Home / chatbot / La maggior parte degli americani non distingue un bot da una persona

La maggior parte degli americani non distingue un bot da una persona

La maggior parte degli americani afferma di non poter dire la differenza tra un social media bot e un umano

La maggior parte degli americani afferma di non poter dire ai robot dei social media di esseri umani veri e la maggior parte è convinta che i bot siano cattivi, secondo un nuovo studio del Pew Research Center . Solo il 47% degli americani è piuttosto fiducioso di poter identificare i robot dei social media da veri umani. Al contrario, la maggior parte degli americani intervistati in uno studio sulle notizie false era sicura di poter identificare storie false.

Lo studio del Pew è uno sguardo insolito su ciò che la persona media pensa di questi account automatizzati che affligge le piattaforme di social media. Dopo aver esaminato oltre 4.500 adulti negli Stati Uniti, Pew ha scoperto che molte persone in realtà non sanno molto dei bot. Due terzi degli americani hanno almeno sentito parlare di bot dei social media, ma solo il 16% dichiara di aver sentito molto parlare di loro, mentre il 34% dichiara di non averne mai sentito parlare. Gli esperti tendono ad essere più giovani e gli uomini sono più propensi delle donne (di 22 punti percentuali) a dire di aver sentito parlare di robot. Poiché i risultati del sondaggio sono auto-segnalati, c’è la possibilità che le persone stiano esagerando o sottostimando la loro conoscenza dei robot.

L’80% DELLE PERSONE PENSA CHE I ROBOT SIANO CATTIVI
Di quelli che hanno sentito parlare di robot, l’80% dice che i conti sono usati per scopi cattivi. Indipendentemente dal fatto che una persona sia repubblicana o democratica o giovane o vecchia, la maggior parte pensa che i robot siano cattivi. E più che una persona conosce i bot dei social media, meno sono solidali con i bot utilizzati per vari scopi, come gli attivisti che attirano l’attenzione su argomenti o un partito politico che usa i bot per promuovere i candidati.

Nel complesso, la relazione dà l’impressione che la maggior parte degli americani sia preoccupata e non possa fare molto per identificare i bot. Tuttavia, i ricercatori hanno già messo a punto strumenti per combattere i robot. Uno dei più recenti è un algoritmo proposto dagli accademici del MIT Sloan che distinguerebbe i robot dagli umani in base a come interagiscono con altri account. L’idea generale è che se un account è molto attivo e altri non lo stanno parlando, potrebbe essere un bot.

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi