, l’organizzazione che ha richiesto i dati del Regno Unito, avverte che la tecnologia di riconoscimento facciale viene utilizzata senza un adeguato controllo o dibattito pubblico. Il no-profit afferma che il riconoscimento facciale automatizzato rischia di trasformare tutti gli spazi pubblici in punti di controllo biometrici e che la tecnologia potrebbe avere un effetto raggelante sulla società libera, con individui spaventati a partecipare alle proteste per paura di essere identificati e arrestati.

Paure simili vengono espresse negli Stati Uniti, dove tecnologie di riconoscimento facciale di facile utilizzo come il sistema Rekognition di Amazon vengono commercializzate e vendute alle forze dell’ordine in tutto il paese. Un recente rapporto sull’argomento del gruppo di difesa ha affermato che “il riconoscimento facciale è destinato a diventare una delle tecnologie di sorveglianza più pervasive”.

Nel Regno Unito, ci sono due sfide legali in corso che mettono in discussione se la tecnologia di riconoscimento facciale mina i diritti umani alla privacy e alla libertà di espressione. Come riporta The Register , quando il commissario Dick è stato interrogato in merito a questa udienza questa settimana, ha risposto che era “completamente a suo agio” con l’uso della tecnologia, e che gli avvocati del Met erano “dappertutto e sono stati fin dall’inizio”.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi